Futuro della cantieristica di Livorno, Guerrieri: “Nessun rischio per dipendenti e imprese”

“Nessuno intende mettere a rischio il futuro delle aziende storiche che operano nelle aree comprese tra Darsena Calafati e Darsena Pisa"  ha rassicurato il presidente dell'Authority, Luciano Guerrieri.
Porto Livorno

LIVORNO – La replica del presidente dell’Adsp Mar Tirreno Settentrionale, Luciano Guerrieri, in merito all’allarme lanciato nei giorni scorsi dalla Lega sul futuro delle aziende cantieristiche del porto di Livorno e per il destino degli 82 dipendenti impiegati dalle cinque imprese che attualmente operano nella macro area.

“Nessuno intende mettere a rischio il futuro delle aziende storiche che operano nelle aree comprese tra Darsena Calafati e Darsena Pisa”  ha rassicurato Guerrieri – “Il nostro obiettivo è solo quello di utilizzare al meglio aree oggi non pienamente valorizzate rispetto al loro possibile potenziale”.

“Alla loro scadenza era ormai fisiologico, in base alla normativa vigente, sottoporre l’utilizzo di quelle aree portuali a procedure di evidenza pubblica, alla quale anche le imprese del territorio potranno partecipare liberamente, presentando un proprio progetto di sviluppo sia per la le riparazioni mercantili che per la realizzazione di imbarcazioni ad uso turistico ricreativo, eventualmente sviluppando anche reciproche sinergie” spiega il presidente dell’Autorità di sistema portuale.

“Sull’area abbiamo ipotizzato un disegno complesso e articolato messo a punto nei mesi scorsi con il supporto del Rina, che ci ha aiutato ad individuare un potenziale mercato di riferimento e un relativo piano industriale previsionale da applicarsi alle aree in questione” aggiunge.

“L’AdSP non è vincolata ad un assoluto allineamento a quel progetto industriale” conclude Guerrieri “ma ci aspettiamo che lo stesso venga considerato uno stimolo concreto per tutti gli imprenditori interessati quanto noi a massimizzare la redditività di quel sedime e, di conseguenza, i livelli occupazionali del comparto”.

In poche parole: “gli aspiranti concessionari potranno presentare le proprie proposte. Noi le valuteremo, valorizzando quelle che meglio si presteranno a rispondere alle esigenze di un uso proficuo del bene demaniale”

LEGGI TUTTO
Trieste terminal PLT, nuovo collegamento intermodale con l'Europa centrale e orientale

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC