Cruise & Ferries > Vincenzo Onorato risponde ai sindacati

Vincenzo Onorato risponde ai sindacati

L'armatore Vincenzo Onorato scrive ai sindacati Filt Cgil, Cisl e Uil Trasporti in risposta al comunicato stampa da questi diffuso il 31 maggio scorso, nel quale invitavano Onorato stesso e il presidente degli armatori, Manuel Grimaldi ad “abbassare i toni e sotterrare l’ascia di guerra” sulla questione dell’imbarco dei marittimi italiani. Pubblichiamo di seguito la lettera.

SE QUESTO E' UN SINDACATO

Milano- Sono mesi che combatto una battaglia per l'occupazione degli italiani. Pochi sanno che, per una vecchia legge del 1998, gli armatori italiani hanno la quasi totale esenzione dal pagare le tasse. Tanta generosità da parte dello stato era e sarebbe dovuta all'impegno di imbarcare marittimi italiani. Con gli anni, anche con specifici accordi sindacali, gli armatori hanno disatteso quest'impegno imbarcando al posto degli italiani, lavoratori extracomunitari a stipendi da fame. Il risultato è disoccupazione per la nostra gente con la beffa che gli armatori continuano a non pagare le tasse.
Il 31 maggio la Triplice, Filt Cgil, Cisl e Uil Trasporti, ha prodotto un lungo comunicato stampa, nel quale ha invitato sia me che il Presidente degli armatori, ad “abbassare i toni e sotterrare l’ascia di guerra” sulla questione dell’imbarco dei marittimi italiani. Ho letto e riletto il comunicato che francamente lascia senza parole, perché sono solo parole. Mi si accusa di avere “un tono troppo aggressivo” e “contenuti che richiederebbero un’analisi approfondita e non tifoserie”, si esortano studi e lavori per affrontare “le dinamiche complesse e variabili dell’occupazione dei marittimi italiani…” Non un cenno, neppure velato, alla prossima legge europea oggi alla Commissione della Camera: l’Italia estenderà le agevolazioni fiscali del Registro Internazionale Italiano anche alle compagnie che iscrivono le navi in altre bandiere dell’Unione Europea. Cosa vuol dire? Gli armatori italiani cambieranno bandiera, passando dall’italiana ad un’altra europea, conservando l’esenzione fiscale italiana e gli sgravi fiscali e contributivi per i marittimi. Liberi dalla bandiera italiana, potranno sbarcare quei pochi marittimi italiani che hanno ancora imbarcati e godere dell’immunità fiscale del nostro paese. Il danno e la beffa! Altro che difesa dell’occupazione! Altro che strategia occupazionale per i giovani! Il tutto poi a spese dello Stato Italiano e dei contribuenti italiani che pagano le tasse, anche a favore degli armatori italiani che non le pagano e non favoriscono l'occupazione.
E il Sindacato che fa? Mi chiede di abbassare i toni. Forse perché a toni alti, verrà fuori, prima o poi, che l’unico interlocutore avuto dai governi che si sono succeduti dal 1998 (anno di promulgazione della legge sul Registro Internazionale) ad oggi sono stati gli armatori con la loro Confitarma. I lavoratori sono stati abbandonati nelle mani dei padroni del mare. Ciò che delegittima il Sindacato, quel sindacato, ovvero la Triplice che auspica “toni bassi” sulla vicenda, è un accordo siglato l’11 febbraio del 2003 con cui la Confitarma, leggasi gli armatori, concede un versamento di 190 euro per marittimo imbarcato sia italiano–comunitario che extracomunitario proprio alla Triplice! Ma la Triplice non è italiana? Non dovrebbe difendere gli italiani? E allora perché percepisce soldi anche per i marittimi extracomunitari? A me, più che un conflitto di interessi, sembra una vera porcheria. Un tesoretto che vale per la Triplice una decina di milioni di euro e sui soldi evidentemente non sputano neppure i sindacati. Oggi la nave sta rapidamente affondando, trascinando a fondo l’occupazione della nostra gente, per salvarla dobbiamo far approvare questa legge: navi con bandiera italiana in cabotaggio nazionale, a bordo imbarcati solo italiani – comunitari; navi con bandiera italiana in servizio internazionale, la tabella di sicurezza deve essere formata solo da marittimi italiani – comunitari. Solo con questi presupposti si potranno conservare i benefici fiscali del Registro Internazionale. Una legge, come potete vedere di quattro righe, che salverà migliaia di posti di lavoro e ne creerà altre migliaia, e che quando passerà al vaglio dell’Europa conserverà, anche per le altre bandiere europee, i requisiti per continuare a proteggere l’occupazione della nostra gente. È tempo di muoverci con determinazione e senza esitazione, chi non la pensa così è solo un nemico dei marittimi, un parolaio che non merita alcun rispetto ed è al soldo degli armatori cosiddetti italiani.

                                                                                                                              Vincenzo Onorato

Post correlati

La Corsica e Moby un connubio perfetto

MILANO – La Corsica diventa più raggiungibile perchè Moby nelle tratte Livorno-Bastia e Genova-Bastia, promuove una politica di riduzione tariffaria, […]

Alilauro rilancia in innovazione, presentato il jet “Celestina 4.0”

di Mario Esposito NAPOLI- Salvatore Lauro presidente del Gruppo Lauro presenta la seconda unità green della flotta: il jet “Celestina […]

Il turismo crocieristico a Livorno, potenziale inespresso

di Lucia Nappi LIVORNO – “Lo scalo di Livorno è una destinazione matura del turismo crocieristico, ovvero i numeri delle […]


Leggi articolo precedente:
Moby e Tirrenia partner di Rally Italia Sardegna 2017

Milano, – Moby e Tirrenia al fianco dei grandi eventi in Sardegna. Le due Compagnie sono infatti partner del Rally...

Chiudi