Ports > Economia circolare: dal Parlamento Europeo nuovo modello industriale sostenibile /Propeller Club Livorno

Economia circolare: dal Parlamento Europeo nuovo modello industriale sostenibile /Propeller Club Livorno

LIVORNO - Proseguono gli incontri del Propeller Club Port of Leghorn dedicati all’economia, non esclusivamente declinata in chiave marittima. Il prossimo convegno mira ad approfondire il tema della sostenibilità tra ciclo commerciale e utilizzo delle risorse. 
 
Economia circolare: dal Parlamento Europeo svolta per un nuovo modello industriale sostenibile” questo il titolo dell’incontro che vedrà come protagonista l’on Simona Bonafè, in qualità di membro titolare della Commissione Ambiente, Salute Pubblica e Sicurezza alimentare. L’incontro è realizzato in collaborazione con Confcommercio Provincia di Livorno e Banca di Credito Cooperativo di Castagneto Carducci.
 
Si sta gradualmente facendo strada a tutti i livelli - commenta la presidente del club Maria Gloria Giani Pollastrinila consapevolezza che non viviamo in un sistema globale ove le risorse sono infinite e i materiali di risulta possono essere abbandonati in discarica. Lo smaltimento delle navi in disarmo e la gestione degli imballaggi industriali sono soltanto uno dei casi di come quello che spesso è un problema da “conferire altrove” possa trasformarsi in una opportunità, se non altro per il pianeta del quale siamo ospiti noi e i nostri figli”.
 
"La plenaria di aprile ha approvato in via definitiva il nuovo pacchetto Ue sull’economia circolare – spiega l’on. Simona Bonafè -  Siamo riusciti a portare a casa un grande risultato, che pone nuove basi per uno sviluppo economico e sociale europeo sostenibile. Per la prima volta- aggiunge- gli Stati membri, saranno obbligati a seguire misure univoche e condivise sul ciclo di vita delle materie prime e sullo smaltimento dei rifiuti. Un piano ambizioso, con dei paletti chiari e inequivocabili, come quello che rafforza le misure di prevenzione della generazione di rifiuti, estende gli obblighi di raccolta separata ai rifiuti organici, tessili e pericolosi e fissa al 10% la quota massima che potrà essere smaltita in discarica entro il 2035. Il pacchetto, in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, prevede inoltre una riduzione del 50% degli sprechi alimentari e il raggiungimento della soglia del 65% di riciclaggio da parte di tutti gli stati membri. Una battaglia che renderà l'economia del Vecchio continente, tra le più virtuose del mondo"
 
L’incontro si terrà giovedì 19 aprile alle ore 19 nella sala della Fondazione Banca di Credito Cooperativo di Castagneto Carducci in via Cairoli 1.  

Post correlati

Livorno: Le dighe foranee non sono solarium – Provvedimento di divieto di accesso

LIVORNO – Da questa estate non sarà più possibile abbronzarsi sulle dighe foranee del porto o usare una delle banchine […]

Gestione rifiuti e ambiente: Il modello economico dell’economia circolare /Propeller Club Livorno

LIVORNO – Si può coniugare un approccio verde con una serie di risparmi per le aziende, che riciclando tagliano i […]

Il cluster marittimo-portuale compatto contro la procedura d’infrazione UE

ROMA – A seguito della notizia ricevuta riguardante la procedura attivata dalla Commissione Europea in materia d’imposizione fiscale sui canoni, […]


Leggi articolo precedente:
UE: Cartellino giallo alle Authority italiane – “Concessioni e canoni sono aiuti di stato”

L'UE classifica -aiuto di Stato- pertanto concorrenza sleale nei confronti dei porti europei, la riscossione da parte delle Authority italiane...

Chiudi