lorenziniterminal
grimaldi
Environment - Sustainability > Grimaldi (Alis): Incentivi per il trasporto intermodale, mai come oggi sono necessari

Grimaldi (Alis): Incentivi per il trasporto intermodale, mai come oggi sono necessari

Guido Grimaldi, presidente Alis:  «Rendere strutturali le misure incentivanti Marebonus e Ferrobonus» - «Occorrono misure urgenti a supporto di tutte quelle imprese che vogliono investire nella riduzione delle emissioni inquinanti».

ROMA - «Mai come oggi sono necessari incentivi per il trasporto intermodale» - così Guido Grimaldi, presidente di Alis è intervenuto alla riunione del consiglio direttivo dell'Associazione della Logistica dell'Intermodalità Sostenibile -  «Evidenziamo con piacere e soddisfazione alcuni interventi importanti previsti dal governo nel cosiddetto decreto-legge Infrastrutture, come quelli in tema di revisioni dei mezzi pesanti e di “Progetto 18”, ma - ha sottolineato il presidente di Alis - siamo inoltre convinti che mai come oggi siano necessari incentivi volti allo sviluppo del trasporto intermodale dal momento che, nonostante politiche orientate ad accelerare il processo di transizione ecologica ed energetica, la tecnologia non permette ancora di essere totalmente carbon-free ed è per questo che occorrono misure urgenti a supporto di tutte quelle imprese che vogliono investire nella riduzione delle emissioni inquinanti ed agire con comportamenti virtuosi in tale direzione».

Grimaldi ha fatto presente che «anche la presidente della Commissione UE, Ursula von der Leyen, e il presidente USA, Joe Biden, hanno recentemente rivolto un appello affinché le politiche green previste per il 2030 e 2050 abbiano un ulteriore impulso poiché non sufficienti a garantire una soluzione concreta per la salvaguardia dell'ambiente. Nel nostro settore chiediamo pertanto di rendere strutturali le misure incentivanti Marebonus e Ferrobonus, aumentandone la dotazione finanziaria fino a 100 milioni all'anno per ciascuna misura, ma anche di prevedere nuovi incentivi anche a fondo perduto per giungere in tempi rapidi al rinnovo del parco mezzi stradale, navale e ferroviario, considerando ad esempio che nell'autotrasporto il parco circolante italiano è secondo per anzianità solo alla Grecia, nonostante positivi esempi e impegno concreto da parte delle aziende associate ad ALIS».

Grimaldi ha aggiunto che «a supporto delle esigenze del settore e della necessità di investire maggiormente nell'intermodalità, con il Centro Studi ALIS abbiamo oggi presentato un'analisi che rappresenta la fotografia sullo scenario economico globale, registrando in particolare come la pandemia abbia determinato tra i suoi effetti anche un aumento dei prezzi delle materie prime e quindi del costo del trasporto ma, allo stesso tempo - ha concluso - evidenziando come l'intermodalità marittima ro-ro intra-mediterranea risulti essere il comparto maggiormente resiliente, dato molto interessante se consideriamo che il solo trasporto marittimo rappresenta circa il 90% del trasporto mondiale di merci».

Post correlati

Grimaldi Lines a supporto di LIFE Conceptu Maris, progetto di monitoraggio specie protette

Napoli, – Un monitoraggio multidisciplinare con l’obiettivo di conoscere e tutelare l’habitat naturale di cetacei e tartarughe marine, che tra […]

L’appello di Assarmatori all’UE: “Trasporto marittimo nell’ETS, tutelare le Autostrade del Mare”

Inserimento del trasporto marittimo nell’ETS (Emission Trading System, parte del pacchetto Fit for 55) l’appello di Assarmatori in vista dell’accordo […]

Ports of Genoa vince l’Oscar di Bilancio 2022 per la sostenibilità

GENOVA – L’Autorità di Sistema portuale della Liguria Occidentale (Ports of Genoa – porti di: Genova, Pra’, Savona, Vado) ha […]


Leggi articolo precedente:
Venezia e Chioggia si dotano di Pilot Portable Unit, i sistemi di ausilio alla navigazione

Tre nuovi sistemi di ausilio alla navigazione -  Pilot Portable Unit (PPU) - per aumentare la sicurezza e l’efficienza della...

Chiudi