Shipping e blockchain, la velocizzazione dei traffici /Propeller Club Trieste

Nave container

TRIESTE – Le blockchain nel futuro della nostra società e in particolare nel futuro dello shipping e dei traffici ad esso collegati, questo è il tema affrontato dall’incontro del Propeller Club di Trieste al quale è intervenuto Roberto Garavaglia, autore del libro “Tutto su Blockchain” e consulente strategico di sistemi di pagamento digitali, docente e divulgatore scientifico. 

Spiegando le modalità di utilizzo della “catena di blocchi” Garavaglia ha utilizzato  alcune metafore per sottolineare l’idea rivoluzionaria che sottende a questa nuova tecnologia. Di rivoluzione ha parlato anche Christian Miccoli, manager bancario già amministratore delegato di ING e CheBanca! Ed oggi alla guida della startup Conio, ha ripercorso la storia delle criptovalute, evidenziando quanto siamo vicini ad una svolta epocale. Il riferimento era a ciò che vuole fare Facebook (per la prima volta una società privata vuole avere una sua moneta digitale) ma anche a ciò che è intenzionata a fare la Cina. Ci sono notizie, infatti, secondo le quali la superpotenza asiatica vorrebbe varare lo yuan in forma digitale: decisione in grado di saltare a piè pari il sistema delle sanzioni Usa, messo in piedi basandosi sul sistema bancario legato agli scambi in dollari.

Andrè Simha, Chief digital and information officer di MSC a Ginevra, è intervenuto sui temi della relazione shipping-blockchain, partendo da quella che ha definito la “crescita lenta” della digitalizzazione nel settore. Simha ha descritto alcune azioni che sta portando avanti uno dei leader dello shipping mondiale, sottolineando quali vantaggi e quali obiettivi si perseguono. In particolare, il riferimento è stato alla velocizzazione dei processi, alla maggiore trasparenza, alla riduzione dei costi ed all’incremento della sicurezza.

LEGGI TUTTO
Genova, arriva la prima nave MSC al Terminal IMT (Gruppo Messina)

«La serata ha dimostrato l’importanza dello sviluppo tecnologico per il nostro settore e per la vita quotidiana di tutti noiha commentato il Presidente del Propeller di Trieste, Fabrizio Zerbinituttavia, non posso non attirare l’attenzione su una tematica di rilevante importanza quale il rischio di un’eccessiva automazione/digitalizzazione ed una conseguente riduzione di posti di lavoro. Sicuramente si creeranno nuove opportunità di lavoro, oggi non esistenti, ma sarà tutto da verificare il rapporto occupazionale tra il vecchio ed il nuovo modello e tenendo conto della grande crescita demografica attesa a livello mondiale».

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC