lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Civitavecchia, Marina Yachting inchiesta archiviata

Civitavecchia, Marina Yachting inchiesta archiviata

CIVITAVECCHIA - Archiviata l’inchiesta sul Marina yachting che sorgerà all'interno del porto storico di Civitavecchia. Si è svolta infatti l'udienza davanti al giudice per le udienze preliminari che ha rigettato l’opposizione presentata dal Sig. Mensurati, disponendo l’archiviazione del procedimento, che era stata richiesta dal Pubblico Ministero, dott. Gentile, nel settembre 2019.

L’indagine fu avviata dalla Guardia di finanza nel 2019, a seguito di una denuncia penale presentata dal dott. Mensurati in cui questi lamentava anomalie nello svolgimento della procedura (nell’ambito di una Conferenza di Servizi, convocata e presieduta dal Sindaco di Civitavecchia) per l’affidamento della concessione per la realizzazione e gestione di un approdo turistico nel porto di Civitavecchia, al termine della quale venne indicata la società Roma Marina Yachting – joint venture tra Port Mobility ed i Porti di Monaco, rappresentati dalla Société Monégasque Internationale Portuaire – per la realizzazione del progetto, con la seconda società, la Porto Storico, che presentò anche diversi ricorsi al Tar.

Nel registro degli indagati finirono i fratelli Guido ed Edgardo Azzopardi e gli ex vertici dell’Autorità di Sistema Portuale di Civitavecchia, l'ex presidente avv.Francesco Maria di Majo e l'ex segretario generale dott.ssa Roberta Macii.

Ad oltre due anni dall’avvio delle indagini, pertanto, il giudice del Tribunale di Civitavecchia Paola Petti ha rigettato l’opposizione alla richiesta di archiviazione già presentata e ribadita dal pubblico ministero Alessandro Gentile il quale non ha ravvisato elementi tali da proseguire nell’accusa di presunta turbativa d’asta. «La notizia di reato – ha infatti scritto il pm – è infondata, o comunque non vi sono elementi sufficienti a sostenere l’accusa in giudizio».

Come si legge nel magazine digitale Port News:  “Tutte le accuse formulate dal denunciante – precisa l’avvocato difensore di Di Majo e della Macii, Mereu- erano state rigettate dal PM in quanto non solo prive di riscontriprobatori ma addirittura perché confutate dalle diverse iniziative ed azioni giudiziali, a tutela dell’erario, avviate dall’ente, durante la presidenza dell’avv. di Majo, nei confronti sia della società Port Mobility che della società controllante, la Rogedil, di proprietà della famiglia Azzopardi; ciò a dimostrazione dell’assenza della supposta collusione tra i vertici dell’ente e i fratelli Azzopardi. Inoltre, nel corso delle indagini è emersa, altresì, l’assenza di qualsivoglia tentativo da parte del vertice dell’AdSP di voler condizionare le decisioni e quindi l’esito della Conferenza di Servizi (come peraltro anche confermato dal Sindaco di Civitavecchia).

Con il provvedimento del 24.02.2022 del Tribunale si chiude quindi finalmente questa lunga ed incresciosa vicenda penale il cui contenuto, proprio in ragione dei noti contrasti tra l’AdSP e Port Mobility/Rogedil che hanno contrassegnato praticamente l’intero mandato dell’avv. di Majo (peraltro oggetto anche di notizie di stampa), è sembrato, non solo alle persone denunciate ma a molti operatori portuali, del tutto inverosimile. La denuncia penale, è risultata, infatti, fondata su un “castello” accusatorio del tutto inconsistente frutto di immaginarie e fantasiose supposizionie collegamenti tra diversi eventi ed atti, di diversa natura, che non hanno trovato riscontro alcuno nel corso delle approfondite indagini che hanno comportato anche perquisizioni nei confronti dei denunciati.

