Governance > Decreto emergenze, le misure per Genova

Decreto emergenze, le misure per Genova

ROMA- Il testo del decreto legge emergenze, approvato in via preliminare ieri pomeriggio dal Consiglio dei Ministri, è stato trasmesso per il previsto parere al Garante per la protezione dei dati personali e alla Conferenza unificata. Il decreto contiene le disposizioni urgenti per la città di Genovavolte a velocizzare le operazioni di demolizione e ricostruzione del ponte Morandi, al sostegno dei soggetti danneggiati per il crollo, alla ripresa delle attività produttive e di impresa -  Inoltre contiene le misure per la sicurezza della rete nazionale delle infrastrutture e dei trasporti, per il lavoro e per le altre emergenze.

A termine del CdM che ha dato il via al decreto emergenze, in una nota della presidenza del Consiglio dei Ministri, si legge: "Tra le misure principali in favore della popolazione di Genova colpita dal crollo del viadotto Morandi, si istituisce un contributo di sostegno per tutti i soggetti coinvolti dalle ordinanze di sgombero o che hanno subito danni materiali".

"Alle imprese danneggiate dal crollo,"  -continua la nota della presidenza del Consiglio - "si riconosce un contributo finalizzato alla mitigazione dei pregiudizi sofferti, impregiudicati i diritti risarcitori nei confronti degli eventuali responsabili. Sono altresì introdotte misure di facilitazione fiscale per le imprese genovesi e per la piena ripresa dei traffici portuali, prevedendo l’istituzione di una zona franca urbana e di una zona logistica semplificata per il porto e il retroporto, nonché misure immediate per favorire la viabilità e i collegamenti in entrata e in uscita da Genova, implementando il trasporto pubblico locale.

Si istituisce poi la figura del Commissario straordinario per consentire di procedere alla celere ricostruzione delle infrastrutture danneggiate, nonché per attuare ogni misura idonea a superare le conseguenze degli eventi dannosi. 

Sicurezza delle infrastrutture e dei trasporti
Al fine di rafforzare le misure di prevenzione e di garantire la piena sicurezza nella mobilità e nei trasporti, si introducono nuove norme che prevedono l’istituzione di una Agenzia di vigilanza per la sicurezza delle strade e autostrade, con parallelo ampliamento degli organici tecnici del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti dedicati ai controlli di sicurezza, e la creazione di una banca dati sulle opere pubbliche per monitorare, tra l’altro, i parametri di sicurezza delle infrastrutture, utilizzando sistemi tecnologici innovativi."

Post correlati

Conte-Toti, incontro proficuo: “2 Commissari, il nome forse la prossima settimana, decreto limato entro sera”

ROMA – “Incontro proficuo e collaborativo” quello di oggi a Roma tra il premier Conte, il governatore ligure Toti e […]

Palazzo Chigi: Il premier Conte incontra Toti e Bucci su tempi di ricostruzione e Commissario

ROMA – Oggi alle ore 12  è atteso il vertice a palazzo Chigi tra il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte,  il  […]

Edilizia pubblica, MIT: Per Genova 6,4 milioni, fondo di solidarietà dalle Regioni

ROMA -Per il programma di recupero e razionalizzazione degli immobili e degli alloggi di edilizia residenziale pubblica di proprietà dei […]


Leggi articolo precedente:
Edilizia pubblica, MIT: Per Genova 6,4 milioni, fondo di solidarietà dalle Regioni

ROMA -Per il programma di recupero e razionalizzazione degli immobili e degli alloggi di edilizia residenziale pubblica di proprietà dei...

Chiudi