lorenziniterminal
grimaldi
Logistic & Transport > Confetra Friuli Venezia Giulia, commercio internazionale Incoterms 2020

Confetra Friuli Venezia Giulia, commercio internazionale Incoterms 2020

Commercio internazionale 2020, termini di resa: innovazioni ed opportunità dalla catena logistica per le Aziende produttive della Regione

TRIESTE - Nuove regole condivise per il commercio estero: gli Incoterms® 2020, sono fonte di approfondimento da parte della Camera di Commercio Internazionale (ICC) che opera per la liberalizzazione degli scambi e degli investimenti, quali fonte di crescita globale dell’economia in condizioni di stabilità e di pace. Allo studio di ICC i contratti di compravendita internazionali per dividere convenzionalmente fra venditore ed acquirente i costi del trasporto, di assicurazione e del disbrigo delle pratiche doganali. La nuova edizione degli Incoterms® 2020 sarà quindi emessa nell'ultimo trimestre del 2019, andando a sostituire sostituirà la precedente del 2010.

Sulla questione interviene Stefano Visintin, presidente CONFETRA Friuli Venezia Giulia: " In considerazione della rapidità con cui si evolve il commercio internazionale,anche le sue regole diventano presto obsolete e vanno quindi rivedute e corrette periodicamente. Dalle prime indicazioni che stanno emergendo dai lavori della ICC, due modalità di acquisto frequentemente utilizzate in Italia, ovvero la vendita franco fabbrica (EXW) e l'acquisto franco arrivo (DDP) sono destinate a scomparire. 

A mio giudizio correttamente in quanto sono in aperta contraddizione con il Codice Doganale Europeo. Inoltre, per ogni imprenditore italiano che rinuncia a gestire le proprie spedizioni all'estero, c'è sempre un imprenditore cinese o indiano che è ben felice di curarsene, in quanto consapevole di poter creare profitto anche dalla logistica dei propri prodotti. CONFETRA F.V.G. desidera essere a fianco degli imprenditori regionali e delle loro associazioni di categoria, affinché il passaggio dalla vendita ex work ad altre condizioni di vendita che incorporano una parte di logistica del prodotto, venga interpretato con successo e profitto, non vissuto come l'ennesima seccatura. 

Ma è il sistema logistico regionale pronto per supportare gli imprenditori in questo processo? "Negli ultimi 20 anni abbiamo vissuto l'entrata nell'Unione Europea di tutti gli Stati limitrofi, politiche di embargo contro Paesi che costituiscono i nostri mercati naturali, profondi mutamenti sia nelle modalità di trasporto che nelle procedure doganali: possiamo dire che l'attuale classe di spedizionieri è stata meticolosamente selezionata da questi eventi e che attualmente si stanno formando gli esperti logistici del futuro, tanto grazie all'attività dell'Accademia Nautica di Trieste quanto a convenzioni con altri Istituti superiori della Regione volte a introdurre percorsi formativi duali. Noi siamo pronti."

Post correlati

“La transizione ecologica del sistema automotive”, convegno a Livorno

“La transizione ecologica del sistema automotive” è il titolo del convegno che si svolgerà a Livorno – giovedì 7 e […]

Trasporto container, accordo tra driveMybox e Go. Trans

driveMybox cresce con Go-Trans driveMybox e Go.Trans siglano accordo per rafforzarsi  efficienza, esperienza e innovazione nel trasporto container MELZO – […]

Alis, ingresso nel Consiglio direttivo di 30 nuovi soci

Nel Consiglio direttivo di Alis sono entrate le aziende: Vodafone Italia, Snam4Mobility, Tecno, TMT International e CIL Impianti e costruzioni. […]


Leggi articolo precedente:
navi da crociera spostate da venezia a Trieste
Trieste, Napp: “Senza Venezia non c’è futuro per la crocieristica in Adriatico”

In risposta all'articolo da noi pubblicato in data 1 settembre, intitolato: " Grandi navi fuori da Venezia, ma per andare...

Chiudi