Ancora una volta, da una denuncia penale, che ha pregiudicato l’immagine dell’ente e gettato immotivatamente fango sul suo vertice cercando di delegittimarlo, è emersa l’assoluta correttezza dell’agire dell’amministrazione dell’ente portuale durante il mandato dell’avv. di Majo e della dottoressa Macii. Analogamente alla vicenda della c.d. “guerra delle banane” (in cui anche i vertici dell’ente furono oggetto di due denunce penali, peraltro da parte di due società in conflitto tra loro, sic!, e tutte archiviate in via definitiva), anche in questo caso, vi è stato peraltro un parallelo procedimento davanti ai giudici amministrativi favorevole all’amministrazione pubblica. Il TAR Lazio, con sentenza del 27 luglio 2021, ha infatti respinto (in quanto inammissibile) il ricorso presentato dalla società che ha partecipato alla gara per il porto turistico e che fa capo al denunciante, confermando la legittimità delle determinazioni assunte dalla Conferenza di Servizi in merito alla esclusione di tale società dalla procedura di gara”.

“L’avvocato Francesco Maria di Majo e la dott.ssa Roberta Macii– continua l’avv. Mereu – che hanno sempre confidato nell’operato degli organi di giustizia, esprimono la propria soddisfazione per la celere definizione del giudizio di opposizione. Essi, tuttavia, non possono esimersi dall’osservare che questa assurda denuncia penale, che presenta degli aspetti “kafkiani” quanto in particolare alla supposta collusione denunciata, pur definitivamente archiviata e conclusa, difficilmente potrà essere dimenticata in considerazione delle ripercussioni che essa ha avuto nella loro vita privata e professionale. Ma soprattutto, dal punto di vista più generale, questa incresciosa vicenda penale, nonostante l’epilogo positivo, rischia ancora una volta di rappresentare un monito e un “freno” per i presidenti delle AdSP rispetto alle azioni che essi sono ripetutamente chiamati a compiere nell’interesse dello sviluppo del porto o a tutela dell’erario. La presente denuncia penale rientra, infatti, tra quelle (purtroppo crescenti) denunce penali che hanno avuto come destinatari i Presidenti dell’AdSP(soprattutto in relazione alle vertenze sulle concessioni demaniali e sugli appalti pubblici) e che si sono dimostrate, quasi sempre,del tutto infondate e quindi strumentali al fine di delegittimare e “fiaccare” psicologicamente i Presidenti dell’AdSP (tenuto conto anche dalla diffusione che purtroppo tali denunce riescono ad avere sulla stampa), i quali sono costretti a difendersigiudizialmente. Tale approccio segue nella gran parte dei casi un doppio binario: ricorso al TAR e denuncia penale, paralizzando così l’amministrazione attiva dell’ente con la sospensione delle procedure amministrative relative alle concessioni demaniale e/oagli appalti pubblici. In questo scenario, i Presidenti dell’AdSP, coadiuvati dai Segretari Generali e dai dirigenti dell’AdSP, sono, tuttavia, chiamati sempre di più ad assumersi responsabilità adottando, in nome dell’ente, atti amministrativi (segnatamente decreti ed ordinanze), volti ad assicurare il corretto funzionamento dei porti e lo sviluppo delle infrastrutture portuali e dei servizi logistici”»

Post correlati

Spezia, nuovo Molo crociere su Calata Paita partita la 2° fase della gara

Partita la seconda fase della gara per il nuovo Molo crociere su Calata Paita. Privilegiate le proposte in grado di […]

Trieste Marine Terminal apre ad ospiti del settore – Trend di forte crescita nel Project Cargo

Molo VII accoglie ospiti del settore illustrando le proprie potenzialità anche nel settore del carico oltre sagoma  – TMT si […]

Sindacati: Stabilizzare i lavoratori somministrati del porto di Genova, urge incontro con Signorini

Genova – Si sono appena conclusi gli scioperi sulle banchine livornesi, sebbene siano ancora aperti molti coni d’ombra, che nel […]


Leggi articolo precedente:
Pincess Nicole
Due portarinfuse ucraine e 50 marittimi “sotto fermo” dalla flotta russa – Kiev: “Atto di pirateria”

Cresce la preoccupazione per il benessere di migliaia di marittimi, sia in mare che a terra, poiché l'invasione russa dell'Ucraina...

Chiudi