Santo Stefano Magra diventi una vera Città della Logistica

L'appello degli operatori logistici spezzini: Interporto di Santo Stefano Magra, occorre che questa piattaforma diventi una vera e propria Città della Logistica.
Santo Stefano Magra

LA SPEZIAGli Spedizionieri del porto della Spezia, che da sempre si sono contraddistinti per la capacità di leggere in anticipo le tendenze e le esigenze degli operatori che gestiscono gli scambi internazionali, stanno effettuando importanti investimenti per ampliare capacità ed efficienza dei magazzini situati nell’Interporto di Santo Stefano Magra, rilanciando il ruolo strategico di quello che è risultato essere uno degli asset fondamentali per rendere attrattivo il Porto della Spezia di cui l’Interporto è parte integrante, grazie alla breve distanza dal porto – solo 6 km di bretella autostradale – che rende le aree di Santo Stefano la banchina lunga dello scalo spezzino.

Occorre che questa piattaforma diventi una vera e propria Città della Logistica, della quale ha già tutte le caratteristiche operative e distributive, sviluppo in armonia con i progetti di ampliamento nei terminal La Spezia Container Terminal, Tarros e Terminal Crociere. E’ questo l’appello congiunto degli operatori della logistica spezzina, dei presidenti Giorgia Bucchioni (Agenti Marittimi) Alessandro Laghezza (Spedizionieri) e Bruno Pisano (Doganalisti) nell’ambito di un focus dedicato a Santo Stefano Magra centro logistico al servizio di un’area vasta che comprende il Nord ed il Centro dell’Italia e che si proietta al di là delle Alpi.

Evidenziando che da oltre due decenni, gli operatori privati con consistenti investimenti hanno dato vita a un nodo operativo diventato il motore del Porto della Spezia nel quale si concentra la logistica integrata e si avviano le rotture di carico per rendere servizi efficaci alle merci in importazione ed esportazione.

E nel quale opera da oltre tre anni il Centro Unico dei servizi, struttura sorta per gestire in modo efficiente, attraverso procedure innovative, tutte le attività di controllo e di verifiche delle merci che transitano nel porto, prima e unica iniziativa in Italia nata dalla sinergia tra pubblico e operatori privati.

LEGGI TUTTO
Lavoro marittimi:"Etica e impresa: quale responsabilità sociale?" / Propeller Club Livorno

Santo Stefano Magra – grazie alla lungimiranza di investitori privati spezzini e nazionali di 100.000 mq di magazzini coperti, 600.000 mq di aree operative attrezzate e 300.000 mq destinati ai terminal intermodali –  è uno dei punti di forza del sistema logistico che fa riferimento al Porto della Spezia e al suo hinterland.

Gli operatori spezzini vogliono rilanciare così il concetto di porto laboratorio inserendo la logistica di prossimità come un valore aggiunto, guardando ancora avanti rispetto alle esigenze di un mercato in continua evoluzione anche per prepararsi a quella che sarà la Zona logistica semplificata (Zls) auspicando allo stesso tempo la rapida conclusione dell’iter autorizzativo del Ministero per la (Zls)

Per questo va rafforzata la collaborazione pubblico-privato del Sistema Spezia soprattutto su Santo Stefano Magra, essenziale alla integrazione anche doganale tra il porto e il suo interporto, costruita in oltre dieci anni da Agenzia della Dogana e Magazzini privati che, anche qui primi in Italia, hanno attivato i corridoi ispettivi, modelli operativi di efficienza dai quali hanno tratto ispirazione tutte le procedure delle merci per treno e camion.

È evidente che in questa prospettiva non poteva non destare preoccupazione l’avvio della revoca delle autorizzazioni per i corridoi doganali ispettivi nei terminal di Santo Stefano, effettuata dalla Dogana della Spezia in controtendenza con le lodevoli iniziative innovative avviate su tutto il territorio nazionale, che hanno obbligato gli operatori a impugnare la procedura con un ricorso al Tar dal quale è stata subito concessa la sospensione del provvedimento, sventando almeno temporaneamente il rischio di numerosi licenziamenti.

Nello sviluppo della Città della Logistica nell’interporto di Santo Stefano Magra – concludono i tre presidenti – la collaborazione fra pubblico e privato deve restare uno dei pilastri fondanti del Sistema Spezia perché solo così si possono creare nuove economie per il territorio, per il Porto della Spezia e per mantenere e incrementare la buona occupazione.

LEGGI TUTTO
Hapag Lloyd lascia il Porto Canale di Cagliari - Uiltrasporti Sardegna, chiede incontro a Salvini

TDT

Let Expo 2024

Assoporti 50anni

Confindustria Livorno

 

Confitarma auguri

MSC Spadoni

AdSP Livorno

Toremar

Laghezza

MSC