Ports > Vado – APM Terminal: Nuove assunzioni

Vado - APM Terminal: Nuove assunzioni

VADO LIGURE (SAVONA) - Con l’approvazione della Variante da parte del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, e rimosse pertanto le incertezze sulle modalita’ di realizzazione del nuovo Terminal, l'Azienda ha deciso di condividere i programmi occupazionali previsti per la messa in esercizio della Piattaforma di Vado, dove si stima l’arrivo della prima nave già alla fine del primo trimestre 2019.

Al completamento dei primi 450 metri di banchina, sebbene con piazzali per i containers ancora molto ridotti, partiranno le operazioni commerciali della Piattaforma, che consentiranno l’anticipazione di una buona parte delle assunzioni di operai, impiegati, quadri e dirigenti.
237 saranno le persone complessivamente impiegate ad APM Terminals all’avvio parziale delle attivita’, con previsioni d’aumento a circa 309 unità al completamento della piattaforma, e a 400 unità al raggiungimento della massima potenzialità del terminal.
I numeri indicati sono già al netto di ‘Reefer Terminal’, attivita’ rilevata nel 2015 con 123 dipendenti e che conta oggi 142 unita’.
‘Reefer Terminal’ continuera’ a svolgere la propria attivita’ di Terminal Multipurpose, complementare ai servizi offerti in Piattaforma.
Il piano occupazionale è già in fase di esecuzione.
Da pochi giorni, infatti, sono stati assunti i primi due gruisti, che avranno il compito di formatori e che hanno cominciato a seguire appositi programmi di formazione aziendali che li porteranno anche presso terminals esteri di APM Terminals dove già vengono utilizzati mezzi analoghi a quelli che saranno utilizzati a Vado.
La Compagnia Portuale di Savona (CULP), con cui APM Terminals mantiene stretto coordinamento, fornirà alcuni servizi alle navi in banchina.
Il numero di addetti necessari a CULP è in fase di definizione da parte dei responsabili della Compagnia: ulteriori opportunità di impiego oltre a quelle offerte direttamente dal Terminalista.
 
Il piano occupazionale cosi descritto è stato condiviso la scorsa settimana con le diverse Organizzazioni Sindacali territoriali e di settore,  che lo hanno accolto con soddisfazione, trovandolo coerente con gli impegni ed le indicazioni fornite in precedenza dall’Azienda.
La ripresa dei lavori di realizzazione della piattaforma consentirà anche l’incremento della forza lavoro utilizzata in cantiere, e sicuramente spingerà altre aziende (come già ha fatto il colosso cinese ZPMC) a considerare Vado Ligure per le proprie attività.
I supporti previsti dall’Area di Crisi Industriale Complessa, se ben utilizzati, potranno sicuramente aiutare ad accelerare questo processo di sviluppo di Vado Ligure e di tutta la Provincia di Savona.
 

Post correlati

Crollo ponte, Genova: Riunione di emergenza a palazzo San Giorgio

GENOVA – Crollo ponte Morandi – In seguito agli avvenimenti tragici verificatisi ieri a Genova, il presidente dell’Autorità di Sistema, Paolo […]

Genova: Interruzione servizio guardia ai fuochi Iplom di Multedo, la decisione al 30 settembre

GENOVA – Riunione a Palazzo San Giorgio tra i vertici dell’Authority ed i rappresentanti delle società IPLOM e Porto Petroli  […]

Porti e Interporti tricolore cercano investitori esteri – Protocollo d’intesa: ICE, Assoporti e UIR

Un accordo di collaborazione finalizzato alla promozione di progetti di investimento portuali e interportuali sui mercati esteri. ROMA – Attivazione di azioni volte […]


Leggi articolo precedente:
Napoli e Salerno salgono i traffici container +11,97%

NAPOLI- Il traffico registrato nei primi otto mesi del 2017 nei porti di Napoli e Salerno mostra una significativa crescita rispetto allo...

Chiudi