Recovery Plan, Giachino: «Infrastrutture digitali e fisiche per dare centralità ai porti»

Mino Giachino

La vera sfida per il Paese è il Recovery Plan, la pianificazione con le proposte che il Governo italiano dovrà presentare all’UE, il 15 ottobre, per non disperdere le risorse i 209 miliard del Recovery Fund, in mille rivoli e concentrandole nei punti nevralgici delle riforme da affrontare.

Sul tema interviene Mino Giachino, presidente Saimare: 

«I soldi a fondo perduto del Recovery Fund sono una occasione storica che non capiterà per altri 50 anni. Il mondo dei trasporti e della logistica porti una Vision per il Paese.
Dopo l’intervento di Draghi non ci sono più scuse, CRESCITA ECONOMICA e LAVORO sono i temi centrali per il Paese e anche per il mondo della portualità e della logistica che deve dimostrare di avere un progetto Paese».

Quali gli investimenti prioritari per non disperdere le risorse?
«Prioritari gli investimenti che hanno un moltiplicatore di sviluppo simile a quelli del primo Piano Marshall (ogni dollaro ne metteva in moto 6).
Priorità pertanto alle Infrastrutture che ci collegano al mercato internazionale come i corridoi ferroviari (Reti Ten-T) che ci collegano all’Europa, porti efficienti per i collegamenti da e verso Africa, Cina e India, i dragaggi, la Nuova Diga foranea a Genova».

«Con la realizzazione dei corridoi ferroviari europei, tutti collegati ai porti di Genova, Savona, La Spezia, Venezia e Trieste e con i quattro incroci dei corridoi ferroviari a Novara, Milano, Verona e Padova, la Pianura Padana diventerà la Grande Area Logistica del Sud Europa che andrà dal confine dei Paesi della ex Jugoslavia sino a Lione (con la TAV).
Dragaggi e la Nuova Diga foranea di Genova renderanno i porti del Nord Tirreno e del Nord Adriatico i punti di passaggio più brevi e meno inquinanti per le merci da e verso l’Europa».

LEGGI TUTTO
Recovery Fund, Alis presenterà al governo le proposte per il rilancio del Paese

Infrastrutture fisiche ma anche digitali, come indica anche l‘UE
«Come ha detto giustamente Paolo Pessina di Hapag Lloyd infrastrutture digitali e fisiche potranno finalmente dare la centralità ai nostri Porti come immaginava, pensate,  Camillo Benso Conte di Cavour.
Con questa Visione potremo puntare a ricavare dagli 82 miliardi a fondo perduto lo stesso risultato che De Gasperi e i suoi governi riuscirono ad avere dai soldi a fondo perduto del Piano Marshall. Potremo recuperare cioè molti punti di PIL e aumentare la crescita della economia e del lavoro».

A quale obiettivo deve mirare il nostro Paese con il Recovery Plan?
«Investendo  nei porti e nelle reti di trasporto ferroviarie europee, Reti Ten T, il nostro Paese avrebbe finalmente l’ccasione per diventare il perno logistico del Sud Europa, porta naturale verso l’Europa e verso l’Africa, il Medio e l’Estremo Oriente.
Autostrade e trafori autostradali alpini ci portarono al Boom economico degli anni 60-70. Con i porti e le Reti ferroviarie AV che daranno un forte rilancio anche alle nostre Città potremmo uscire dai lunghi anni della stagnazione e dare una speranza di l’acoro alle giovani generazioni».

TDT

Let Expo 2024

Assoporti 50anni

Confindustria Livorno

 

Confitarma auguri

MSC Spadoni

AdSP Livorno

Toremar

 

Blue Forum

MSC