lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Progetto SECNET, si rafforza la Security portuale tra i porti di Trieste Venezia e Capodistria

Spadoni

Progetto SECNET, si rafforza la Security portuale tra i porti di Trieste Venezia e Capodistria

TRIESTE - Progetto “SECNETCooperazione istituzionale transfrontaliera per il rafforzamento della security portuale” Conferenza finale il 28 marzo a Trieste, ore 9.30 presso la Stazione Marittima, per la presentazione dei risultati del progetto co-finanziato dal Programma di Cooperazione Interreg V-A Italia-Slovenia 2014-2020.

SECNET ha come obiettivo la promozione delle attività per lo sviluppo di una governance coordinata e permanente della security portuale a livello transfrontaliero dei porti di Trieste, Venezia e Capodistria grazie a innovativi strumenti ICT.

Il progetto, avviato nel 2017, vede impegnata in primo piano l’Autorità di Sistema Portuale di Trieste.  “La sfida di oggi nel settore marittimo è garantire al massimo livello gli standard di sicurezza per persone, merci e strutture portuali," ha dichiarato Zeno D’Agostino, presidente dell'ente portuale - "individuando nuove politiche che non incidano sull’operatività dello scalo e sulla catena logistica a terra. Secnet ha aperto la strada a una proficua collaborazione tra i tre porti per arrivare a un modello di security integrato per l’Alto Adriatico”.

I tre porti con un budget di circa 1,3 milioni di euro, hanno sviluppato in maniera congiunta piani di azioni e strategie di lungo periodo attraverso innovazioni tecnologiche e procedurali in tema di sicurezza. Grazie al supporto delle Università di Trieste e del Litorale e del Segretariato Esecutivo dell’Iniziativa Centro Europea, sono stati messi in atto piani per aumentare il coordinamento e la cooperazione, e sono state attuate concrete azioni pilota, quali l’installazione di radar, sirene, telecamere, utilizzo di droni e test per la difesa da attacchi informatici.

Interverranno alla Conferenza: il Contrammiraglio Luigi Giardino del Comando Generale delle Capitanerie di Porto e l’esperto Eyal Pinko, ex comandante della Marina di Israele, che illustreranno le più recenti sfide, minacce e strategie nell’ambito della sicurezza fisica e cyber security portuale. Al termine dell’evento, i rappresentanti dei porti di Trieste, Venezia e Capodistria firmeranno un protocollo congiunto per l'istituzionalizzazione di un sistema di cooperazione transfrontaliera nell'ambito della security portuale.

Post correlati

Propeller Club port of Venice, Carnielli confermata presidente per acclamazione

VENEZIA –  L’Assemblea Ordinaria dei Soci del Propeller Club Port of Venice, svolta presso l’Hotel Bologna di Mestre, ha confermato […]

Assemblea Federagenti, Santi: «L’Italia si chieda se vuole continuare ad essere porto»

E’ la domanda provocatoria che il presidente di Federagenti, Alessandro Santi, lancia all’Assemblea Generale, platea da dove formula l’idea di […]

Federagenti, Bucci «Opere PNRR, il modello Genova: Procedure in parallelo e presa di responsabilità»

PNRR, arrivare in tempo all’appuntamento del 2026 – Il sindaco di Genova Bucci mostra la via: il modello della ricostruzione […]


Leggi articolo precedente:
Via libera a Toscana Pharma Valley, rete di imprese farmaceutiche – A Guasticce l’hub logistico

Contratto di rete tra imprese leader nel settore farmaceutico  in Toscana (Molteni SpA, Kedrion SpA, Eli Lilly Italia SpA -...

Chiudi