lorenziniterminal
grimaldi
Ports > I portuali cedono Livorno Reefer Terminal alla Giorgio Gori (Gruppo DHL)

I portuali cedono Livorno Reefer Terminal alla Giorgio Gori (Gruppo DHL)

LIVORNO - Passo conclusivo per l’accordo tra la Compagnia Portuale di Livorno e la Giorgio Gori, società del Gruppo DHL, per la cessione del complesso immobiliare Livorno Reefer Terminal,  la stuttura situata nel porto di Livorno sulle banchine del canale industriale.

Il Livorno Reefer Terminal, 30 mila metri quadrati di superfice, un magazzino di 10 mila mq veniva inaugurato nel settembre 2011 come hub logistico ortofrutticolo di via Leonardo Da Vinci. Potenzialmente in grado di movimentare e stoccare 400 mila tonnellate dei prodotti refrigerati e una capacità ricettiva di 9 mila pallet. Ma lo sviluppo del trasporto della merce ortofrutticola tramite container, in pochi anni ha trasformando radicalmente il settore tale che la struttura, che non era nata per la containerizzazione,  non ha avuto lo sviluppo previsto.

La “Giorgio Gori”, società specializzata nella logistica del vino, azienda livornese nata negli anni ’60 negli Stati Uniti, dal 1994 è entrata a far parte della galassia del Gruppo Deutsche Post (Gruppo DHL) che ne è l'azionista di maggioranza con il 60% del capitale, attraverso la controllata DHL Holding.

«L’accordo» - fa sapere la Compagnia Portuale - «prevede il subentro nella proprietà dell’immobile attraverso l’acquisto diretto dalle società di leasing; la proprietà utilizzerà il magazzino nell’ambito della sua attività logistica specifica per lo stoccaggio e la spedizione del vino». «La Compagnia Portuale tramite una rinnovata Reefer Terminal continuerà ad operare nel settore ortofrutticolo in parte del magazzino, erogando al contempo servizi di handling alla Gori».

Si conclude nella nota «Per la Compagnia Portuale si aprono nuovi orizzonti di collaborazione con una azienda leader in Italia nel settore della logistica del vino, un riposizionamento positivo sugli impegni economico-finanziari del gruppo trovando soluzione a ciò che era venuto meno nella riconversione marittima dalle navi reefer tradizionali in favore dei contenitori».

Post correlati

La Livorno Cold Chain torna al Fruit Logistica di Berlino per lanciare i nuovi progetti

BERLINO – La Livorno Cold Chain, la filiera logistica del freddo del porto di Livorno specializzata nei prodotti agroalimentari, sarà […]

Porti Stretto, al via il bando per l’elettrificazione delle banchine

I porti di Messina, Reggio Calabria e Milazzo entrano nel vivo della transizione ambientale – Avviato il bando per il […]

“Piombino e Portoferraio: Traffico passeggeri, ruolo e prospettive ”

“Piombino e Portoferraio: ruolo e prospettiva nell’accoglienza e movimentazione del traffico passeggeri”,  è il titolo dello studio realizzato dalla società […]