Spezia, Comune: “Piano industriale LSCT, mancano gli interventi su Molo Garibaldi?”

La Spezia

La Spezia – Negli obiettivi annunciati ieri dal gruppo Contship Italia c’è una “dimenticanza” –  Lo fa notare l’assessore alla portualità del Comune di La Spezia, Anna Maria Sorrentino secondo la quale nel piano industriale della società (2021 al 2024) non c’è «alcun riferimento puntuale agli interventi» -relativi alla  «progettazione e realizzazione di Molo Garibaldi, propedeutico alla restituzione di Calata Paita alla città necessaria al nuovo waterfront» interventi necessari per la realizzazione del nuovo Terminal crociere.

Rileva inoltre l’assessore:  «Era stato reso noto che la Lsct, nell’ambito di un piano di investimenti di circa 200 milioni di euro, avrebbe investito rilevanti risorse» sul Molo Garibaldi. Infatti questo investimento «aveva giustificato la proroga cinquantennale della concessione alla società, con la previsione di un rilevante incremento occupazionale stimato in 750 unità e di volumi di traffico containerizzato del 50%».

Ma dalla firma dell’atto concessorio è trascorso un anno e mezzo e, nonostante l’impegno del Comune per la sdemanializzazione della calata e dell’Authority sui fondali dei moli Fornelli e Garibaldi, continua Sorrentino: «nessun cantiere è ancora partito e nessun bando è stato ancora indetto, quasi che si fosse decisa una posticipazione ‘unilaterale’ degli interventi che non trova alcun riscontro in atti o documenti formali. Il Comune della Spezia non può che ribadire che rimangono validi gli accordi e gli atti sottoscritti con il rinnovo della concessione».
Conclude l’assessore: «Eventuali difformità dagli accordi sottoscritti, oltre che valida giustificazione, devono trovare rispondenza nelle sedi adeguate: il Comitato di Gestione».

Sullo stesso tema oggi intervengono anche i consiglieri alla Regione Sauro Manucci, Maria Grazia Frijia e al Comune Sergio Landofi «Se come sembrerebbe Lsct non inserisce nel suo Piano Industriale lo sgombero di Calata Paita come punto di intervento prioritario, evidenziamo di fatto un‘inadempienza grave negli accordi che hanno consentito il rinnovo della convenzione cinquantennale senza gara europea alla Contship».
I consiglieri chiedono pertanto all’Amministrazione Comunale di «verificare se e quando partiranno i lavori sul molo Garibaldi e in caso di ulteriori prese di tempo, verificare se ci siano ancora le condizioni per il mantenimento di questa autorizzazione».

LEGGI TUTTO
LetExpo, Grimaldi: “A rischio 154 mld negli scambi Italia-Cina” Salvini inaugura lo stand MIT-RAM

Continuano i consiglieri: “Un’azienda leader mondiale che prevede investimenti sul territorio a fronte non solo di un non rispetto degli accordi in termini di lavori ma anche in termini di mantenimento dei livelli occupazioni attuali ed aumento dei posti di lavoro cosi come era previsto, si parlava di centinaia di persone che avrebbero dovuto essere assunte, non puo’ non tenere fede agli accordi presi. In questi mesi invece abbiamo solo preso atto di attivazione di procedimenti di cassa integrazione a carico dei dipendenti e di licenziamenti. Riteniamo inaccettabile quanto sta avvenendo, pretendiamo chiarimenti immediati e nel frattempo oltre ad un’interrogazione regionale stiamo attivando la Commissione III del Comune della Spezia presieduta da Frijia per ascoltare sindacati e vertici di Lsct».

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC