lorenziniterminal
grimaldi
Environment > Shipping, gli obiettivi per la riduzione di CO2

Shipping, gli obiettivi per la riduzione di CO2

ISTAMBUL - L'International Chamber of Shipping (ICS), in occasione della annuale riunione generale svolta ad Istanbul, ha deciso di sollecitare l'Organizzazione Marittima Internazionale(IMO) affinché vengano adottati obiettivi drastici per la riduzione delle emissioni di anidride carbonica (CO2) – come deciso nell'accordo di Parigi sul cambiamento climatico e a nome del settore dello shipping internazionale nel suo complesso. L'IMO è infatti la convenzione autonoma delle Nazioni Unite si occupa di sviluppare i principi e le tecniche della navigazione marittima internazionale al fine di promuovere la progettazione e lo sviluppo del trasporto marittimo internazionale rendendolo più sicuro ed ordinato.

L'ICS propone pertanto che vengano adottati tre obiettivi :

Il mantenimento delle emissioni annuali totali di CO2 del trasporto marittimo al di sotto dei livelli del 2008; La riduzione delle emissioni di CO2 per tonnellata-km, come media in tutto il trasporto internazionale, di almeno il 50% entro il 2050, rispetto al 2008; La riduzione delle emissioni totali annue del trasporto marittimo da una percentuale concordata entro il 2050.

Il presidente della ICS, Esben Poulsson, ha commentato: "È molto importante che l'IMO invii un segnale chiaro e non ambiguo alla comunità globale dello shipping per l'accettazione di obiettivi ambiziosi per la riduzione delle emissioni di CO2 del settore. Analogamente l'accordo di Parigi e gli impegni dei governi, regolano le attività di terra ".

"Il trasporto ha una storia molto positiva da raccontare riguardo alla riduzione della CO2, ma questo è difficile da trasmettere finché non esiste un segnale chiaro da parte dell'IMO in merito a quali dovrebbero essere gli obiettivi collettivi di riduzione della CO2" ha dichiarato Poulsson.

L'ICS sostiene che si dovrebbero adottare tali obiettivi nell'ambito della strategia iniziale di riduzione della CO2 da concordare entro il 2018. In merito alle preoccupazioni sollevate dalle nazioni in via di sviluppo sui possibili effetti della riduzione di CO2 per il commercio e lo sviluppo sostenibile, ICS sottolinea che gli obiettivi adottati sulle emissioni totali di CO2 non devono fissare un limite vincolante alle singole navi.

Post correlati

E’ cinese la più grande nave elettrica al mondo, in servizio da novembre 2021

Wuxi Saisiyi Electric Technology, società controllata di China Shipbuilding Corporation, alla fine del 2021 consegnerà una delle più grandi navi […]

L’impianto Eni di Livorno diventerà una bioraffineria, progetto green finanziato dal Recovery Fund

LIVORNO – Il futuro della raffineria Eni di Livorno la sua riconversione a bioraffineria con le conseguenti ricadute economiche, occupazionali […]

Video/ Esplosione nel gasdotto offshore di Dos Bocas, Golfo del Messico

Esplosione e incendio del gasdotto che collega le piattaforme petrolifere offshore con la raffineria Nueva Dos Bocas, nel porto di […]


Leggi articolo precedente:
Signorini: Genova e Savona scommettono sulla logistica/INTERVISTA

MONACO- Paolo Emilio Signorini, presidente del porto di Genova e Savona, presenta l'AdSp del Mar Ligure Occidentale nell'ambito dell'avvenimento fieristico internazionale...

Chiudi