Cruise & Ferries > Crociere: 2017 anno nero anche a Livorno

Crociere: 2017 anno nero anche a Livorno

La stagione crocieristica del porto di Livorno quest'anno si chiuderà con un segno negativo. 
 
LIVORNO- La stagione del turismo crocieristico, non si è ancora conclusa, ma già si tirano le somme. Nel porto di Livorno i dati del traffico crocieristico 2017 si preannunciano in forte calo, le banchine labroniche vedranno globalmente l'accosto di 342 navi (rispetto alle 406 navi del 2016) e queste porteranno circa 700 mila passeggeri, rispetto ai 807.935 dello scorso anno 
La tendenza del resto è quella diffusa in tutti i porti crocieristici italiani. Il trend era già stato preannunciato, la scorsa settimana, dall'osservatorio di settore, "Italian Cruise Watch" e, viene adesso confermato, anche per quanto riguarda Livorno dalla società che nello scalo toscano gestisce il traffico crocieristico, la "Porto di Livorno da 2000" e che ha presentato i dati a consuntivo 2016 e le previsioni per il 2017 e il 2018. 
 "Il 2017 è previsto chiudersi con un totale di 342 scali per oltre 700.000 passeggeri", - ha dichiarato Massimo Provinciali presidente di "Porto di Livorno da 2000" tramite comunicato stampa - "ma si tratta di una flessione non imputabile ai servizi resi dal porto, bensì ad un ridotto impiego nel Mediterraneo da parte dei maggiori gruppi crocieristici, principalmente causato dalla instabilità politica dell’area e dalla maggior attrattiva rappresentata dai mercati del Far East".
 
Per quanto riguarda il traffico crocieristico, quindi Livorno torna decisamente indietro di un paio d'anni. Infatti lo scorso anno il porto labronico si attestava in crescita non solo per le navi da crociera, ma anche per il transito dei passeggeri dei traghetti, traffici che erano saliti globalmente del +18%
Si era parlato di boom nei mesi estivi ma anche fino all'autunno, tanto che nel centro cittadino da tempo non si vedevano così tanti crocieristi. 
Nel 2016 infatti la percentuale di crescita rispetto al 2015 era stata del +9,71% con  406 (scali nave) e del +15,8% (passeggeri) con 807.935 passeggeri in totale (includendo imbarco e sbarco “turn around” parziale) e i traghetti che avevano portato sulle banchine 2.193.678 passeggeri (+18,18%). Dati quindi in forte contro tendenza rispetto ai porti del Mediterraneo e anche rispeto ai porti italiani in generale, perché la crescita di Livorno si era attestata considerevolmente sopra la media degli altri porti italiani, secondo i dati MedCruise: Civitavecchia (+3%), La Spezia (-24%), Napoli (+ 2,9%), Venezia (+ 1,5%).
 
Il 2012 anno rercord  - 1 milione di crocieristi
E' da dire che il porto labronico dal 2012, dopo aver realizzato il proprio record oltrepassando 1 milione di croceristi con 465 mila scali, per tre anni poi era caduto rovinosamente nel vortice del segno "meno" e da quello si è dovuto risollevare gradualmente. 
L'inizio della discesa era stato il 2013, quando mentre in Italia i bilanci si chiudevano con un +5,1% di passeggeri rispetto al 2012, Livorno andava in contro tendenza con grafici in caduta libera verso il basso.
Ma fu nel 2014 che venne toccato il fondo, quando solo 626 mila crocieristi varcarono le soglie delle banchine labroniche. Ad alleggerire le perdite la notizia che quello era stato un anno negativo per la crocieristica italiana in genere, per il mercato internazionale e non solo per Livorno, anno ricordato anche per l'incidente della Costa Concordia.
Già nel 2015 anno per lo scalo, nel settore delle crociere, si parlava di ripresa, il porto aveva allungato il passo e i vertici della Porto di Livorno 2000 e dell'Authority avevano iniziato a respirare di nuovo con i 720 mila passeggeri e 375 mila scali + 16% rispetto anno precedente.
Quindi lo scorso anno il porto toscano recuperava le perdite passate, avvicinandosi ai numeri del 2011 (982 mila pax), ma guardando ancora da lontano quel milione di turisti del 2012. 

