lorenziniterminal
grimaldi
Environment > Al via i dragaggi per i porti marchigiani

Spadoni

Al via i dragaggi per i porti marchigiani

ANCONA- Sottoscritto l'accordo di Programma per i dragaggi e lo sviluppo sostenibile delle aree portuali presenti nelle Marche. Il documento è stato firmato dalla Regione Marche, dall’Autorità portuale di Ancona, dall’Ispra, dai comuni di Civitanova Marche, Numana e Fano. Grazie alla stipula del documento si potrà procedere al riempimento della vasca di colmata all’interno dell’area portuale di Ancona che, una volta completato, costituirà un piazzale di stoccaggio di container di circa 10,2 ettari. Un risultato importante per il presidente Rodolfo Giampieri: “Un unico soggetto attuatore gestirà l’annoso problema dell’insabbiamento di questi porti marchigiani. Un accordo che dimostra le potenzialità delle nuove Autorità di sistema portuali, in quanto con la rimodulazione è proprio questo Ente che si assume l’onere di progettare e gestire i lavori nei porti, assicurando anche una più efficiente gestione della vasca di colmata e semplificando il coordinamento istituzionale. Inoltre la progettazione dei dragaggi potrà avvalersi delle innovazioni normative apportate dal decreto 172 dello scorso 15 luglio. Parliamo della realizzazione di una importantissima infrastruttura – ha aggiunto il presidente dell’Autorità portuale Rodolfo Giampieri - questo ha permesso di sbloccare una situazione ferma da molto tempo”. “Questo documento è importante – ha spiegato l’assessore alle infrastrutture della Regione Marche Anna Casini - perché consentirà di trattare in modo molto più snello tutta la problematica del dragaggio dei porti. Un grande risultato, ma anche il primo tassello di una politica diversa rispetto alla gestione dei porti. L’idea è quella di una gestione più integrata sia del sistema portuale che logistico e, se opportuno, rivedremo anche la normativa”. Gli interventi previsti nell’accordo avranno un costo complessivo di circa 17 milioni di euro tra quelli in parte già realizzati e quelli ancora da realizzare.  

Post correlati

DHL prevede investimenti da 7 miliardi nei prossimi 10 anni per ridurre le emissioni di CO2

La decarbonizzazione è al centro delle politiche di sviluppo del gruppo Deutsche Post DHL che ha previsto un investimento di […]

Indagine sugli oli combustibili in ambito marittimo, Bimco, ICS, Intercargo e Intertanko,

Oltre un anno fa, il 1 gennaio 2020, entrava in vigore la normativa IMO, Organizzazione marittima internazionale, che ha posto […]

Fincantieri, ArcelorMittal e PWI per riconversione green Ilva Taranto

Fincantieri, ArcelorMittal Italia (AMI) e Paul Wurth Italia (PWI) hanno firmato un Memorandum d’intesa (MoU) per l’eventuale realizzazione di un […]


Leggi articolo precedente:
Obiettivo porti più sicuri – Convegno Propeller Club

LIVORNO - Il porto considerato come luogo di lavoro in termini di sicurezza richiede un'attenzione particolare poichè si tratta di...

Chiudi