lorenziniterminal
grimaldi
Environment - Sustainability > “Lavoratori marittimi, vita di mare e safe sailing – Sicurezza, formazione e difficoltà” – Propeller Venezia

"Lavoratori marittimi, vita di mare e safe sailing – Sicurezza, formazione e difficoltà" - Propeller Venezia

VENEZIA - The International Propeller Club Port of Venice, promuove il convegno dal tema “Lavoratori marittimi, vita di mare e safe sailing – Sicurezza, formazione e difficoltà anche quotidiane da superare”.

L'incontro si svolge venerdì  29 aprile ore 17,00 – 19,00 presso Hotel Bologna, via Piave, 214, Mestre (Venezia) - è possibile parteciparvi in presenza e in digitale, collegandosi al link   https://meet.goto.com/806600853

SPUNTI DI RIFLESSIONE

Il convegno si pone come momento di riflessione e dialogo tra alcuni dei principali attori e dei rappresentanti del cluster marittimo, sul tema del lavoro marittimo da sempre connotato da particolari caratteri di “specialità” rispetto al lavoro comune, caratteri già riscontrabili nel complesso di norme che lo disciplinano: Codice della Navigazione, norme nazionali (anche di carattere pubblicistico) inoltre norme di diritto internazionale e europeo.

Carattere di specialità che lo si riscontra negli elementi che lo caratterizzano: il  particolare ambiente di lavoro, la nave e la modalità con cui si svolge la prestazione del lavoratore spesso destinato a rimanere a bordo della nave per periodi anche piuttosto lunghi e sottoposto per tutto il periodo all’autorità del comandante, normalmente un'autorità più costrittiva rispetto a quella a cui si trova soggetta un normale lavoratore.

Pertanto i temi di sicurezza e salute diventano centrali nella discussione del lavoro marittimo. Il complesso regolatorio risponde alla duplice esigenza di proteggere la persona del lavoratore in questo contesto molto particolare, ma anche la necessità di tutelare la sicurezza della navigazione, quale obiettivo preminente di interesse pubblico da salvaguardare.

Non in ultimo sul piano tecnico la discussione sugli specifici criteri di formazione, su come questi  bisogni evolvono rispetto ai cambiamenti tecnologici, di sostenibilità ambientale e sociale e che pongono al centro l'individuo, anche alla luce delle vicende degli ultimi tre anni, la pandemia e la guerra.

PROGRAMMA

Saluti Istituzionali

Umberto Masucci, Presidente The International Propeller Clubs
Anna Carnielli, Presidente Propeller Club Port of Venice
Bernadette Therese C. Fernandez, Console Generale delle Filippine
Piero Pellizzari, Direttore marittimo del Veneto e Comandante della capitaneria di Porto di Venezia

Modera: Lucia Nappi, giornalista direttore Corriere marittimo

INTERVENGONO

Luca Sisto, Direttore Generale di Confitarma
"La crescita della flotta nazionale, volano di sviluppo nazionale e di occupazione in ambito marittimo - Formazione e individuazione dei nuovi mestieri”

Leonardo Piliego, Capo Servizio Risorse umane, Relazioni Industriali ed Education di Confitarma

Giorgia De Biasi, Avvocato, Console Onorario delle Filippine per la Regione Veneto:
"Piano di sviluppo dell’industria marittima delle Filippine 2019-2028"

Isabella Susy De Martini, Ufficiale Medico di Bordo
"Il medico di bordo, necessità di un adeguamento professionale: competenze medico chirurgiche, uso di strumentazioni e tecnologie. Presentazione del progetto "Scuola di Alta Formazione per Medici di Bordo", Assarmatori.

Claudio Tomei, presidente USCLAC: Unione Sindacale Capitani Lungo Corso
"Il lavoro marittimo, lavoro usurante"

Giovanni Lettich - Presidente Nazionale Collegio Capitani Lungo corso e Macchina
"Sicurezza sul lavoro - Lavoratori marittimi, lavoro usurante"

Agostino Benvegnù,  Collegio Nazionale Capitani L.C.M, Dipartimento di Venezia
"La sicurezza in mare"

 

Post correlati

“La transizione ecologica del sistema automotive”, convegno a Livorno

“La transizione ecologica del sistema automotive” è il titolo del convegno che si svolgerà a Livorno – giovedì 7 e […]

Il Gruppo Laghezza tramite INTEGRA entra nel settore delle energie rinnovabili

LA SPEZIA – Il Gruppo Laghezza diversifica ulteriormente la sua attività ponendo la barra al centro su un progetto di […]

I porti delle Stretto contro il femminicidio promuovono “Posto Occupato”

MESSINA – Nel 9° Anniversario dell’ideazione di Posto Occupato, l’AdSP dello Stretto promuove liniziative iniziative volte sollecitare l’attenzione contro il […]


Leggi articolo precedente:
porto Shanghai
FOCUS/ Oltre 700 navi in attesa di entrare nel porto di Shanghai, blocco della catena logistica

Shanghai – Ci sono oltre 700 navi in attesa fuori del porto di Shanghai, ma altre si stanno accumulando, tanto...

Chiudi