lorenziniterminal
grimaldi
Shipping > Economia marittima: evoluzione, prospettive tra XX e XXI secolo – Federazione del Mare, nei 25 anni dalla nascita

Economia marittima: evoluzione, prospettive tra XX e XXI secolo - Federazione del Mare, nei 25 anni dalla nascita

ROMA -Cinquant’anni di economia marittima in Italia: evoluzione e prospettive tra XX e XXI secolo” questo il titolo della Tavola rotonda svolta ieri a Roma presso la sede del Cnel nell'ambito della manifestazione per la celebrazione dei venticinque anni della Federazione del Mare. La manifestazione è stata anche l'occasione per la presentazione della VI edizione del Rapporto sull’economia del mare realizzato con il Censis,  realizzato con il contributo di Federazione del Mare, dei gruppi d’Amico e Grimaldi e di Ucina Confindustria Nautica. La manifestazione è stata presieduta da Tiziano Treu, presidente del CNEL, e da Mario Mattioli, presidente della Federazione del Mare.

L'incontro ha messo a fuoco il ruolo dell’industria armatoriale italiana, durante il secolo passato fino ad oggi nell'ambito dell'eonomia nazionale, riscostruendo il valore economico e occupazionale dell'industria cantieristica e descrivendo l’evoluzione della portualità nazionale nel sistema trasportistico europeo e negli scenari della globalizzazione, come di quella della nautica da diporto e della pesca.

Sono intervenuti alla tavola rotonda, condotta da Giorgio De Rita, segretario generale del Censis: Lucio Caracciolo (Limes), Francesco Dandolo (Università di Napoli), Luigi Giannini (Federpesca), Carlo Lombardi (Federazione del Mare), Roberto Perocchio (Ucina), Giovanni Pettorino (Comandante generale Corpo Capitanerie di Porto - Guardia Costiera), Gianpaolo Polichetti (Grimaldi Lines).

Se si guarda all’Italia della fine degli anni Sessanta e la si confronta con l’attuale – ha detto  Mattioli - si può affermare che in questi cinquant’anni moltissimo (forse quasi tutto) è cambiato, almeno sul piano politico-sociale ed economico. Quello che ritroviamo invariato è però certamente il fatto che, oggi come allora, in Italia riveste un ruolo strategico ai fini dello sviluppo la nostra economia marittima, date le ampie dimensioni sue e del suo indotto, il ruolo importante che riveste il mare per la logistica delle persone e delle merci, la pronunciata dipendenza dagli approvvigionamenti marittimi dell’industria manifatturiera, il forte turismo crocieristico e nautico, il ruolo della pesca, la prevalente natura peninsulare del territorio, la rilevanza delle città di mare" .

Post correlati

Allarme virus/COSCO Shipping, misure preventive per i dipendenti e i marittimi

SHANGHAI – Un periodo di osservazione per i dipendenti di COSCO Shipping che sono stati a Wuhan o nella provincia […]

Fincantieri vara la “Emilio Bianchi”, decima Fregata Fremm

Varata presso lo stabilimento Fincantieri di Riva Tregoso (Sestri Levante) la “Emilio Bianchi”, decima Fregata Fremm commissionata dalla Marina Militare […]

Sostenibilità logistica: dai principi alla realtà – Shipping, Forwarding & Logistics meet Industry

A Shipping, Forwarding & Logistics meet Industry, le diverse sfaccettature di una logistica a basso impatto e ad alta efficienza. […]


Leggi articolo precedente:
Sviluppo, lavoro e formazione dell’economia del mare – Blue Economy Summit 2020

Torna l'evento dedicato alla Blue Economy, a Genova le cinque giornate di incontri e manifestazioni dal 20 al 24 aprile....

Chiudi