lorenziniterminal
grimaldi
Logistic & Transport > Tir, distributori interni di carburante nuovi obblighi – TrasportoUnito, metodo repressivo

Tir, distributori interni di carburante nuovi obblighi - TrasportoUnito, metodo repressivo

ROMA - "Pur condividendo l'esigenza di regolamentare al meglio l'uso dei carburanti, ancora una volta è stata scelta la strada peggiore: quella che transita attraverso un metodo repressivo, nonché l’imposizione di obblighi, adempimenti e sanzioni".  Queste le parole di Maurizio Longo segretario nazionale di TrasportoUnito, a commento della decisione presa dal Governo che a partire dal mese di aprile, impone alle imprese di autotrasporto, che utilizzano distributori di carburante posizionati nei loro piazzali, l'obbligate di nuovi adempimenti in materia di accise. Si legge in sapere in una nota diffusa da  Trasportounito, che resi da aprile ricorre l'obbligo, preso unilateralmente dal Governo senza consultare le organizzazioni di rappresentanza, per i distributori interni di carburante (superiori a 5 metri cubi) di presentare una istanza/denuncia dell'attività di erogazione agli uffici delle Agenzie delle Dogane competenti per territorio, nonché la tenuta del registro di carico e scarico e la conseguente dichiarazione di fine anno.

"Muovendo da un'analisi più approfondita - ha  concluso Longo- si sarebbero raggiunti i medesimi risultati garantendo però all'autotrasporto contropartite in materia di acquisti collettivi di carburante, procedure semplificate e contenimento dei costi. Ma come sempre accade, è più facile imporre nuova burocrazia, controlli e sanzioni, che guardare in faccia la realtà e condividere soluzioni di prospettiva”.
Tutto questo, solo per le imprese di autotrasporto; escludendo le attività agricole e industriali che pure sono coinvolte; si tratterà di far fronte a un costo amministrativo che, fra istanze, regolamentazioni comunali, vigili del fuoco, verifiche, controlli e comunicazioni, è stimato in 30 milioni di euro annui.

Le imprese che non si metteranno in regola, a partire dai consumi di carburante effettuati dal prossimo mese di aprile, non potranno beneficiare del recupero trimestrale delle accise.

Post correlati

Piero Neri alla guida di Confindustria Livorno Massa Carrara, vice presidente Matteo Venturi

Il Consiglio Generale di Confindustria Livorno Massa Carrara ha nominato la squadra che guiderà l’Associazione per il mandato 2020-2024. Piero […]

Confetra: Senza Sportello Unico Doganale, l’Italia fuori dalla logistica europea e-commerce

ROMA – “Sia reso operativo lo Sportello Unico Doganale e dei Controlli”- “Sarebbe ingiustificabile varare un DL Semplificazioni senza occuparsi […]

L’economia del Nord Ovest paga i conti dei ritardi infrastrutturali – Lettera aperta, Giachino

“Da giorni e giorni arrivare in Liguria per passeggeri e merci è diventato un calvario. Tutti i lavori per la […]


Leggi articolo precedente:
Hapag Loyd
THE Alliance, dal 1 aprile tre nuovi servizi tra Asia e Medio Oriente

THE Alliance, la cooperazione tra i gruppi armatoriali: Hapag-Lloyd, Hyundai Merchant Marine (HMM), Ocean Network Express (ONE) e Yang Ming,...

Chiudi