lorenziniterminal
grimaldi
Environment - Sustainability > I porti delle Stretto contro il femminicidio promuovono “Posto Occupato”

I porti delle Stretto contro il femminicidio promuovono "Posto Occupato"

MESSINA - Nel 9° Anniversario dell’ideazione di Posto Occupato, l’AdSP dello Stretto promuove liniziative iniziative volte sollecitare l'attenzione contro il femminicidio

"Posto Occupato è un gesto concreto dedicato a tutte le donne vittime di violenza” -  Lo spiega in una nota l'AdSP dei Porti dello Stretto - "Ciascuna di quelle donne, prima che un marito, un ex, un amante, uno sconosciuto decidesse di porre fine alla sua vita, occupava un posto a teatro, sul tram, a scuola, in metropolitana, nella società. Questo posto vogliamo riservarlo a loro, affinché la quotidianità non lo sommerga  è la semplice ma significativa motivazione che è alla base dell’iniziativa, diffusasi in modo spontaneo in tutta Italia e adesso anche all’estero. Dal 2013 un posto è stato simbolicamente occupato in teatri, cinema, scuole, uffici, e anche sott’acqua, grazie all’adesione di un’associazione nazionale di centri diving.

Ovviamente la finalità è quella di tenere alta l’attenzione e impedire che il problema si sottovaluti, che non rimanga nascosto fra le mura delle case e nei contesti dove le vittime o i sopravvissuti di quelle mamme, figlie, sorelle, amiche, vicine di casa lo vivono quotidianamente. In pratica si tratta di lasciare, in ogni luogo pubblico, un posto simbolicamente occupato da colei che è stata vittima di violenze e non ha potuto sedersi, segnalando tale seduta con una locandina con il logo dell’iniziativa.

Già dal 2017 l’Autorità Portuale ha destinato in modo permanente una “sedia” della sua sala riunioni a Posto Occupato. Per questo nono Anniversario, in un momento storico in cui purtroppo i casi di femminicidio nel nostro Paese continuano inesorabilmente ad aumentare, l’ideatrice messinese della campagna Posto Occupato organizzerà a Messina un convegno e l’AdSP dello Stretto contribuisce rilanciando il proprio impegno di promozione di una cultura basata sul ripudiare convintamente ogni tipo di violenza sulle donne e su un pieno riconoscimento fattivo della parità di genere.

“Per far questo sarà esposta sulle banchine dei nostri porti, nei terminal, sui due siti dell’AdSP www.adspstretto.it e www.portidellostretto.it la locandina di Posto Occupato.

Informa il presidente dell’AdSP dello Stretto Mario Mega: “E’ stato chiesto inoltre agli operatori del cluster marittimo di sposare questa campagna sistemando la locandina nelle aree di loro competenza aperte al pubblico. Le foto dell’iniziativa verranno postate sui social dell’Ente sperando di sensibilizzare più persone possibile. In più è stata diffusa l’iniziativa anche ad Assoporti e a tutte le AdSP italiane chiedendo di affiancare la nostra Autorità in questa battaglia di civiltà, valutando l’opportunità di riposizionare un Posto Occupato in Uffici, stazioni marittime, nelle prossime fiere di settore e in tutti quei luoghi che riterranno opportuni e diffondendo le foto sui propri profili social.”
“Siamo certi che, come sempre, la risposta dei porti sarà di sincera adesione e di significativa risonanza e riuscirà a contribuire a tenere alta l’attenzione su una piaga sociale che può e deve essere combattuta con la consapevolezza e l’impegno di tutti” conclude il Presidente.

Post correlati

F2i con Crédit Agricole investe negli impianti eolici spagnoli del Gruppo Villar Mir

Milano – F2i, primo fondo infrastrutturale nazionale, attraverso il Fondo V -Fondo per le Infrastrutture Sostenibili – in partnership con […]

Il gruppo Grimaldi prende in consegna la nave ro-ro Eco Adriatica

L’undicesima nave ibrida della classe Grimaldi Green 5th Generation (GG5G) Eco Adriatica è stata consegnata al gruppo Grimaldi.  Si tratta, […]

I terminal italiani del Gruppo PSA presentano il primo Report di sostenibilità congiunto

GENOVA – E’ stato presentato il primo Report di Sostenibilità unificato dei terminal italiani del gruppo PSA: PSA Genova Pra’ […]


Leggi articolo precedente:
ALIS CdD
Alis, ingresso nel Consiglio direttivo di 30 nuovi soci

Nel Consiglio direttivo di Alis sono entrate le aziende: Vodafone Italia, Snam4Mobility, Tecno, TMT International e CIL Impianti e costruzioni....

Chiudi