lorenziniterminal
grimaldi
Governance > PNRR, Draghi: “La sfida ora è l’attuazione del Piano alla massima velocità”

PNRR, Draghi: "La sfida ora è l'attuazione del Piano alla massima velocità"

Approvato il nostro PNRR dalla Commissione Ue, in arrivo 25 miliardi entro luglio. Draghi: "Dobbiamo spendere tutti e soprattutto bene i fondi che avremo a disposizione, 24,89 miliardi come prima tranche".

ROMA- Il via libera ufficiale della Commissione al PNRR italiano, annunciato dal premier Mario Draghi nel corso di una conferenza stampa con il presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen.

"Una giornata di orgoglio per il nostro Paese". Dice il premier - "Dobbiamo spendere tutti e soprattutto bene i fondi che avremo a disposizione, 24,89 miliardi come prima tranche"- prosegue - "Il Piano renderà l'Italia più giusta e competitiva"- "L'interlocuzione con la Commissione europea è stata fondamentale soprattutto per la parte riguardante le riforme. Abbiamo messo insieme un piano ambizioso, un piano di investimenti, che punta a rendere l'Italia un Paese più giusto, più competitivo e sostenibile nella sua crescita"- prosegue - "La giornata di oggi è solo l'inizio, la sfida ora è l'attuazione del piano".

"A Cinecittà oggi celebriamo con l'approvazione del Pnrr quella che io spero sia l'alba della ripresa".

Le tempistiche: procedere alla massima velocità

"Entro giugno prevediamo il ddl delega per la riforma degli appalti e delle concessioni. Nel mese di luglio la legge sulla concorrenza e la riforma della giustizia dovrebbe andare a giorni in Consiglio dei ministri. Questi sono i primi blocchi".

Il PNRR italiano in numeri

Entro luglio è previsto l'arrivo al Paese di 24,9 miliardi di euro su un totale 191,5 miliardi entro il 2026, di cui 68,9 come sovvenzioni e 122,6 come prestiti. Il PNRR contiene  3 grandi riforme: Fisco, Pubblica Amministrazione e Giustizia. Si articola in 6 Missioni: 1 Digitalizzazione 2 Ambiente 3 Infrastrutture 4 Istruzione 5 Inclusione sociale 6 Salute - In cui sono contenute 190 misure, 58 riforme e 132 investimenti. E 525 obiettivi da raggiungere per ottenere le tranche di fondi. Il 37,5% del piano contribuisce agli obiettivi climatici, il 25% a quelli digitali. Con la componente investimenti del piano, il Pil italiano crescerà entro il 2026 tra l'1,5% e il 2,5%

Le stime della Commissione nella valutazione del nostro PNRR confermano una crescita del Pil fino al 2,5% entro il 2026, numeri che aumenteranno "nel lungo termine" grazie all'impatto delle riforme, che genereranno circa 240 mila posti di lavoro aggiuntivi.

Post correlati

Assoporti, Giampieri: Preoccupazione per l’instabilità politica e i possibili effetti sulla portualità

Roma: “L’ipotesi di instabilità politica ci preoccupa perché si colloca in un momento di grandi incertezze a livello mondiale, e […]

Crisi di Governo, rinviato il fermo nazionale dell’autotrasporto

A conferma del grande senso di responsabilità, che ha sempre caratterizzato la categoria, l’autotrasporto italiano ha deciso di sospendere la […]

La replica/Accademia Navale Livorno: «Avviata una verifica su “asserite” irregolarita concorsuali»

LIVORNO – «In merito a quanto pubblicato sul quotidiano “Il Tirreno” relativo alle asserite irregolarità concorsuali durante le fasi di […]


Leggi articolo precedente:
Guido Grimaldi
Confitarma, Grimaldi: “Un modello misto per la continuitá territoriale marittima”

ROMA - Confitarma, Confederazione degli armatori italiani, é intervenuta in Audizione presso la IX Commissione Trasporti della Camera, in relazione...

Chiudi