Mattioli su Decreto Rilancio, “Non è stato dato nulla a chi ha dato tanto”

Mario Mattioli

A poche ora dalla circolazione della Bozza del DL Rilancio, in rampa di lancio da parte del Governo per far fronte alla grave difficoltà a seguito del’epidemia Covid – 19 – cominciano a fioccare le reazioni, non positive,  dei principali attori economici. Tra queste quella di Confitarma, Confederazione degli armatori nazionali, che per voce del presidente, Mario Matttioli, esprime forte preoccupazione e delusione per il mancato accoglimento delle sue istanze nelle bozze del Decreto Rilancio.

 “Non è stato dato nulla a chi ha dato tanto in questo periodoafferma Mattioli,  Siamo considerati un servizio essenziale quando è necessario assicurare i collegamenti marittimi ma poi veniamo dimenticati quando bisogna sostenere le imprese di navigazione”. In particolare, Confitarma sottolinea che le sue istanze non sono state accolte mentre sono state trovate risorse ingenti per Tirrenia e Alitalia. “Non vorremmo che la proroga della convenzione Tirrenia per altri 12 mesi, con un esborso per lo Stati di ulteriori 72 milioni di Euro, nonostante la Commissione europea si sia chiaramente espressa contro qualsiasi proroga, sia la causa della difficoltà del Governo nel reperire le risorse per il nostro settore”. “Abbiamo chiesto la riduzione temporanea del costo del lavoro – aggiunge- Mario Mattioli – per tutte quelle imprese marittime con unità iscritte nelle matricole nazionali che, a causa delle restrizioni imposte dall’emergenza COVID-19, stanno subendo notevoli cali di fatturato pur continuando ad assicurare quotidianamente servizi strategici ed essenziali per il Paese come la continuità territoriale e i rifornimenti energetici”.

Non abbiamo letto neanche della previsione di misure richieste da Confitarma per la riduzione dei costi di approdo delle navi nei porti, mentre diversi Stati membri dell’Ue, anticipando le indicazioni della Commissione europea, le hanno già introdotte”. “L’auspicio – conclude il presidente di Confitarma è che nel Decreto siano accolte le richieste di Confitarma, incluse quelle a costo zero, come ad esempio la possibilità di effettuare crociere anche solo tra porti nazionali, così come già si sta programmando in altri Paesi dell’Ue, per contribuire al rilancio della filiera del turismo”.

LEGGI TUTTO
Vaccini anti Covid, priorità ai marittimi - Gli armatori europei (ICS) sostengono la richiesta dell'ONU

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC