lorenziniterminal
grimaldi
Governance > Gig economy, I diritti del lavoro con modalità non tradizionali

Gig economy, I diritti del lavoro con modalità non tradizionali

Gig economy: Lavoro "on demand" che si attiva solo quando, sul mercato, l'offerta incontra la richiesta di lavoro. Si identifica nella singola prestazione, che può essere di poche ore o di una giornata.  

FIRENZE – "Al di là della forma in cui si esprime, il lavoro deve avere dignità. Esso deve essere svolto, sempre e comunque, con tutte le tutele e le garanzie del caso. Occorre garantire i diritti fondamentali a tutti i lavoratori, anche a chi, pur in un mercato ormai profondamente mutato rispetto al passato, lavora secondo modalità e forme che non sono quelle tradizionali".

Lo ha affermato l'assessore regionale a Lavoro, formazione ed istruzione, Cristina Grieco, intervenendo al convegno sulla "Gig economy" svoltosi a Firenze. Per "gig economy"si intende il guadagnarsi da vivere, o integrare il proprio reddito, facendo lavori saltuari, senza contratto, solo quando viene richiesto. In questa tipologia di attività il lavoro si identifica nella singola prestazione, che può essere di poche ore o di una giornata. E' questo un modello economico-produttivo, che si sta affermando anche in Italia, secondo cui il posto fisso ed i contratti a tempo indeterminato lasciano spazio al lavoro "on demand" che si attiva solo quando, sul mercato, l'offerta incontra la richiesta di lavoro. Domanda ed offerta, nella "gig economy", vengono gestite on-line attraverso piattaforme ed applicazioni dedicate. Ne sono esempi, tra gli altri, i servizi di trasporto privato alternativi ai taxi e le consegne a domicilio di cibo e generi alimentari.

"Nella gig economy i lavoratori sono in proprio e svolgono attività temporanee o saltuarie", ha specificato l'assessore Grieco. "Ma ciò non significa che tutto possa essere deregolamentato. La Regione guarda con attenzione a queste nuove forme di impiego, ribadendo che il lavoro deve essere tutelato sempre, a prescindere dalla forma contrattuale ed organizzativa. Quindi le sperimentazioni di adozione di carte dei diritti da parte di Comuni o Regioni sono molto importanti per accendere i riflettori su queste nuove forme di lavoro, ma occorre agire in sinergia ed agganciare le politiche regionali al livello nazionale".

Post correlati

Assoporti, Giampieri: Preoccupazione per l’instabilità politica e i possibili effetti sulla portualità

Roma: “L’ipotesi di instabilità politica ci preoccupa perché si colloca in un momento di grandi incertezze a livello mondiale, e […]

Crisi di Governo, rinviato il fermo nazionale dell’autotrasporto

A conferma del grande senso di responsabilità, che ha sempre caratterizzato la categoria, l’autotrasporto italiano ha deciso di sospendere la […]

La replica/Accademia Navale Livorno: «Avviata una verifica su “asserite” irregolarita concorsuali»

LIVORNO – «In merito a quanto pubblicato sul quotidiano “Il Tirreno” relativo alle asserite irregolarità concorsuali durante le fasi di […]


Leggi articolo precedente:
Gian Enzo Duci presidente Federagenti
Federagenti, Duci: Collaborazione con il neo ministro Toninelli

ROMA - Soddisfazione e condivisione da parte del presidente di Federagenti, Gian Enzo Duci, riguardo alle prime dichiarazione  rilasciate dal...

Chiudi