lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Progetto SECNET, si rafforza la Security portuale tra i porti di Trieste Venezia e Capodistria

Progetto SECNET, si rafforza la Security portuale tra i porti di Trieste Venezia e Capodistria

TRIESTE - Progetto “SECNETCooperazione istituzionale transfrontaliera per il rafforzamento della security portuale” Conferenza finale il 28 marzo a Trieste, ore 9.30 presso la Stazione Marittima, per la presentazione dei risultati del progetto co-finanziato dal Programma di Cooperazione Interreg V-A Italia-Slovenia 2014-2020.

SECNET ha come obiettivo la promozione delle attività per lo sviluppo di una governance coordinata e permanente della security portuale a livello transfrontaliero dei porti di Trieste, Venezia e Capodistria grazie a innovativi strumenti ICT.

Il progetto, avviato nel 2017, vede impegnata in primo piano l’Autorità di Sistema Portuale di Trieste.  “La sfida di oggi nel settore marittimo è garantire al massimo livello gli standard di sicurezza per persone, merci e strutture portuali," ha dichiarato Zeno D’Agostino, presidente dell'ente portuale - "individuando nuove politiche che non incidano sull’operatività dello scalo e sulla catena logistica a terra. Secnet ha aperto la strada a una proficua collaborazione tra i tre porti per arrivare a un modello di security integrato per l’Alto Adriatico”.

I tre porti con un budget di circa 1,3 milioni di euro, hanno sviluppato in maniera congiunta piani di azioni e strategie di lungo periodo attraverso innovazioni tecnologiche e procedurali in tema di sicurezza. Grazie al supporto delle Università di Trieste e del Litorale e del Segretariato Esecutivo dell’Iniziativa Centro Europea, sono stati messi in atto piani per aumentare il coordinamento e la cooperazione, e sono state attuate concrete azioni pilota, quali l’installazione di radar, sirene, telecamere, utilizzo di droni e test per la difesa da attacchi informatici.

Interverranno alla Conferenza: il Contrammiraglio Luigi Giardino del Comando Generale delle Capitanerie di Porto e l’esperto Eyal Pinko, ex comandante della Marina di Israele, che illustreranno le più recenti sfide, minacce e strategie nell’ambito della sicurezza fisica e cyber security portuale. Al termine dell’evento, i rappresentanti dei porti di Trieste, Venezia e Capodistria firmeranno un protocollo congiunto per l'istituzionalizzazione di un sistema di cooperazione transfrontaliera nell'ambito della security portuale.

Post correlati

Piombino nei primi sette mesi 2022 il traffico passeggeri torna ai livelli pre-pandemia

PIOMBINO – Torna ai livelli pre-pandemia il traffico passeggeri nel porto di Piombino. A certificarlo i dati del Servizio Studi […]

Terminal Rinfuse Venezia, nuovo impianto fotovoltaico – Euoports verso la transizione green

Il Terminal Rinfuse Venezia nel percorso di transizione ambientale avvia un nuovo impianto fotovoltaico VENEZIA – Terminal Rinfuse Venezia annuncia […]

Marina di Carrara FHP, cresce il Project Cargo – Imbarco eccezionale di un modulo da 2.800 tonn.

MARINA DI CARRARA – Lo scalo di Marina di Carrara conferma la propria crescita nella movimentazione e logistica di Project […]


Leggi articolo precedente:
Via libera a Toscana Pharma Valley, rete di imprese farmaceutiche – A Guasticce l’hub logistico

Contratto di rete tra imprese leader nel settore farmaceutico  in Toscana (Molteni SpA, Kedrion SpA, Eli Lilly Italia SpA -...

Chiudi