lorenziniterminal
grimaldi
Environment > AssArmatori, Messina: “Non può essere l’armatore a finanziare le nuove flotte green”

AssArmatori, Messina: "Non può essere l’armatore a finanziare le nuove flotte green"

Stefano Messina, presidente di AssArmatori, annuncia la presentazione, a breve, a Stato e Istituzioni di un progetto per il rinnovo delle flotte in direzione green. 

di Lucia Nappi

LIVORNO - I gas effetto serra stanno impegnando il settore marittimo a ridurre le emissioni di CO2 da parte delle navi. L’IMO, l’agenzia internazionale dell’ONU che detta le direttive contro riscaldamento globale e l’inquinamento atmosferico, ha posto due obiettivi fondamentali ai quali tutto il settore dello shipping si deve adeguare:

  • Il  2020 Global sulphur limit: entro il 1 gennaio 2020 sarà in vigore il limite 0,50% di presenza di zolfo per gli olii combustibili utilizzati a bordo delle navi;
  • Entro il 2050 la riduzione del 50% delle emissioni di CO2 da parte delle navi rispetto al 2008.

 

“Ho grandi aspettative e mi auguro che la normativa sia rigidamente applicata, sebbene il decennio di crisi strutturale del settore, la cui causa principale è l’eccesso di capacità”, ha sostenuto Stefano Messina presidente di AssArmatori intervenuto a Livorno al convegno su porti, shipping e tecnologie green, promosso dal Propeller Club guidato da Maria Gloria Giani Pollastrini. 

Secondo Messina  la normativa ha la possibilità di restituire allo shipping un equilibrio di cui necessita, creando una selezione in un mercato oggi molto confuso: “tra la presenza di tanti operatori, bandiere diverse, tra navi obsolete e accesso deregolamentato al credito”. La nuova normativa tuttavia sta creando instabilità nel settore marittimo per tutti gli armatori nazionali che dovranno rispondere ai target imposti dalle normative internazionali.

Messina sottolinea: “oltre l’80% della flotta della bandiera italiana che effettua traffico di cabotaggio e di collegamento con le isole è aderente ad AssaArmatori, e sul presupposto che oltre il 65% di queste navi ha un’età superiore ai 25 anni”. “Non può essere l’armatore a sostenere tutti i finanziamenti per rinnovare le flotte” di qui l'annuncio della presentazione, da parte di AssArmatori, agli organi centrali, di un progetto per il supporto finanziario degli interventi di adempimento totale agli obiettivi IMO:

  • Misure di finanza agevolata trattandosi di investimenti capital intensive che coinvolgono a terra anche i porti, la filiera industriale e la catena logistica.
  • Accesso di carburante alternativo nei porti, agevolazione di tariffe portuali per navi con sistemi eco compatibili o meccanismo premiali come incentivazione fiscale e sburocratizzazione.
  • Coinvolgimento della cassa depositi e prestiti ed altre istituzioni per il sostegno finanziario e piani di investito di capitale più lunghi rispetto a quelli tipici.

Post correlati

Formazione gestione rifiuti e imballaggi – Conai, Confindustria Li MC

Livorno – Nuovo ciclo di semminari gratuiti diretti alle aziende associate a Confindustria Livorno Massa Carrara sulle novità per la […]

Ministero Difesa – BEI finanzia la costruzione di 3 navi idro-oceanografiche

LUSSEMBURGO – Un prestito di 220 milioni tra la Banca europea per gli investimenti (BEI), il Ministero dell’economia e delle […]

UE – Green Deal, nuove prospettive per le politiche industriali e agricole

Bruxelles – Conferenza on line sul Green Deal e le politiche industriali e agricole in Umbria, mercoledì 23 settembre con […]


Leggi articolo precedente:
Autotrasporto Tir
Tasportounito: Cresce il costo gasolio, le imprese italiane a rischio cessazione

La mobilitazione del settore potrebbe essere imminente ROMA - Situazione fuori controllo per le imprese italiane di autotrasporto che rischiano...

Chiudi