lorenziniterminal
grimaldi
Logistic & Transport > Fedespedi, Moretto: Recovery Fund, puntare su digitalizzazione, connettività e sostenibilità

Fedespedi, Moretto: Recovery Fund, puntare su digitalizzazione, connettività e sostenibilità

Interviene la presidente di Fedespedi, Silvia Moretto: Recovery Fund "Occorre portare avanti istanze che possano giovare alle imprese di spedizioni e a tutti i comparti della catena logistica con ricadute positive per il Paese".

MILANO - Digitalizzazione, connettività e sostenibilità sono le priorità indicate da Fedespedi - Federazione nazionale delle Imprese di Spedizioni internazionali- per il programma di spesa che l’Italia dovrà presentare in Europa entro il 15 ottobre nell'ambito del Recovery Fund, strumento europeo con l’obiettivo di arginare l’impatto devastante del coronavirus.

“I tempi sono stretti – commenta la presidente di Fedespedi, Silvia Moretto – ma siamo davanti a una grande opportunità. Occorre essere concreti e portare avanti istanze che possano giovare alle imprese di spedizioni e a tutti i comparti della catena logistica con ricadute positive per il Paese. Sappiamo, infatti, che alla logistica si deve il 9% del Pil del Paese ed è il motore del nostro import-export. I temi della digitalizzazione, connettività e sostenibilità sono i dossier su cui siamo impegnati da tempo, coerenti con le aree di intervento tracciate dalla Commissione Europea e che promuoviamo insieme alla nostra Confederazione Confetra.”

“Digitalizzazione è la grande sfida che il Covid-19 ha reso ancora più vicina: snellire i processi e rendere disponibili documentazioni da remoto è stato indispensabile nei mesi di lockdown ma deve diventare la prassi. Le imprese di spedizioni sono gravate da innumerevoli adempimenti burocratici. Uno scambio documentale snello con gli altri operatori e con le autorità pubbliche di interfaccia ci farebbe guadagnare in termini di efficienza e servizio reso alla clientela. Naturalmente perché ciò sia possibile occorre avere un sistema di connessioni adatto e in questo senso i fondi europei possano fare la differenza. Durante i mesi di stop, il lavoro e lo scambio di informazioni da remoto sono stati improvvisati, questo è il momento invece di pianificare e garantire formazione, strumenti e reti adeguate.”

“Il tema delle connessioni è cruciale anche dal punto di vista infrastrutturale – aggiunge la presidente Moretto. Quelle italiane non sono all’altezza. Il Piano del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ‘Italia Veloce’ contiene le opere di realizzazione necessaria e urgente e si muove, dunque, nella giusta direzione. Bisogna, però, spingere sull’execution ed evitare la stasi nella fase della concretizzazione che caratterizza, purtroppo, la progettualità italiana. Con un sistema di connessione tra gli hub logistici del Paese all’avanguardia possiamo garantire, infatti, che le merci in export partano dai nostri porti e aeroporti, evitando trasferimenti su strada verso il Nord Europa. Questo ci permette anche di liberare le arterie stradali e snellire il traffico su gomma che pone problemi in termini di sicurezza e impatto ambientale.”

“Un programma di rilancio credibile non può, infatti, trascurare la sostenibilità. È un tema che ci tocca da vicino e che è leva di crescita e fattore di competitività ad alto potenziale per le imprese, se interpretato nella sua concretezza e non solo quale strategia di marketing. Dare alle imprese incentivi per progettare e realizzare soluzioni a basso impatto è, dunque, fondamentale nel nostro settore. Il comparto logistico è responsabile di rifiuti – pensiamo ai costi del packaging – e di emissioni derivanti dall’attività di trasporto. Un impatto ambientale consistente accentuato dal perseguimento della logica del ‘just in time’ e dalla ricerca della convenienza a ogni costo. L’e-commerce e la Rotta Artica sono due esempi eclatanti che evidenziano la gravità della situazione e la brevità dell’orizzonte temporale in cui bisogna agire. Pensiamo, quindi, a interventi che permettano alle imprese di essere più sostenibili e di sensibilizzare anche la propria clientela attraverso l’ingresso di nuove competenze in azienda”.

“Un altro dossier sul quale ci stiamo muovendo è, infatti, quello della formazione, conclude la presidente di Fedespedi. È un altro dei temi di ‘Progettiamo il Rilancio’, il piano del Consiglio dei Ministri che identifica le macro-aree al cui interno collocare le proposte per il ‘Recovery Fund’. È un dossier che tiene insieme tutti gli altri: prevede il potenziamento della formazione tecnica che è vitale per il nostro settore e mira a adeguare le competenze alle necessità della società. Queste oggi non possono che essere digitalizzazione e sostenibilità nella consapevolezza che l’innovazione tecnologica può essere anche lo strumento attraverso cui implementare soluzioni a basso impatto ambientale.”.

Post correlati

La logistica difende l’autonomia del settore – A De Micheli: “No all’equiparazione a servizi postali”

In una iniziativa unitaria le associazioni della logistica e dei trasporti: Confetra, Fedespedi, Fedit, Anita, Confartigianato Trasporti, Conftrasporto e CNA […]

FS Italiane-Snam accordo per lo studio dell’idrogeno nel trasporto ferroviario

ROMA – Lo sviluppo e la diffusione dei trasporti ferroviari a idrogeno in Italia è stato l’oggetto dell’accordo sottoscritto tra […]

Autostrade del Mare/Marebonus – Il Mit sblocca le risorse: 30 mln per il 2020

Il ministero delle Infrastrutture e Trasporti con decreto (n. 181 del 14 ottobre 2020) “risorse aggiuntive Marebonus” (VAI AL DECRETO) […]


Leggi articolo precedente:
Cap Jackson
Panama, Incendio portacontainer Cap Jackson, il carico non è danneggiato

In seguito all'incendio divampato a bordo della nave portacontainer Cap Jackson il 29 luglio scorso "non sono stati rilevati danni...

Chiudi