lorenziniterminal
grimaldi
Governance > “SUD- Progetti per ripartire” Draghi: “Spendere i fondi e spenderli bene”

Spadoni

“SUD- Progetti per ripartire” Draghi: "Spendere i fondi e spenderli bene"

“SUD - Progetti per ripartire” è il tema del confronto sul Mezzogiorno e sul programma Next GenerationEu  promosso dal ministro per il Sud e la Coesione territoriale, Mara Carfagna. Iniziativa che si colloca  nell'ambito della campagna di ascolto e di confronto del governo su priorità e metodi da seguire per la progettazione e la realizzazione degli interventin vista della elaborazione definitiva del PNRR, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e dell’Accordo di Partenariato 2021-27.

La consultazione è stata aperta stamani dal premier Mario Draghi e si conclude domani con l'intervento del ministro dell'Economia e delle Finanze Daniele Franco alla presenza di tutti i presidenti delle Regioni del Sud, i sindaci delle città metropolitane del Mezzogiorno, esperti e studiosi della questione del Meridione. "Il governo ha inteso lanciare una campagna di ascolto diffusa sul tema" - "la giornata di oggi va quindi intesa solo come primo passo" - ha specificato il premier Draghi - "Il programma Next GenerationEu prevede per l'Italia 191,5 miliardi da spendere entro il 2026. Rafforzare la coesione territoriale in Europa e favorire la transizione digitale ed ecologica sono alcuni tra i suoi obiettivi. Ciò significa fare ripartire il progetto di convergenza tra mezzogiorno e centro-nord che è fermo da decenni, anzi è grandemente peggiorato da inizio degli anni settanta" - ha detto Draghi - "Un forte calo di investimenti pubblici che ha colpito il Sud" e ora "per la prima volta abbiamo l'occasione di aumentare la spesa per infrastrutture fisiche e digitali". Draghi ha sottolineato come la presenza di tante risorse non porti  necessariamente alla ripartenza del Mezzogiorno, per la presenza di  due problemi: "l'uso dei fondi europei" e "il completamento delle opere pubbliche" - a dimostrazione di questo i dati nazionali riportano che  "nel 2017 sono state 647 le opere pubbliche avviate ma non completate, in oltre due terzi dei casi nemmeno arrivate a metà, il 70% di queste collocate al Sud". Da parte del governo pertanto il compito di "divenire capaci di spendere i fondi e di farlo bene" - ha sottolineato il premier - "In questa sfida un ruolo cruciale è anche vostro, classi dirigenti. Ma un vero rilancio richiede partecipazione attiva tutti i cittadini".

Post correlati

Legge di Bilancio, Confartigianato Toscana, Giusti: “Irap, finalmente si delinea l’abolizione”

FIRENZE – Il presidente di Confartigianato Imprese Toscana, Luca Giusti, ha accolto con soddisfazione, esprimendo giudizio positivo sull’accordo fra Governo […]

MIMS e RFI siglano l’Aggiornamento 2020-2021 del Contratto di Programma 2017–2021

A Nord si potenziano le tratte ferroviarie Milano-Venezia, Verona-Brennero e Liguria-Alpi, migliorando i collegamenti delle aree a nord delle Alpi […]

Confetra al governo: «Una politica industriale per una logistica 4.0 – Non basta costruire dighe foranee»

Da Agorà Confetra 2021, Nicolini: «Hai voglia a costruire dighe foranee e continuare Corridoi TEN- T! Ma senza fluidità e […]


Leggi articolo precedente:
Molo Italia
Livorno, iniziati in porto i lavori di ampliamento alla viabilità Molo Italia

Livorno, un porto forestali più accessibile LIVORNO - Sono iniziati i lavori di ampliamento della viabilità di accesso al Molo...

Chiudi