Conftrasporto, fermo tir su continuo aumento carburanti

Blocco Tir

Protestapacifica indetta dagli autotrasportatori Fai-Conftrasporto, che il 7 febbraio si sono dati appuntamento davanti al Mercato Ortofrutticolo di Fondi (Latina), hanno spento i motori e da lì non si sono mossi. Chiedendo risposte e soluzioni per il continuo aumento dei costi del gasolio, del Gnl, dell’ADBlue, che stanno gravando esclusivamente sulle imprese del settore.

“L’aumento del costo del gasolio (+30% nell’ultimo anno e mezzo) e il caro energia (+55%) hanno impattato in maniera negativa sulla catena del freddo e del trasporto alimentare – sottolineano il presidente e il segretario della Fai di Latina, Vincenzo Marzocchi e Diego Pettoni – A questi numeri va aggiunto l’aumento dei ricambi di circa il 15% per la manutenzione dei veicoli. Il prezzo dell’AdBlue è triplicato in pochi mesi, mentre persiste la carenza cronica di autisti. Tutto ciò rischia di costringere le aziende a tagliare i costi andando a compromettere la sicurezza dei mezzi circolanti”.

Nei giorni scorsi il presidente di Conftrasporto-Confcommercio Paolo Uggè, che guida anche la Federazione degli Autotrasportatori Italiani, aveva chiesto la pubblicazione da parte del Governo dei costi minimi di esercizio delle imprese di autotrasporto, per consentire a queste ultime di condividere gli aumenti in questione con la committenza.

LEGGI TUTTO
8 giugno, giornata per la pulizia dei fondali - Parte l'operazione "Spazzamare"

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC