lorenziniterminal
grimaldi
Logistic & Transport > Conftrasporto, Uggè: Libera circolazione delle merci, nel Manifesto per l’Europa

Conftrasporto, Uggè: Libera circolazione delle merci, nel Manifesto per l'Europa

Confcommercio e Conftrasporto presentano il Manifesto per L'Europa.

ROMA -Le elezioni europee sono troppo importanti per non partecipare: senza un sistema di trasporti efficiente, tutta l’economia si ferma e le merci rimangono negli scaffali di chi le produce". A dirlo è Paolo Uggè, vicepresidente di Confcommercio e Conftrasporto, nell'invito rivolto al mondo associativo ad andare a votare. “Perché c’è ancora molta strada da fare, anche sul fronte dell’accessibilità e della libera circolazione delle merci che - spiega - sono obiettivi distintivi dell’Ue, ma non sono stati ancora pienamente attuati”.

Conftrasporto-Confcommercio ha presentato ieri il Manifesto per l'Europa rivolto a tutte le forze politiche e ai candidati, sintetizzabile in alcuni punti: Realizzare le reti Ten-T, rafforzare lo Spazio europeo dei trasporti omogenei, contrastare la concorrenza sleale, perseguire la sostenibilità ambientale, avere una visione continentale per gestire, e non subire, la ‘Nuova via della Seta’.

Le azioni per arrivare a questi obiettivi, fanno sapere le Confederazioni in un documento congiunto, si riassumono attraverso 5 traiettorie:
1) Rafforzare l’impegno dell’UE per la realizzazione delle reti Ten-T potenziandone la dimensione euro-mediterranea, a cominciare dal completamento del Corridoio mediterraneo e della Torino-Lione.
2) Valutare gli effetti delle politiche settoriali promosse dall’Unione e dai singoli Stati sull’accessibilità, la competitività, e la coesione dei territori, in relazione a trasporti, energia, ambiente e sicurezza. Tra gli esempi negativi, il contingentamento dei Tir ai valichi alpini, che rischia di penalizzare la competitività di importanti territori italiani ed europei.
3) Sviluppare una visione continentale su ambiziosi programmi di intervento nel settore varati da altri stati, quali la cinese ‘Nuova via della Seta’ per non compromettere il disegno europeo e la legittima sovranità degli Stati su un tema di così grande valenza strategica.
4) Realizzare concretamente lo Spazio unico europeo dei trasporti contrastando ogni forma di concorrenza sleale e dumping sociale nell’autotrasporto, in linea con le indicazioni della Road Alliance recepite in prima lettura dal Parlamento europeo.
5) Perseguire la sostenibilità ambientale, economica e sociale dei trasporti ricercando le soluzioni più efficaci con il rinnovo del parco circolante secondo il principio della neutralità tecnologica e incentivi all’intermodalità via mare e ferro.

Le relazioni commerciali si consolidano sulle reti logistiche e di trasporto. Collegamenti rapidi, sicuri ed economicamente sostenibili migliorano la competitività delle imprese, creano nuove opportunità culturali, formative e lavorative”, conclude il vicepresidente di Conftrasporto.

Post correlati

Ports of Genoa siglato MoU con Dp World per potenziamento filiera logistica e industriale

Firmato a Palazzo San Giorgio un Memorandum of Understanding tra i Ports of Genoa e Dp World. Si avvia una […]

Alis in Commissione TRAN UE, accolte le istanze su criticità trasporto marittimo nel sistema ETS

Di Caterina, Alis è intervenuta presso la Commissione Trasporti del Parlamento Ue, che ha accolto le nostre istanze sulle criticità […]

Logistica farmaceutica, Interporto vespucci: Marras: “Vantaggio competitivo”

LIVORNO – Tante sfide e tante opportunità accompagnano il progetto della piattaforma farmaceutica che nascerà a Pisa: quella di una […]


Leggi articolo precedente:
Merci in calo nei porti di Venezia e Chioggia (-4,14%) dati I° trimestre

I PORTI DEL VENETO RISENTONO DEL CALO DELL’INDUSTRIA ITALIANA NEL I* TRIMESTRE DELL'ANNO- MAI RISULTATI MIGLIORANO SU BASE ANNUA. VENEZIA...

Chiudi