lorenziniterminal
grimaldi
Governance > Delrio: “La Darsena Europa si farà”

Delrio: "La Darsena Europa si farà"

di Lucia Nappi

GENOVA – "A Livorno la Darsena Europa si farà", ha assicurato il ministro  Graziano Delrio sentito a Genova a margine degli Stati generali della Logistica del Nord Ovest che si sono tenuti a palazzo San Giorgio. 

La domanda che chiedeva conferma al ministro sul destino della maxi Darsena del porto di Livormo, futuro sviluppo dei traffici commerciali dello scalo, è stata solleticata dai fatti della scorsa settimana, ovvero dalla posticipazione dei termini di partecipazione al bando per la progettazione e realizzazione del primo lotto della futura piattaforma portuale e logistica dello scalo toscano. Infatti il provvedimento a firma del presidente dell'AdSP di Livorno e Piombino, Stefano Corsini, ha fatto slittare nuovamente, questa volta di 4 mesi dal 31 maggio al 29 settembre, il termine ultimo per poter essere ammessi a partecipare al bando.

La notizia era stata accolta con circospezione sulle banchine labroniche ed aveva aperto il campo alle varie supposizioni, l'allontanarsi dell'obiettivo aveva fatto temere che celasse la rimodulazione romana delle nazionali priorità in ambito di infrastrutture portuali. Per dirla in breve molti avevano temuto nel ripensamento del ministro, ma Delrio tranquillizza i livornesi.

Con la Darsena Europa non ci sarà il rischio di creare un sistema in competizione con i porti liguri?

"Non creerà un sistema competitivo perché noi miriamo ad aumentare i traffici in Italia e non a diminuirli. Quindi per i porti italiani ben collegati con la ferrovia, come Livorno, miriamo che diventino sede di traffici che ad oggi non vengono intercettati. Ma Livorno comunque ha già un'ottima movimentazione di container e merci in generale, quindi non c'è competizione”.(Video

Quindi la Darsena Europa si farà ma dovrà avere più traffici, dovrà intercettare container e merci attualmente presenti su altri mercati e quindi confrontarsi in una competizione a livello internazionale  per andare a strappare quelle merci che attualmente passano attraverso altri porti ed altre catene logistiche. 

Delrio inoltre dal palco di palazzo San Giorgio ha messo in evidenza il ruolo di Genova come primo porto nazionale, questa è la linea di governo tant'è che il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, nella recente visita a Pechino ha parlato specificatamente di Genova come porto centrale per l'Italia e per l'Europa: Gli operatori con la merce vogliono arrivare il più vicino possibile alla loro destinazione finale", ha commentato il ministro, "quindi i cinesi cercano oltre alla storica Venezia, anche un altro approdo che gli permetta di arrivare velocemente anche al sud Europa, quindi Genova e i porti liguri sono al centro del loro interesse. Ne abbiamo parlato anche quando abbiamo visitato con il presidente della Repubblica Mattarella il governo cinese. Ne abbiamo parlato più volte, anche io personalmente, mi pare che questa ipotesi si stia concretizzando”.

C'è da dire che gli appetiti cinesi nel Mediterraneo sono forti e diffusi, anche Livorno con il progetto della Darsena Europa ha destato ben più di un semplice interesse da parte del Gruppo delle ferrovie di stato cinese, China Railways International, che nel marzo scorso, durante una visita nello scalo toscano, ha manifestato l'intenzione di voler scommettere sul porto di Livorno realizzando la Piattaforma Europa. 

Lucia Nappi

Post correlati

Il Tar Sardegna sospende l’ordinanza Solinas per il tampone obbligatorio

CAGLIARI – Accolto il ricorso del governo, questo il provvedimento del Tar della Sardegna che ha  sospeso l’ordinanza del presidente […]

Microinnovazione digitale – Regione Toscana mette a bando 10 milioni per micro e pmi

FIRENZE – La Reguione Toscana apre oggi il bando ‘Sostegno per l’acquisto di servizi per l’innovazione tecnologica, strategica, organizzativa e […]

Sardegna, tampone obbligatorio – Uggè (Conftrasporto): “Violazione a libera circolazione”

ROMA – Conftrasporto-Confcommercio contro il tampone obbligatorio “conditio sine qua non” della Regione Sardegna senza il quale non si entra […]


Leggi articolo precedente:
Delrio a Genova: “Prima il progetto poi la diga foranea”

GENOVA - “Prima il progetto poi la diga foranea, quindi quando sarà pronto il progetto l'opera sarà finanziata” Lo ha...

Chiudi