Logistic & Transport > Musolino: “Rimuoviamo ogni forma di inefficienza”

Musolino: "Rimuoviamo ogni forma di inefficienza"

di Lucia Nappi
 
VENEZIA - "Il Veneto è la regione italiana con maggiore vocazione all'esportazione in Italia. Significa che il Veneto necessita di un sistema portuale di supporto all'internazionalizzazione ancora maggiore dell'attuale. È necessario pertanto di rimuovere ogni forma di inefficienza”.
 
Con questa premessa Pino Musolino, presidente dell'Autorità di Sistema Adriatico Settentrionale, apre il suo intervento agli Stati Generali della Logistica del Nord Est. Padrone di casa e organizzatore dell'evento che si è svolto nell'Arsenale di Venezia, il complesso degli antichi cantieri navali e delle officine della città lagunare, per la firma del protocollo della Cabina di regia delle Regioni: Veneto, Friuli Venezia Giulia e Emilia Romagna.
Un accordo che mette a sistema i porti e gli interporti della macro area per rendere competitivo il sistema infrastrutturale nei confronti dei mercati globali e eliminare le inefficienze.
 
Chiedo al ministro Delrio che nessun corridore di questo sistema, possa competere con i sassi nelle tasche"- ha continuato Musolino -Non possiamo competere con i grandi sistemi geopolitici se facciamo la logica dei campanili.
 
Incontriamo il presidente Musolino a margine dell'iniziativa per una dichiarazione:
 
Se tu hai un ottimo porto che riesce a fare muovere le merci in maniera eccellente, poi hai un collo di bottiglia appena fuori dal confine della tua regione. Per agire sull'ottimizzazione e sull'efficientamento noi dobbiamo avere un coordinamento complessivo a livello di macro regione”. “Noi rappresentiamo la parte più dinamica della manifattura e della produzione del Paese, quindi abbiamo bisogno di infrastrutture efficienti che guardino in maniera coordinata non all'oggi, ma al dopo domani".
 
"La vera sfida per il sistema logistico del Nord Est è cogliere i grandissimi cambiamenti che stanno per arrivare, non sono lontanissimi”. “Il modo del trasporto delle merci che sta per arrivare con i block chain, l'ottimizzazione complessiva della counicazione, la digitalizzazione e virtualizzazione dei porti. Tutte cose che devono essere fatte immediatamente”.
 

Post correlati

Crollo Genova: Allarme ponti, viadotti e gallerie, 46 mila opere con poche risorse per la prevenzione

La rete infrastrutturale nazionale formata da ponti, viadotti e gallerie è composta da più di 46 mila elementi, circa 30 […]

In Italia ponti e viadotti vecchi di 50 anni con alto livello di rischio crollo

Parla Maurizio Crispino, docente di Costruzioni strade e ferrovie del Politecnico di Milano: “La pratica dei controlli non è diffusa. Necessari […]

Crollo ponte di Genova, Toninelli: “Sapere immediatamente se ci sono altre situazioni di rischio crollo in Italia”

GENOVA – “Si profila una immane tragedia”. “Situazione di difficoltà incredibile, tutte le forze dell’ordine stanno accorrendo da tutte le […]


Leggi articolo precedente:
Cascetta: “Nord Est Asset di sviluppo per l’Italia”

Stati Generali della Logistica del Nord Est, le dichiarazioni di Cascetta Amministratore  di RAM (ReteAutostrade Mediterranee Spa).   VENEZIA - "Percorso...

Chiudi