lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Delrio a Genova: “Prima il progetto poi la diga foranea”

Delrio a Genova: "Prima il progetto poi la diga foranea"

GENOVA - Prima il progetto poi la diga foranea, quindi quando sarà pronto il progetto l'opera sarà finanziataLo ha annunciato il ministro Graziano Delrio dal palco degli Stati generali della Logistica del Nord Ovest, svolto a palazzo San Giorgio (Foto gallery). La nuova Diga foranea a Genova è necessaria per far entrare le grandi navi nel bacino di Sanpierdarena, il costo è stimato attorno ad 1 miliardo di euro e partirebbe con una prima fase attuativa di risagomatura dell'imboccatura. “Abbiamo la disponibilità di Cassa Depositi e prestiti a costruire un fondo ad hoc per finanziare le opere portuali”, ha specificato il ministro, “un fondo per i porti perché sono centrali nella nostra ottica. Siamo pronti per partire subito ed allargare nella zona di Sampierdarena il primo imbocco e poi costruire il resto. Sappiamo che quell'opera è strategica per la competitività di Genova”. In arrivo c'è quindi un cantiere, non più un progetto, e  l'iter è a buon punto. 

Soddisfazione da parte del cluster marittimo genovese presente in sala in prima fila il terminalista Aldo Spinelli che commenta: “Molto positivo l'intervento del ministro. Non possiamo attendere oltre la realizzazione di questa opera, sarà importante anche la tempistica, perché ormai non c'è più tempo da perdere”.

Anche l''iter della Gronda è vicino alla conclusione, ha annunciato il ministro “La Gronda è una delle opere strategiche da mettere a punto daremo il via libera definitivo entro l'estate 2017 dopo l'ultima negoziazione con Bruxelles sulle modalità di finanziamento”.

Delrio dai microfoni degli Stati generali ha parlato di logistica “è una questione che l'Italia ha sempre sottovalutato, è necessario un cambio culturale e si deve pensare la logistica insieme alla portualità, agli interporti, ai collegamenti e alle destinazioni finali delle merci. Vuol dire aumentare l'efficienza, far risparmiare alle imprese i costi e intercettare le merci che oggi vanno al nord Europa e che non usano i porti italiani”.

Augusto R. Cosulich, managing director del gruppo Fratelli Cosulich ha commentato l'intervento del ministro con queste parole: “Delrio ha fatto un grande discorso questa regione e l'Italia hanno bisogno di fare squadra, di essere uniti, solo unirti possiamo vincere la concorrenza dei paesi stranieri”.

Post correlati

L’Authority porti Tirreno Settentrionale rieletta nel Cda di Villes et Ports

LIVORNO – L’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale è stata appena rieletta nel Cda di Villes et Ports, […]

Genova, fusione Psa-Sech – L’Usb denuncia: “un vero e proprio mercato privato”

Genova. “Quello che sta avvenendo negli scali genovesi” “é un vero e proprio mercato privato in barba alle concessioni e […]

Porto Canale Cagliari: PIFIM non ha i requisiti fondamentali – Preavviso di rigetto dell’Authority

CAGLIARI – Botta e risposta tra sindacati e Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna – Stamani i sindacati […]


Leggi articolo precedente:
“Mare nostro”: un mare di plastica?

GENOVA- Tra le varie forme di inquinamento, quella della presenza di plastica in mare è sicuramente una delle più impattanti:...

Chiudi