lorenziniterminal
grimaldi
Logistic & Transport > Mit-RAM pubblica “Connecting Dots” rapporto periodico su logistica trasporti ed economia

Mit-RAM pubblica "Connecting Dots" rapporto periodico su logistica trasporti ed economia

RAM Logistica Infrastrutture e Trasporti S.p.A. - Struttura tecnica di Missione del ministero Infrastrutture e Trasporti, ha pubblicato il primo Rapporto "Connecting Dots" si tratta di un bollettino periodico su logistica e trasporti in relazione agli andamenti dell'economia del Paese.

Il suo target è quello dei decisori politici, tecnici ed esperti, stakeholder del settore, ed è strutturato in tre macro-sezioni, incentrate sull'analisi degli andamenti macroeconomici, trasportistici, ed un'ultima parte dedicata all'analisi di atti e studi di interesse nel comparto dei trasporti, della logistica e delle loro interazioni.

"La mission di questo strumento" - spiega il prof. Ennio Cascetta, amministratore unico di RAM - "è costruire un minimo comune denominatore, un database per quanto possibile condiviso e univoco a livello nazionale, in materia di dati ed analisi che possano essere funzionali alla pianificazione di settore, alla programmazione e, per quanto possibile, alle scelte di investimento delle singole aziende, soprattutto in una fase di grande incertezza come quella che stiamo vivendo a causa del Covid. Il rapporto non si pone, infatti, l'obiettivo di sostituire le usuali fonti dati ovvero crearne di aggiuntive, quanto quello di connettere e portare a fattor comune i dati esistenti fornendo una panoramica integrata in grado di definire e individuare l'andamento del comparto dei trasporti nel suo insieme. Da qui la denominazione del rapporto "Connecting Dots".

Il primo numero di Connecting Dots mette in luce il forte differenziale di crescita del PIL registrato in Italia nel periodo 2009-2019 rispetto agli altri paesi dell'Unione Europea (+2,4% in Italia contro, ad esempio, il +21,4% della Germania), identificando nell'andamento delle esportazioni nazionali la componente che ha consentito di mantenere un sentiero, sebbene modesto, di crescita del paese.

"L'idea di "Connecting Dots" è quella di monitorare l'evoluzione del sistema dei trasporti merci e passeggeri del Paese per meglio pianificare, programmare e gestire gli investimenti nelle infrastrutture e servizi di trasporto. La grande quantità di dati oggi disponibili per il settore possono non essere appieno sfruttati senza una lettura unitaria che ne possa permettere una sintesi chiara anche per meglio comprendere dove siamo e soprattutto verso dove ci stiamo dirigendo come sistema Paese. Connecting Dots può inoltre diventare anche un riferimento utile per le aziende, gli operatori e gli esperti del settore che vogliano, in un unico documento sintetico, monitorare l'evoluzione, le tendenze e le esigenze del settore dei trasporti e della logistica italiana" - ha spiegato il prof. Giuseppe Catalano, coordinatore della struttura tecnica di missione per l'indirizzo strategico, lo sviluppo delle infrastrutture e l'alta sorveglianza - ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Post correlati

Luigi e Umberto Bonzano alla guida di BCube

Cambio ai vertici di BCUBE- il gruppo specializzato in logistica integrata e leader per la gestione della supply chain delle […]

Shipping, Forwarding&Logistics meet Industry – Corridoi logistici, merci alto valore e air cargo

MILANO – Shipping, Forwarding&Logistics meet Industry, VII edizione, l’appuntamento annuale dedicato all’incontro tra il mondo della logistica, delle spedizioni, dei […]

La Livorno Cold Chain torna al Fruit Logistica di Berlino per lanciare i nuovi progetti

BERLINO – La Livorno Cold Chain, la filiera logistica del freddo del porto di Livorno specializzata nei prodotti agroalimentari, sarà […]