lorenziniterminal
grimaldi
Logistic & Transport > Delrio, il Terzo valico pronto nel 2021

Delrio, il Terzo valico pronto nel 2021

ROMA - Per il Terzo valico dei Giovi «confermiamo l’orizzonte del 2021 per la conclusione dei lavori». Lo ha detto il ministro dei trasporti Graziano Delrio al termine dell’incontro bilaterale con la consigliera federale svizzera Doris Leuthard. «Le risorse ci sono e lo stato dei lavori avanzato», ha detto il ministro. In merito alle vicende giudiziarie, Delrio ha ribadito che si sta «valutando con il presidente dell’Anac il commissariamento, ma i lavori non verranno rallentati». In serata il ministro avrà un incontro con tutte le istituzioni di Piemonte e Liguria interessate.

Entro il 2020 avremo un collegamento «armonico» con la Svizzera e il traffico merci si sposterà progressivamente su ferrovia passando dall’attuale 7,5% al 30% nel 2030: «Le Alpi non saranno più una barriera ma una cerniera». È quanto ha affermato Delrio nel corso della conferenza stampa al termine dell’incontro bilaterale con la Consigliera federale, Doris Leuthard, sulla NFTA Nuova Ferrovia Trasversale Alpina, che fa parte del corridoio Genova-Rotterdam. «L’Italia - ha ricordato Delrio - è attraversata da quattro corridoi europei che creano uno spazio unico europeo. Sono collegamenti molti importanti per il nostro Paese che ha investito molte risorse. Con la Svizzera siamo interessati e determinati - ha sottolineato - a rafforzare il collegamento Genova-Rotterdam in considerazione dell’apertura della galleria del San Gottardo avremo uno straordinario potenziale per trasferire le merci dalle strade alle ferrovie. Con la Svizzera - ha spiegato - abbiamo una collaborazione fattiva soprattutto per i corridoi e per il trasporto merci. Grazie alla collaborazione tecnica e finanziaria con la Svizzera, dopo lo sblocco della Arcisate-Stabbio che sarà completata entro il 2017 e il corridoio Luino-Chiasso - sono parole di Delrio - saremo in grado di avere un sistema ferroviario che si muove in maniera armonica entro il 2020. In pochi anni lo scenario cambierà radicalmente. Il nostro obiettivo è il corridoio merci perché la “cura del ferro” fa bene alle nostre città e alle nostre aziende. L’obiettivo è di trasportare su ferrovia il 30% delle merci entro il 2030». Nel far presente che in collaborazione con le ferrovie svizzere e tedesche si pensa ad un collegamento ferroviario Milano-Zurigo-Francoforte, Delrio ha concluso auspicando che «le Alpi non saranno più una barriera ma una cerniera».

Post correlati

“La transizione ecologica del sistema automotive”, convegno a Livorno

“La transizione ecologica del sistema automotive” è il titolo del convegno che si svolgerà a Livorno – giovedì 7 e […]

Trasporto container, accordo tra driveMybox e Go. Trans

driveMybox cresce con Go-Trans driveMybox e Go.Trans siglano accordo per rafforzarsi  efficienza, esperienza e innovazione nel trasporto container MELZO – […]

Alis, ingresso nel Consiglio direttivo di 30 nuovi soci

Nel Consiglio direttivo di Alis sono entrate le aziende: Vodafone Italia, Snam4Mobility, Tecno, TMT International e CIL Impianti e costruzioni. […]


Leggi articolo precedente:
Zeno D'Agostino
Le priorità di D’Agostino: ferrovie e infrastrutture

TRIESTE- La notifica del decreto di nomina di Delrio è arrivata ieri sera alla Torre del Lloyd.ha ufficializzato il ruolo di...

Chiudi