lorenziniterminal
grimaldi
Cruise & Ferries > Grimaldi interrompe i collegamenti ro-ro con la Russia e svolge azioni a supporto della popolazione ucraina

Grimaldi interrompe i collegamenti ro-ro con la Russia e svolge azioni a supporto della popolazione ucraina

Finlines, compagnia finlandese Gruppo Grimaldi, interrompe quattro servizi che collegavano San Pietroburgo a Spagna, Belgio, Regno Unito e Germania, operati da quattro navi ro-ro.

NAPOLI– Alla luce del protrarsi della crisi in Ucraina e delle conseguenti tensioni internazionali, Finnlines, consociata del Gruppo Grimaldi, ha annunciato la sospensione dei propri collegamenti marittimi con la Russia.

Nello specifico, sono stati interrotti i quattro servizi operati dalla compagnia finlandese che collegavano la Russia (San Pietroburgo) a Spagna, Belgio, Regno Unito e Germania. Le quattro navi ro-ro impiegate su tali servizi – tutte battenti bandiera finlandese e dalla capacità totale di 16.000 metri lineari di merce rotabile – sono state riassegnate ad altri servizi intracomunitari fino a nuovo avviso.

L'ultimo scalo delle navi Finnlines in Russia è stato effettuato il 7 marzo. La sospensione dei quattro servizi è stata preceduta da una fase di accurata pianificazione durante la quale la compagnia ha provveduto ad informare i maggiori clienti coinvolti, al fine di ridurre al minimo i rischi e i costi per tutte le parti interessate da tale variazione.

Il Gruppo armatoriale partenopeo e tutte le sue compagnie operano da sempre nel rispetto di tutte le norme nazionali ed internazionali di riferimento, comprese quelle dello stato di bandiera, dell’Unione Europea e del diritto internazionale marittimo. Ciò vale anche per le sanzioni, che sono attentamente monitorate e prontamente applicate a tutti i traffici, le bandiere, le aziende e le persone indicate dalle norme.

Parallelamente, il Gruppo Grimaldi segue con attenzione gli sviluppi della crisi ucraina e sostiene concretamente le persone e le aziende che essa sta colpendo. Le sue compagnie marittime stanno concedendo diversi servizi di trasporto merci a titolo gratuito o a tariffe sensibilmente ridotte agli spedizionieri che portano aiuti ai rifugiati ucraini nell'Europa orientale.

Inoltre, attraverso i collegamenti operati con il brand Grimaldi Lines, la compagnia sta offrendo gratuitamente servizi di trasporto marittimo a centinaia di bambini e famiglie ucraine in fuga dalla guerra, nell’ambito di iniziative attraverso le quali questi raggiungono località ospitanti nel Mediterraneo. Anche Finnlines garantisce il trasporto gratuito sulle proprie navi passeggeri (impiegate tra Germania, Finlandia e Svezia) di cittadini ucraini che lasciano la loro patria a causa del conflitto in corso.

Infine, la Fondazione Grimaldi Onlus, guidata dalla Famiglia Grimaldi, sta supportando attivamente iniziative di evacuazione e accoglienza (a terra), raccolte di materiale medico a Napoli destinato ai campi profughi della Polonia orientale, e ha dato disponibilità di alloggio in appartamenti per decine di rifugiati nelle città di Napoli e Palermo.

Data la natura repentina della crisi, l'elenco delle azioni di soccorso intraprese dal Gruppo Grimaldi è ad oggi in costante aggiornamento e ulteriori fondi sono stati stanziati a supporto di future iniziative per arginare la grave emergenza.

Post correlati

MSC (Explora Journeys) ordina a Fincantieri 2 navi da crociera a Lng e Idrogeno, zero emissioni in porto

Folgero, AD Fincantieri: “Il primo grande accordo per nuove costruzioni dopo la pandemia, testimonia la crescita della partnership con MSC […]

Taranto Cruise Ports, partnership finanziaria con Banca di Taranto

Taranto Cruise Port, società del network Global Ports Holding (GPH) – maggiore operatore indipendente di terminal crociere al mondo – […]

Video/Nave da crociera urta contro il ghiaccio – Paura a bordo pensando al Titanic

Lo scioglimento dei ghiacciai con il distacco del ghiaccio, oltre che essere un segno tangibile dell’emergenza climatica come risultato dell’inquinamento […]


Leggi articolo precedente:
ADM Container
Maxi sequestro nel porto di Livorno, 158 kg di cocaina viaggiavano nascosti nel tetto del container

Livorno –Maxi sequestro di cocaina nel porto di Livorno, per l'esattezza 158 chili di sostanza purissima,  che viaggiavano nascosti in...

Chiudi