ANAMA, Albertini: “Lo sviluppo del cargo-aereo nazionale non può prescindere da Malpensa”

Albertini, presidente ANAMA: "Arrivare in tempi brevi a un Piano Nazionale Aeroporti che sia effettivamente di orientamento per Gestori aeroportuali e attori della filiera del cargo aereo”.
Albertini

MILANO – Riconoscere il ruolo strategico che il settore del cargo-aereo gioca per il sistema economico del Paese in termini di competitività del nostro import-export, è l’appello al governo di ANAMA (Associazione Agenti Merci Aeree, aderente a Fedespedi e Confetra)  che interviene sull’iter legislativo del Decreto Aria e i possibili positivi sviluppi per l’espansione della Cargo City di Malpensa.

Infatti il Disegno di Legge di conversione del “Decreto Aria” (decreto-legge n.121/2023) – la cui pubblicazione è attesa in Gazzetta Ufficiale – all’art. 1-ter prevede una nuova valutazione dei ministeri e degli enti competenti sull’estensione della Cargo City di Malpensa nel Masterplan Malpensa 2035 in ragione della strategicità dello sviluppo del traffico cargo aereo.

Il presidente di ANAMA, Alessandro Albertini, ha commentato: “Il sistema logistico nazionale, e in particolare il cargo aereo, scontano in termini di competitività l’assenza di una visione strategica di sviluppo, che non può prescindere dallo sviluppo di Malpensa. Come abbiamo già sottolineato lo scorso giugno in occasione dell’approvazione parziale del Masterplan 2035 Malpensa concentra oltre il 65% del cargo nazionale”.

“Rispettiamo il parere del Commissione Tecnica per la Verifica dell’Impatto Ambientale – ha spiegato Albertini – che limita l’espansione della Cargo City all’area del sedime aeroportuale per ragioni di tutela ambientale ma riteniamo che l’emendamento al Decreto Aria e la richiesta del ministero di riconsiderare il parere alla luce della strategicità che riveste il cargo aereo nazionale sia un riconoscimento importante del ruolo che il settore aereo gioca per il sistema economico del Paese in termini di competitività del nostro import-export e occupazione. Proprio per questo ci tengo a sottolineare che lo sviluppo della Cargo City è importantissimo ma da accompagnare con interventi mirati di ottimizzazioni degli spazi e investimenti sulle infrastrutture digitali che possano incidere in modo decisivo su qualità ed efficienza dei servizi logistici resi e dunque sulla competitività degli scali.”

LEGGI TUTTO
Conftrasporto, Uggè contro l'UE: "Emissioni -55% al 2030, è autolesionismo"

“Per fare tutto questo è necessario, inoltre, che le autorità competenti – ha concluso il presidente di ANAMAagiscano nell’ambito di una strategia unitaria nazionale di sviluppo del cargo aereo nazionale che dovrebbe essere uno dei pilastri del sistema produttivo nazionale e sui chiediamo al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e ad ENAC di proseguire il lavoro in dialogo con le rappresentanze di settore per arrivare in tempi brevi a un Piano Nazionale Aeroporti che sia effettivamente di orientamento per Gestori aeroportuali e attori della filiera del cargo aereo”.

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC