Ports > Napoli: Deposito di stoccaggio GNL, presentate 17 domande

Napoli: Deposito di stoccaggio GNL, presentate 17 domande

NAPOLI- Allo scadere del termine previsto, entro la mezzanotte del 26 febbraio, sono state 17 le manifestazioni di interesse pervenute alla Autorità di Sistema del Mar Tirreno Centrale per la realizzazione di un deposito di stoccaggio di GNL nel porto di Napoli. Le domande sono state presentate da ButanGas, Confapi Napoli, De Biase, Edison, Energas, Engie, Galdieri, Italcost, Higas, Kuwait Petroleum, Liquigas, Marine Service, Maxcom Bunker, Snam, So.De.Co., Sofregaz, Wartsila Italia.
 
Il presidente dell’Autorità, Pietro Spirito, “esprime grande soddisfazione per l’attenzione riscontrata dal mercato rispetto alla proposta ed allo studio di pre-fattibilità presentato. Nei prossimi giorni valuteremo le domande presentate e definiremo il percorso in base al quale attivare le procedure coerenti con le caratteristiche della documentazione che abbiamo ricevuto. Entro la metà del mese di marzo definiremo l’iter e procederemo a comunicare alle imprese partecipanti le fasi successive”.
Napoli, lo ricordiamo, è uno degli otto porti nazionali per i quali è prevista la realizzazione di un deposito di stoccaggio di GNL secondo il piano energetico nazionale.

Post correlati

GIP: “TDT e Sech non in competizione, ma 2 visioni delle stesso problema”

di Lucia Nappi   LIVORNO – “I clienti e le compagnie stanno cambiando, i terminal portuali rischiano di perdere i […]

Gruppo Grendi: Nata la compagnia marittima ProCargo Line – Collegamenti con la Tunisia

Il Gruppo Grendi annuncia la nascita della nuova compagnia marittima ProCargo Line – I soci di sono: Gruppo Grendi, Vittorio Bogazzi e […]

Livorno raccoglie onori dal 6° Med Ports

di Roberto Lippi   LIVORNO – Dopo Tangeri nel 2016 e lo scorso anno a Barcellona, per il 2018 la sede […]


Leggi articolo precedente:
Piombino: Indagine e progettazione bonifica del sito industriale, pronti 50 mln

FIRENZE – Va avanti, dopo l'aggiudicazione delle gare da parte di Invitalia tra novembre e dicembre scorsi, il lavoro di...

Chiudi