Un concorso di idee per ridisegnare il waterfront della Marina di Carrara del futuro

Marina di Carrara

MARINA DI CARRARA – Il waterfront e le aree adiacenti del porto di Marina di Carrara saranno ridisegnate nell’ambito di un concorso di idee per la progettazione dell’ambito 3. Ovvero l’area cha va dall’interazione porto e la città (dall’incrocio tra viale Colombo e via Rinchiosa fino a largo Marinai d’Italia compresa la zona del faro)  comprensiva di viale Vespucci fino alla rotonda Paradiso.

Stamani per avviare  questo concorso di idee, il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale, Mario Sommariva, e la sindaca di Carrara, Serena Arrighi, hanno siglato un protocollo d’intesa che sancisce la collaborazione attriva tra le due amministrazioni nel percorso di rigenerazione urbana dell’area e nello sviluppo del nuovo volto di Marina di Carrara.

“Il disegno di integrazione ed armonizzazione urbana fra il porto di Marina di Carrara e la città – ha spiegato il presidente dell’AdSP Mario Sommariva – prosegue, attraverso una collaborazione costante con l’Amministrazione Comunale. Fulcro di questo processo è il nuovo Piano Regolatore che prevede la restituzione agli usi urbani dell’aria Ex Simposio, il cosiddetto lotto 5 del Waterfront. Dopo l’avvio dei lavori dei lotti 1 e 2 e la prossima conclusione del lotto 4 ( la passeggiata sulla Diga) il concorso di idee per la progettazione del lotto 3 aggiunge un tassello definitivo a questo percorso di rigenerazione urbana che vede insieme Autorità di Sistema Portuale e Comune di Carrara per recuperare spazi di vivibilità per i cittadini e la riqualificazione di aree oggi fortemente sottoutilizzate.”

“Questo concorso di idee rappresenta un’opportunità unica per mettere a sistema i tanti cambiamenti già in atto e incanalarli in uno sviluppo omogeneo per disegnare la Marina di Carrara del futuro – ha dichiarato la sindaca di Carrara -. Sono tanti i cantieri, già partiti o in procinto di partire, destinati a mutare il volto del nostro litorale: la nuova passeggiata lungo la linea foranea, il nuovo ingresso del porto a Levante o la riqualificazione di viale Colombo e viale da Verrazzano realizzati dall’Adsp nei primi lotti del waterfront, ma anche i progetti che stiamo seguendo come amministrazione tra cui il recupero della Caravella o il recupero dell’ex Mediterraneo. Sono convinta che tra la nuova passeggiata e viale Colombo possa esserci spazio per andare a immaginare una moderna marina che possa ospitare locali e tante attività ricreative e per questo, di concerto con AdSP che ringrazio per la sua grande disponibilità nell’accogliere ogni nostra richiesta, abbiamo pensato di indire un concorso dal quale ci aspettiamo di ricevere progetti di alto livello che guardino anche a possibili e ulteriori sviluppi di tutto il nostro litorale”.

LEGGI TUTTO
MSC, il rilancio di Gioia Tauro nella crisi più nera dell'economia

Spetterà ora all’Adsp bandire il concorso d’idee attraverso il quale andare a individuare il miglior progetto che dovrà coordinarsi sia con gli interventi già previsti dal Comune per l’area della ‘Caravella’, delle pinete e del parcheggio all’inizio di viale Vespucci, sia con gli altri lotti del waterfront che sono già in fase di realizzazione. Gli elaborati saranno poi giudicati da una commissione formata in egual misura da membri indicati da Comune e AdSP che saranno chiamati anche a scegliere di comune accordo il presidente.

Nel protocollo d’intesa vengono già fissati i principi che i progettisti dovranno seguire nell’immaginare il futuro di tutta un’area tanto nevralgica per Marina di Carrara. L’ambito 3 del waterfront dovrà quindi prevedere che le aree interessate ospitino funzioni prevalentemente urbane e turistiche destinate quindi tanto ad accogliere la cosiddetta ‘movida’ dal centro di Marina di Carrara, quanto a integrarsi in maniera armonica sia con la nuova passeggiata lungo la diga foranea che con tutto il tessuto urbano nel quale è inserito. Scopo del concorso di idee sarà pertanto quello di offrire uno sguardo complessivo, andando a definire e attribuire le funzioni di ciascuna area del litorale, che faccia parte sia del waterfront, sia delle zone adiacenti di competenza comunale.

Nel fare ciò i progettisti dovranno tenere conto di alcune specifiche necessità:
• la presenza di un’opera iconica che possa diventare rappresentativa di Marina di Carrara;
• la presenza di fondi commerciali che possano, tra l’altro, ospitare locali per la cosiddetta movida di Marina di Carrara;
• la presenza di parcheggi, in sostituzione di quelli attualmente esistenti nelle aree dei cosiddetti ‘parco lamiere’ e ‘ex Gattopardo’, che potrebbero andare a scomparire in una rivisitazione complessiva dell’area;
• la presenza di un raccordo armonico tra via Rinchiosa, viale Colombo, l’area della Caravella, la pineta e la nuova passeggiata a mare
• la previsione di uno sviluppo omogeneo di tutto viale Vespucci fino alla rotonda Paradiso

LEGGI TUTTO
Ex Trw, manifestazione d'interesse - Confindustria, Neri: «Sono già da 5 a 10 imprese»

Il progetto del lotto 3 del waterfront dovrà essere pienamente integrato con gli altri progetti che il Comune ha in corso e che sono finalizzati alla riqualificazione dell’area di fronte mare a ponente della città. Sono certo che questa sinergia istituzionale virtuosa continuerà a dare buoni frutti”.

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC