Cruise & Ferries > Livorno: Caccia al crocierista in banchina, sará finita?

Livorno: Caccia al crocierista in banchina, sará finita?

 
Firmato un protocollo per i comportamenti sottobordo alle navi da crociera - 
 
LIVORNO - Welcome to LivornoFino ad oggi l'arrivo di una nave da crociera sulle banchine del porto di Livorno è stata accompagnata dalla presenza sottobordo, sinistra e incombente, di file interminabili di taxi e tassisti che, speranzosi di intercettare fino all'ultimo crocierista sceso dalla nave, ogni giorno erano pronti ad ingaggiare una autentica guerra, anche con scontri fisici, contro chiunque avesse provato a mettersi sul loro cammino.  
Quante volte a Livorno è capitato di leggere notizie relative a scene di litigio sottobordo tra tassisti e autisti Ncc e tra questi e chi svolge servizio di autobus in porto? Innumerevoli. 
 
Fino  ad oggi il malcapitato crocierista una volta sbarcato dalla nave, qualora si fosse avventurato fuori dall'area di controllo delle compagnie armatoriali, oppure oltre la linea di parcheggio del bus di collegamento con il centro città, cadeva in mano ai tassisti, disposti a tutto pur di ottenere il crocierista. Offrendo quindi degli improvvisati tour guidati in un inglese altrettanto improvvisato, . Certo un Welcome to Livorno non dei migliori.
 
C'è in verità da dire che in ogni porto la questione è regolata in maniera diversa. Nel porto ligure di La Spezia e altrettanto a Civitavecchia gli unici mezzi autorizzati ad entrare in porto e, ad arrivare sotto banchina, sono quelli forniti dalla compagnia armatoriale. Pertanto i taxi e gli NCC rimangono al gate di accesso al porto. Inoltre a Civitavecchia il bus che collega il gate portuale è il servizio della compagnia armatoriale, gratuito, e non a pagamento come invece è il servizio livornese della Livorno Porto 2000. E' però vero che nel porto toscano il bus della Porto 2000 non abbandona i turisti all'ingresso del porto, ma li conduce fino al centro della città. 
 
Tutti questi motivi hanno condotto la Port Authority, Comune di Livorno e Porto di Livorno 2000 a pervenire ad una regolamentazione che portasse ad uno stesso tavolo: City Sightseeing; i taxi driver (Associazione Tassisti Labronici e del Consorzio Taxi Livorno) e gli NCC (Consorzio Limousine Service Livorno e Chauffeur Service).
 
L’obiettivo, indicato a chiare lettere in tre protocolli di intesa siglati a Palazzo Rosciano dalle istituzioni e dalle categorie interessate, è quello di condividere procedure di comportamento da tenere sottobordo per i servizi al crocierista. I tre accordi, uno per ogni categoria interessata, sono stati sottoscritti stamani dal presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale, Stefano Corsini; dal presidente della Porto di Livorno 2000, Luciano Guerrieri; dall’assessore comunale Giuseppe Vece, dai rappresentanti del servizio di Taxi (Nedo Ulivieri per l’Associazione Tassisti Labronici e Maurizio Soricelli per il Consorzio Taxi Livorno); da quelli del servizio NCC (Sabrina Lorenzini per il Consorzio Limousine Service Livorno e Francesco Benedetti per Chauffeur Service) e  Roberto Piccini per il servizio autobus City SightSeein (Piccini past president della Porto di Livorno 2000).
 
I contenuti dei tre documenti, molto simili tra di loro, sono questi: potranno accedere all’area del Terminal Calata Alto Fondale soltanto due/tre persone in rappresentanza del servizio Taxi e due persone in rappresentanza del servizio di noleggio con conducente. Entrambe le categorie avranno un box per ognuna che sarà assegnato dalla Porto 2000. Lo stesso principio vale anche per le aree ristrette sottobordo.
 
Sia al terminal crociere dell’Alto Fondale che all’interno delle aree ristrette, il personale del servizio taxi e Ncc non potrà circolare liberamente, ma eserciterà la rappresentanza del servizio solo nelle postazioni individuate. Stesso discorso per gli autobus scoperti della City Sightseeing srl: due persone abilitate all’accesso all’Alto Fondale, massimo due persone abilitate a sostare sottobordo in postazioni definite.

 

Post correlati

Livorno: Le dighe foranee non sono solarium – Provvedimento di divieto di accesso

LIVORNO – Da questa estate non sarà più possibile abbronzarsi sulle dighe foranee del porto o usare una delle banchine […]

Gestione rifiuti e ambiente: Il modello economico dell’economia circolare /Propeller Club Livorno

LIVORNO – Si può coniugare un approccio verde con una serie di risparmi per le aziende, che riciclando tagliano i […]

Il cluster marittimo-portuale compatto contro la procedura d’infrazione UE

ROMA – A seguito della notizia ricevuta riguardante la procedura attivata dalla Commissione Europea in materia d’imposizione fiscale sui canoni, […]


Leggi articolo precedente:
Comparto Chimico e Petrolifero Toscano, presentato il Bilancio di Sostenibilità

LIVORNO - In un contesto generale di forte incertezza e bassa crescita, la produzione di chimica in Italia nel 2016 ha...

Chiudi