lorenziniterminal
grimaldi
Governance > Sommariva: “I porti nei conflitti muoiono, ci vuole armonia” FOTO

Sommariva: "I porti nei conflitti muoiono, ci vuole armonia" FOTO

DA SEAPORT INNOVAZION - VIDEO INTERVISTA

LIVORNO – Il porto del futuro e il suo ruolo per lo sviluppo di tutto il territorio, tecnologie avanzatissime, innovazione, trasformazione del mondo del lavoro, questi gli argomenti trattati nella due giornate di "Seaport Innovation" la manifestazione organizzata dall'Autorità portuale e dalla Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno "Nella Port Community System, l'innovazione deve coinvolgere tutti gli operatori e gli attori portuali, come due facce della stessa medaglia" dice Mario Sommariva, segretario generale dell'AdSp con sede a Trieste, intervenuto nella giornata conclusiva della manifestazione.  Il concetto è che oggi nei porti la sfida da affrontare è molta estesa e si basa sulla necessità di un dialogo tra tutti i soggetti della supply chain, che devono Poter condividere tutte le informazioni. 

Questi ed altri concetti vengono sviluppati nell'intervento di Mario Sommariva  di cui riportiamo alcune parti: 

La gestione degli strumenti dell'innovazione

 "Gli strumenti dell'innovazione della Port Community System devono essere intesi come un patrimonio comune di un porto, con un soggetto neutrale che gestisca questo patrimonio. La neutralità deve essere rappresentata però da soggetto pubblico. È garanzia per il privato e garanzia che crei attività".

La riforma portuale

I concetti di governance e governament applicate alle Autorità di Sistema hanno una differenza: nella government si compie una scelta ristretta, c'è un processo decisionale che è ristretto ad un comitato portuale. Mentre la governance è duale perché nella attività decisionale è affiancata da un organo che rappresenta interessi economici e sociali diversi con funzioni consultive”

La governance partecipata

Le AdSp  riducono il conflitto di interessi ma, chi gestisce le Autorità portuali deve tenere conto delle necessità di una governance partecipata, per creare armonia nei porti e non conflitti. I porti muoiono nei conflitti.

Oggi siamo di fronte ad una domanda di partecipazione e l'efficienza di un porto la si misura anche con la coesione che c'è all'interno di questo”.

La serenità delle persone

Credo si debba perseguire un indice di felicità o meglio serenità, chi governa dovrebbe perseguire questo. In Autorità Portuale a Trieste stiamo creando un sistema dove i dipendenti possano suggerire le loro idee. La riforma è imperfetta, poteva essere fatta diversamente, ma dobbiamo farcela a raccoglier sfide immense anche creando sistema tra di noi”

 

Post correlati

Assoporti, Giampieri: Preoccupazione per l’instabilità politica e i possibili effetti sulla portualità

Roma: “L’ipotesi di instabilità politica ci preoccupa perché si colloca in un momento di grandi incertezze a livello mondiale, e […]

Crisi di Governo, rinviato il fermo nazionale dell’autotrasporto

A conferma del grande senso di responsabilità, che ha sempre caratterizzato la categoria, l’autotrasporto italiano ha deciso di sospendere la […]

La replica/Accademia Navale Livorno: «Avviata una verifica su “asserite” irregolarita concorsuali»

LIVORNO – «In merito a quanto pubblicato sul quotidiano “Il Tirreno” relativo alle asserite irregolarità concorsuali durante le fasi di […]


Leggi articolo precedente:
Porto Ancona
Porto di Ancona: Traffici in crescita del 7% nel 2016

ANCONA- I dati di traffico del periodo gennaio – ottobre 2016 confermano la performance positiva del traffico merci nel porto...

Chiudi