Logistic & Transport > 330 mln tratta ferroviaria Prato-Bologna

330 mln tratta ferroviaria Prato-Bologna

CORSINI: La tratta ferroviaria Prato-Bologna è fondamentale per il sistema portuale dell'Alto Tirreno per raggiungere il corridoio del Brennero e puntare diritto ai mercati dell'Europa Centro Orientale
 
PRATO - Saranno investiti 330 milioni per realizzare una autostrada viaggiante sulla tratta ferroviaria Prato-Bologna e rafforzare  i flussi di traffico tra i porti della Toscana e il Centro-Nord Europa.
La notizia è emersa in occasione del convegno organizzato dalla Regione Toscana a prata al centro di Arte Contemporanea Luigi Pecci a cui hanno preso parte l’assessore regionale alle infrastrutture, Vincenzo Ceccarelli, il vice ministro delle Infrastrutture, Riccardo Nencini; il presidente dell’Autorità di Sistema del Mar Tirreno Settentrionale, Stefano Corsini e l’assessore regionale al Turismo, Stefano Ciuoffo.
Nell’ottica del potenziamento del Corridoio Scandinavo-Mediterraneo, verranno risagomate le gallerie ferroviarie della tratta Prato-Bologna per migliorare gli standard attuali relativi al flusso dei traffici. Per il momento siamo ancora nella fase progettuale. Presto si aprirà un tavolo tecnico che coinvolgerà la Regione Toscana, la Regione Emilia Romagna e RFI per cominciare a discutere dell'opera. I finanziamenti sono in  buona parte già stanziati. L'obiettivo è quello di iniziare i lavori di ammodernamento nel 2018 (con una previsione di ultimazione nel 2021).
"La Prato-Bologna è fondamentale per il sistema portuale dell'Alto Tirreno - ha dichiarato a margine del convegno Stefano Corsini -, attraverso questa importante opera, e grazie alla trasversale Firenze-Pisa, Livorno e Piombino possono raggiungere il corridoio del Brennero e puntare diritto ai mercati dell'Europa Centro Orientale".
Chiaramente, il tempo non è un fattore irrilevante: il Terzo Valico di Giovi, tanto importante per i porti liguri, è previsto venga realizzato nel 2022, mentre il Gottardo sarà pienamente operativo nel 2020. "Il nostro sistema portuale – ha ricordato Corsini - è già collegato con la linea Tirrenica e ha oggi una via di sbocco preferenziale in Europa Occidentale. Con la Prato- Bologna e con opere altrettanto importanti, come lo scavalco ferroviario che collega Livorno e l'Interporto Vespucci e la Collesalvetti-Vada, il sistema portuale dell’Alto Tirreno può ambire a diventare, prima di altri porti, un hub strategico per i mercati europei”.
“I porti di Livorno, Piombino e Carrara sono stati e saranno oggetto di grandi investimenti di miglioramento infrastrutturale e di riqualificazione – ha dichiarato Ceccarelli - L’investimento che consente il passaggio dei container sulla tratta ferroviaria tra Prato e Bologna è fondamentale anche per gli interporti di Prato e Guasticce”.

Post correlati

Crollo Genova: Allarme ponti, viadotti e gallerie, 46 mila opere con poche risorse per la prevenzione

La rete infrastrutturale nazionale formata da ponti, viadotti e gallerie è composta da più di 46 mila elementi, circa 30 […]

In Italia ponti e viadotti vecchi di 50 anni con alto livello di rischio crollo

Parla Maurizio Crispino, docente di Costruzioni strade e ferrovie del Politecnico di Milano: “La pratica dei controlli non è diffusa. Necessari […]

Crollo ponte di Genova, Toninelli: “Sapere immediatamente se ci sono altre situazioni di rischio crollo in Italia”

GENOVA – “Si profila una immane tragedia”. “Situazione di difficoltà incredibile, tutte le forze dell’ordine stanno accorrendo da tutte le […]


Leggi articolo precedente:
Ucina rilancia la nautica con innovazione, competitività e export

CONVENTION UCINA SATEC 2017 - FABBRICA NAUTICA: SCENARI ECONOMICI,  ANDAMENTO DEL MERCATO, STRUMENTI DI SOSTEGNO,   NUOVE STRATEGIE.  Innovazione, competitività, export...

Chiudi