lorenziniterminal
grimaldi
Logistic & Transport > Trasporti, sindacati: “Controlli Green pass coadiuvati dalle forze dell’ordine”

Spadoni

Trasporti, sindacati: "Controlli Green pass coadiuvati dalle forze dell'ordine"

Trasporti, sindacati Fit-Cisl chiedono al MIMS misure per il contrasto delle aggressioni nei confronti del personale addetto ai controlli delle mascherine FfP2 e dei Green pass.

ROMA - Si è svolto l’incontro tra le organizzazioni sindacali dei trasporti e il ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili per individuare misure atte al contrasto dei fenomeni di voilenza ed aggressione ai  acontro i lavoratori dei trasporti nell'ambito dell'attività di controllo Anti-Covid.

In merito è intervenuto il segretario generale Fit-Cisl, Salvatore Pellecchia: “Abbiamo chiesto, in via preliminare, di allargare il confronto attraverso il coinvolgimento dei ministeri competenti, delle Regioni e delle Associazioni datoriali per contrastare il fenomeno delle aggressioni ai danni delle lavoratrici e dei lavoratori dei trasporti. Fenomeno che si è aggravato ora che questi lavoratori sono tenuti a svolgere anche i controlli anti-Covid”.

“Al tempo stesso – ha detto Pellecchia - abbiamo chiesto: un aggiornamento del Dpr 753/80; che le aziende si costituiscano parte civile tutte le volte che un dipendente subisce un’aggressione; il rafforzamento dello status giuridico del personale di front line prevedendo delle aggravanti di pena per questo tipo di aggressioni; un aggiornamento dell’allegato 14 che stabilisce le norme comportamentali del personale in tutti i settori dei trasporti; una formazione specifica per la prevenzione delle situazioni di rischio; la costituzione o il rafforzamento di strutture di protezione aziendale.
Abbiamo inoltre ribadito che i controlli relativi alle mascherine Ffp2 e al green pass vanno fatti a terra o in salita coadiuvati dalle forze dell’ordine.
Spiega il segretario generale della Fit-Cisl: “A fronte dell’impegno dei rappresentanti del Mims a proseguire il confronto con la partecipazione di tutti gli stakeholder, invieremo un documento di proposta affinché lo stesso Ministero possa attivare in tempi rapidi l’incontro con tutte le parti interessate. Abbiamo infine sottolineato che sul tema ci deve essere continuità di confronto e, soprattutto, di azione”.

Ha concluso Pellecchia: “Nelle more del confronto, preso atto della mancanza di sensibilità da parte di diverse aziende, verificheremo con i nostri uffici legali la possibilità di agire nei confronti delle predette aziende per inosservanza delle vigenti disposizioni di legge in materia di misure che, secondo la particolarità del lavoro, l'esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l'integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro. Invitiamo pertanto tutte le lavoratrici e i lavoratori che subiscono un’aggressione a segnalarlo alla Fit-Cisl attraverso i rappresentanti sindacali di impianto o direttamente alle Segreterie regionali Fit-Cisl”.

L'incontro svolto a fronte del decreto-legge che ha introdotto Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza COVID-19, in particolare nei luoghi di lavoro e nelle scuole, approvato il 5 gennaio scorso dal Consiglio dei ministri, su proposta del premier Mario Draghi e del ministro della salute Roberto Speranza. Decreto mira a “rallentare” la curva di crescita dei contagi relativi alla pandemia e a fornire maggiore protezione a quelle categorie che sono maggiormente esposte e che sono a maggior rischio di ospedalizzazione.

Obbligo vaccinale

Con il testo è stato introdotto l’obbligo vaccinale per tutti coloro che hanno compiuto i 50 anni. Per i lavoratori pubblici e privati con 50 anni di età sarà necessario il Green Pass Rafforzato per l’accesso ai luoghi di lavoro a far data dal 15 febbraio prossimo. Senza limiti di età, l’obbligo vaccinale è esteso al personale universitario così equiparato a quello scolastico.

Green Pass Base

È esteso l’obbligo di Green Pass cosiddetto ordinario a coloro che accedono ai servizi alla persona e inoltre a pubblici uffici, servizi postali, bancari e finanziari, attività commerciali fatte salve eccezioni che saranno individuate con atto secondario per assicurare il soddisfacimento di esigenze essenziali e primarie della persona.

Post correlati

“Cyber security, un’emergenza per la filiera Trasporti e Logistica” – Tavola rotonda Conftrasporto

GENOVA – “Cyber security, un’emergenza per la filiera Trasporti e Logistica” è  la Tavola rotonda promossa da Logistic Digital Community […]

Aperto il bando per il corso di formazione per Logistic manager

LA SPEZIA – E’ aperto il bando per il corso di formazione per la figura professionale di Logistic manager. La […]

Roma, Amazon sbarca ad Ardea ed assume a tempo indeterminato oltre 200 persone

Amazon apre un nuovo centro di distribuzione ad Ardea, città metropolitana di Roma. Il nuovo sito permetterà al big dell’ecommetce […]


Leggi articolo precedente:
Crociere/ Roma Cruise Terminal chiude il 2021 con 519mila passeggeri e 274 scali

CIVITAVECCHIA - Il 2021 si é concluso nel terminal Roma Cruise Terminal, del porto di Civitavecchia, con 519,000 passeggieri movimentati dal...

Chiudi