lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Gioia Tauro, approvato il Piano triennale e il Bilancio di previsione

Spadoni

Gioia Tauro, approvato il Piano triennale e il Bilancio di previsione

GIOIA TAURO  - L'Autorità portuale di Gioia Tauro durante la riunione del Comitato portuale, che ha concluso il 2018, ha approvato il Piano Operativo Triennale 2019 – 2021 e il Bilancio di previsione 2019.
Non essendo stata ancora completata la trasformazione in Autorità di Sistema, il commissario straordinario, Andrea Agostinelli, nella redazione del POT 2019-2021 ha dato seguito a quanto già tracciato nella precedente pianificazione infrastrutturale, ponendosi come propri parametri di rifermento quelli indicati nel “Piano Strategico Nazionale della Portualità e della Logistica”, approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri il 7 agosto 2015, e nei successivi allegati al Documento di Economia e Finanza dedicati alle infrastrutture per gli anni 2016-2017-2018.

Tenuto conto dell’Accordo di Programma Quadro, sottoscritto lo scorso agosto con la Regione Calabria, la redazione del Piano Operativo Triennale 2019 – 2021, il segretario generale, Saverio Spatafora, si colloca quindi nel contesto di infrastrutturazione già avviato dall'Ente per lo sviluppo dei cinque porti di competenza (Gioia Tauro – Crotone – Villa San Giovanni – Palmi – Corigliano Calabro).
Nello specifico, con lo sguardo rivolto al porto di Gioia Tauro, in seguito all’analisi della crisi internazionale che ha investito gli scali di puro transhipment, prosegue l’attività di pianificazione della diversificazione delle attuali attività lavorative. Al centro di tale strategia vi è la realizzazione del bacino di carenaggio, per il quale, dopo essere stata completata la prima fase di programmazione, si procederà alla definizione della relativa gara pubblica. Tra le altre opere previste, è stato pianificato il rifacimento urbanistico dell’area ex Enel attraverso la riqualificazione della viabilità, della segnaletica, dell’illuminazione e del sistema di raccolta delle acque bianche. Al fine di assicurazione una ulteriore e maggiore sicurezza delle aree portuali è stato previsto il rifacimento dell’impianto anti intrusione ed anti scavalcamento. Nel contempo, sarà realizzata una piattaforma aerea a supporto delle attività dei Vigili del Fuoco in caso di interventi specifici sulle gru.

Post correlati

Federlogistica Marche, Morandi: “Porti Mare Adriatico Centrale, senza presidente da un anno”

La denuncia di Federlogistica Marche, Morandi: “Basta tergiversare” – “Nonostante il grande lavoro del commissario Pettorino” – “È tempo che […]

Presentazione del libro di Luciano Guerrieri: “Strategie di Sistema e Gestione snella nelle AdSP”

Giovedì 2 dicembre ore 17,30 – 18,30 a Livorno presso la Fortezza Vecchia, sala Ferretti, nell’ambito dell’iniziativa i “giovedì del […]

Trieste Marine Terminal protagonista del premio internazionale Le Fonti Awards

Trieste Marine Terminal protagonista del premio Le Fonti Awards – Stefano Selvatici amministratore delegato della società terminalistica, per il secondo […]


Leggi articolo precedente:
Civitavecchia, di Majo: Nessun posto di lavoro a rischio per Port Mobility

Port Mobility: di Majo (AdSP) “Non ci sono posti di lavoro a rischio”. CIVITAVECCHIA - “L’eventuale revoca di uno dei...

Chiudi