Confindustria: “Interazione tra industria e logistica per un Paese più competitivo”

Lorusso, vicepresidente Confindustria: "l'interazione tra industria e logistica è indispensabile per essere competitivi" -
Neri Lorusso

LIVORNO – Il vicepresidente di Confindustria con delega all’Economia del Mare, Pasquale Lorusso, ha incontrato oggi a Livorno il presidente di Confindustria Livorno Massa Carrara, Piero Neri, per definire un masterplan sul tema marittimo-portuale da sottoporre all’attenzione del governo. La strategia è quella di sviluppare un’interazione tra industria e logistica e rendere strutturale questo legame per un’economia più competitiva e per aumentare l’attrattività dei territori, contribuendo alla crescita degli investimenti.

Confindustria LI MS è impegnata nel progetto per la reindustrializzazione della costa toscana. Siamo convinti che le direttrici dei traffici internazionali e le aree geografiche a elevata produttività manifatturiera troveranno nei porti di Carrara, Livorno e Piombino e nell’intermodalità collegata, forti motivi di attrattività sia per la collocazione geografica sia per l’alta specializzazione di importati player della logistica già operanti sulla costa della Toscana. Inoltre il processo di fusione in atto tra le Associazioni Livorno Massa Carrara e Firenze, permetterà di unire la manifattura dell’area metropolitana e i poli logistici costieri”.

L’obiettivo del consolidamento e dello sviluppo del sistema manifatturiero operante sulla Toscana costieraha proseguito il presidente degli industriali della costa – ha comportato la concretizzazione negli ultimi tempi del potenziamento dei collegamenti ferroviari sia dal porto di Livorno all’Interporto Vespucci, sia direttamente all’Interporto. Si tratta di sfruttare più intensamente la rete di intermodalità che certamente costituisce un fattore attrattivo anche per nuovi investitori. Sarà per questo decisivo rendere stabile e continuativo il rapporto con la Regione e le Istituzioni interessate, da cui è già scaturito l’inserimento nella pianificazione urbanistica dell’area livornese,la previsione della realizzazione di un polo industriale manifatturiero oltre che l’avvio della progettazione di collegamenti ferroviari finanziati per 337 milioni, che collegheranno i siti industriali da Piombino a Livorno ai mercati europei, completando il disegno progettuale iniziato con i lavori dello “Scavalco” ferroviario , opera necessaria per fare defluire contenitori e merce dalle banchine verso l’Interporto per le loro destinazioni”.

LEGGI TUTTO
Assemblea Asamar - Livorno fa squadra con il porto per la partita del futuro

Il vicepresidente Lorusso, accompagnato dal vicepresidente del Comitato nazionale Piccola Industria con delega all’Economia del Mare Giuseppe Ranaldi, e dall’Advisor per i Trasporti e Logistica Francesco Rossi, ha dichiarato: “Dall’incontro di oggi con le imprese legate all’Economia del Mare associate a Confindustria Livorno Massa Carrara è emerso con chiarezza che l’interazione tra industria e logistica è indispensabile per essere competitivi. Occorre, quindi, continuare a lavorare in questa direzione per rafforzare e rendere strutturale questo legame, al fine di aumentare l’attrattività dei territori, contribuendo alla crescita degli investimenti e dei traffici marittimi che generano occupazione e ricchezza. In questo quadro, il sistema portuale fra Savona e Piombino rappresenta un esempio di eccellenza, il cui ruolo strategico per l’Italia e l’Europa va incrementato attraverso infrastrutture di collegamento ferroviario e viario e l’istituzione della relativa Zona Logistica Semplificata”.

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC