lorenziniterminal
grimaldi
Focus > Federagenti, broker marittimi italiani a rischio collasso

Spadoni

Federagenti, broker marittimi italiani a rischio collasso

Sola sulla piazza di Genova in 10 anni il numero delle aziende di brokeraggio si è quasi dimezzato con occupati ad alta specializzazione passati dai quasi 340 del 2010 ai 220 di oggi. E' il grido di allarme di Federagenti.

Le aziende di brokeraggio impegnate nell’attività di noleggio e compravendita delle navi  sono a rischio collasso, è il grido di allarme di Federagenti -  In dieci anni diverse decine di aziende sono uscite di scena e diverse centinaia di posti di lavoro ad alta qualificazione professionale sono andati persi.
Questo  pilastro portante del cluster marittimo italiano, tra le eccellenze dello shipping nazionale, sta pagando non solo il prezzo altissimo della pandemia, ma soprattutto le conseguenze di un trend negativo che prosegue ormai da anni e che è frutto del combinato congiunto di una serie di fattori: dalla contrazione costante nel trasporto di alcune materie prime alla rinfusa (in primis il carbone) e, conseguentemente, dei noli, alla perdita del controllo da parte dei capitali italiani di attività strategiche industriali come quella della siderurgia sino alla contrazione nel numero delle compagnie di navigazione italiane impegnate nel trasporto di merci alla rinfusa.

“Con un sistema Paese – sottolinea il presidente di Federagenti Alessandro Santi - che, in un panorama generale di accorciamento delle filiere di approvvigionamento strategico e di aumentato controllo sulle stesse, è diventato incapace di comprendere quanto sia vitale difendere alcune attività legate a traffici vitali, delegandone, invece, il controllo a player stranieri, anche l’attività dei broker marittimi segna il passo facendo scattare un allarme che non può passare inascoltato. Nonostante una tradizione e un’affidabilità consolidata, nonostante una capacità di formare e impiegare giovani che sempre più spesso sono attirati da sirene straniere, le società di brokeraggio marittimo subiscono con sempre maggiore frequenza lo scavalcamento da parte di competitor esteri che sul mercato domestico possono competere con minori vincoli, ma anche minori garanzie per i clienti, ottenendo il favore dei grandi caricatori nazionali, a partire dalle multinazionali del settore energetico”.

Secondo Federagenti, si crea quindi un circolo vizioso nel quale i grandi caricatori escludono le società nazionali di brokeraggio, queste vedono erosa anche la loro storica propensione alla formazione e all’impiego dei giovani che, in numero crescente, o emigrano o cercano impiego presso i caricatori, con il risultato di indebolire quello che era un fiore all’occhiello dello shipping italiano e mediterraneo e, con effetto domino, anche il potere contrattuale e di controllo dei player industriali del Paese che sino a pochi anni fa trovavano nei broker italiani non solo una figura di intermediazione, ma soprattutto un consulente di fiducia.

Post correlati

Assarmatori, Messina: Plauso per la costituzione del Tavolo su “Sistema Marittimo Portuale”

Stefano Messina nella Consulta per le politiche delle infrastrutture e della mobilità sostenibili – “Mi pare che si sia partiti […]

Guardia Costiera, operazione ambientale “Onda Blu” – I risultati di Veneto e Liguria

L’operazione ambientale “Onda Blu”, condotta dalla Guardia Costiera su tutto il territorio nazionale, in un mese di attività  ha portato […]

Digitalizzazione delle procedure doganali nel porto di Ancona per la gestione del traffico traghetti

Progetto per la digitalizzazione delle procedure doganali nel porto di Ancona, nato dalla collaborazione con ADM e Guardia di Finanza, […]


Leggi articolo precedente:
Autotrasporto Tir
Recovery Resilience Facility, maggiore considerazione per Trasporti e logistica

Dichiarazione congiunta delle associazioni europee dei trasporti e della logistica sul Recovery and Resilience Facility. Pur essendo duramente colpito dalla...

Chiudi