lorenziniterminal
grimaldi
Ports > 101 portacontainer vagano lungo 1000 miglia di costa per entrare a Los Angeles e Long Beach

101 portacontainer vagano lungo 1000 miglia di costa per entrare a Los Angeles e Long Beach

La "Container Dwell Fee" rimandata di un'altra settimana.

LOS ANGELES  - Cresce di giorno in giorno il numero delle navi portacontainer lungo la costa del Pacifico in attesa di fare ingresso nei porti californiani di Los Angeles/Long Beach. Secondo gli ultimi dati diffusi da  Marine Exchange of Southern California, dalla propria pagina Facebook, sono 101 le navi ancorate al largo della costa nordamericana, a partire dal Messico, in un tratto di 1.000 miglia, si tratta di portacontainer ancorate ma anche in transito a velocità minima  che "vagano" in attesa di un ormeggio. E se prima della pandemia il transit time Asia - Nord America era di 15 giorni, adesso i tempi si sono allungati a 45 giorni, a causa della grave congestione portuale, che ha colpito più ampiamente i porti USA e in particolare i due principali scali container della costa nord del Pacifico.

Il 16 novembre scorso le autorità americane hanno messo a punto un "sistema di coda" per le navi in attesa che prevede un raggio di 150 miglia dalla costa della California, grazie al quale adesso le navi sono sparse per 1.000 miglia lungo la costa, molte delle quali a sud lungo la costa del Messico.

Marine Exchange of Southern California ha evidenziato che delle 101 portacontainer in attesa: 30 sono ancorate oppure "vagano" nelle acque della California meridionale ed altre 71 navigano a bassa velocità fuori da questa area marittima per motivi ambientali e di qualità dell'aria, ma anche per motivi di sicurezza. Inoltre ha spiegato che a causa dell'arrivo di una tempesta le autorità avevano effettivamente fatto allontanare tutte le navi ancorate al largo di Los Angeles e Long Beach.

Nel suo ultimo video Sal Mercogliano, professore associato presso la Campbell University in North Carolina, dal popolare canale Youtube "What is Going on With Shipping?" nel quale analizza l'andamento dell'industria dello shipping, ha parlato di due portacontainer: la "Navios Amarillo" in attesa al largo di Baja, in Messico, e la "Maersk Esmeraldas" in attesa al largo di Xiamen.

La Navios Amarillo di 4.250 teu ha lasciato il porto sudcoreano di Busan il 17 novembre ed è attualmente ancorata nelle acque del Messico con un attracco previsto a Los Angeles il 2 gennaio, per un transit-time di 46 giorni. La Maersk Esmeraldas (13.000 teu) ha lasciato il porto di Xiamen due giorni fa e rimarrà ancorata non lontano dalla costa cinese con previsione di ormeggio a Los Angeles l'11 gennaio, per un tempo di transito di un mese.

I porti di Los Angeles e Long Beach hanno annunciato ieri che l'applicazione della "Container Dwell Fee" - la multa per la sosta dei container proposta per la prima volta il 25 ottobre - sarà rimandata di un'altra settimana. La Container Dwell Fee deve ancora essere ancora introdotta, il termine della sospensione avrebbe dovuto essere ieri, 13 dicembre, ma le autorità hanno fissato la nuova data al 20 dicembre per continuare a monitorare l'andamento del flusso di merci nei terminal.

Post correlati

Da Trieste alla Carinzia il primo e unico corridoio doganale internazionale europeo mare-ferro

Trieste – Partirà a gennaio e collegherà il porto di Trieste con l’interporto di Fürnitz in Carinzia, il primo e […]

Ports of Genoa vince l’Oscar di Bilancio 2022 per la sostenibilità

GENOVA – L’Autorità di Sistema portuale della Liguria Occidentale (Ports of Genoa – porti di: Genova, Pra’, Savona, Vado) ha […]

Paritá di genere, Assoporti aderisce all’iniziativa “Posto occupato”

Nella Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, Assoporti aderisce all’iniziativa “Una sedia rossa”. Roma – Sensibilizzare e […]


Leggi articolo precedente:
Sergio Bologna
Trieste presenta il libro di Sergio Bologna: “Agli inizi del container: Lloyd Triestino e linee per l’Australia”

Trieste - “Agli inizi del container: il Lloyd Triestino e le linee per l’Australia” è il titolo dellla pubblicazione a...

Chiudi