Dati previsionali 2018 in crescita
Tuttavia i dati previsionali 2018 fanno ben sperare per il porto toscano che dovrebbe già affrontare la ripresa. La Porto di Livorno 2000 dichiara: "Le prospettive per il 2018 sono migliori: abbiamo già prenotato 354 scali e 750.000 passeggeri. Ci sono diversi segnali positivi come sì è riscontrato nei vari incontri avuti con gli armatori in occasione della missione di Amburgo delle settimane scorse, per il rientro di alcune navi e di linee che in passato hanno lasciato Livorno.
Scendendo in dettaglio abbiamo tutt’ora scali settimanali della nuova AidaPerla (partiti a giugno 2017 per un totale di 29 scali per il 2017, 9 per il 2018 che prevede anche 27  scali della gemella AidaPrima), 17 scali di MSC Armonia (che effettua lo sbarco e imbarco parziale dei passeggeri a Livorno), numerosi sono gli scali di Royal Caribbean
ed in particolare di Celebrity Cruises e del Gruppo Prestige (NCL, Oceania, Regent)  che hanno continuato a supportare il nostro porto nel passato come faranno in futuro. 
Anche nel settore “Lusso” il nostro porto, che offre per queste navi la possibilità di ormeggiare nell’antico porto mediceo è privilegiato con scali regolari di Silversea Cruises, Seabourn, Azamara, Viking Cruises e tante altre linee indipendenti che ci onorano con la loro presenza regolare".

"I risultati in prevista crescita per il 2018, "
 - dichiara la società Livorno Porto 2000 - " con la conferma degli scali da parte dei maggiori gruppi armatoriali sono anche il frutto di una intensa attività di marketing in partenariato con la Regione Toscana e la loro agenzia per il turismo Toscana Promozione, che ha promosso il turismo nelle città d’arte della Toscana, con una particolare attenzione ai territori della Costa Toscana. Il progetto “Costa Toscana Cruise” definisce ed offre alle Compagnie quattro itinerari complementari (Livorno;  Bolgheri e la Strada del Vino, la Costa degli Etruschi, l’Isola d’Elba). 
A tal proposito abbiamo presentato al Seatrade Global di Miami (Gran Galà Toscana Show del 2015) il cortometraggio “Le Avventure di Alice in Toscana”, e nel 2017 al Seatrade di Fort Lauderdale i primi due Capitoli sulla Città di Livorno e Bolgheri della nostra campagna di marketing “Why Livorno” accolta dal Maestro Andrea Bocelli che ne ha dedicato una intervista speciale). Le scorse settimane ad Amburgo, in occasione del
Seatrade Cruise Europe, abbiamo presentato il teaser degli ultimi capitoli del progetto che riguardano la Costa degli Etruschi e Isola d’Elba che lanceremo al Seatrade Cruise Global 2018".

Post correlati

Moby e Tirrenia partner del Meet Forum in Sardegna / 18 e 19 ottobre

MILANO – Al via in Sardegna il 18 e 19 ottobre il Meet Forum, appuntamento innovativo nel panorama del turismo che si terrà […]

I crocieristi nel Mediterraneo preferiscono i porti italiani – Dati Italian Cruise Watch 2018

TRIESTE – Nell’ambito del Forum Italian Cruise Day 2018 – in programmazione a Trieste presso il Terminal Passeggeri, il prossimo 19 […]

“Italian Cruise Day” al via a Trieste il 19 ottobre

TRIESTE – Riapre i battenti il 19 ottobre Italian Cruise Day, l‘annuale Forum dedicato al comparto crocieristico e di riferimento  in Italia per il settore, ideato e […]


Leggi articolo precedente:
Federagenti-Duci: Buon lavoro a Coletta subentrato nel Mit a Pujia

GENOVA - Federagenti con il suo presidente Gian Enzo Duci e tutto il consiglio direttivo ha tenuto simbolicamente a battesimo il...

Chiudi