lorenziniterminal
grimaldi
Energy > Inaugurato nel porto di Ravenna il deposito DIG, primo impianto costiero small scale di GNL in Italia

Spadoni

Inaugurato nel porto di Ravenna il deposito DIG, primo impianto costiero small scale di GNL in Italia

RAVENNA –Inaugurato ed entrato ufficialmente in esercizio nel porto di Ravenna l’impianto Depositi Italiani GNL (DIG) il primo deposito costiero nazionale di gas naturale liquefatto al servizio della sostenibilità del trasporto pesante e marittimo. La Petrolifera Italo Rumena (PIR), Edison ed Enagás ne hanno annunciato l’avvio delle operazioni. A realizzarlo la società Depositi italiani GNL, DIG, la partecipata al 51% da PIR, al 30% da Edison e al 19% da Scale Gas, società controllata di Enagás. Con l’avvio delle operazioni del deposito costiero DIG, Edison completa e avvia la prima catena logistica integrata per l’approvvigionamento e vendita di gas naturale liquefatto nel Paese.

Taglio Nastro

Un'opportunità di alimentazione e di sviluppo per il Paese, poichè oggi la maggior parte del GNL che l'Italia utilizza proviene da Marsiglia e da Barcellona via camion, il nuovo deposito di Ravenna darà una risposta alla richiesta di alimentazione di GNL per la crescente rete dei consumatori e dei distributori di GNL sia su strada che di bunkeraggio nell'Adriatico. Con la speranza che la disponibilità di gas naturale liquefatto nell'Alto Adriatico possa fare accrescere il traffico di navi da crociera e di traghetti che già gravitano in questa area.

Con questo impianto il nostro Paese beneficerà di un approvvigionamento stabile e sicuro per il mercato del GNL nei trasporti: una soluzione concreta e disponibile in grado di contribuire da oggi alla decarbonizzazione dei trasporti. La direttiva europea DAFI favorisce l’adozione del GNL per il trasporto pesante e l’Italia ha assunto l’impegno (D.Lgs 257 del 16 dicembre 2016) di coprire con il GNL il 50% del consumo marittimo e il 30% di quello stradale entro il 2030, creando una rete di infrastrutture di approvvigionamento lungo la rete trans-europea di trasporto TEN-T. Ravenna diviene dunque il primo porto italiano del TEN-T a dotarsi di una infrastruttura per il GNL. Un impegno rilanciato dal nostro Paese con gli investimenti previsti dal Fondo Complementare del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza a sostegno del rinnovo delle flotte navali e dell’implementazione dell’uso del gas naturale liquefatto per i trasporti marittimi. Deposito GNL

Il deposito, realizzato con un investimento di circa 100 milioni di euro sul territorio, ha una capacità di stoccaggio di 20.000 metri cubi di GNL e una capacità di movimentazione annua di oltre 1 milione di metri cubi di gas liquido, rendendo disponibile il GNL per l’alimentazione di almeno 12.000 camion e fino a 48 traghetti all’anno. Durante il suo esercizio consentirà di evitare l’emissione di 6 milioni di tonnellate di CO2 e di azzerare quelle di particolato e di ossidi di zolfo.

«Siamo orgogliosi di annunciare oggi l’inaugurazione di una nuova infrastruttura altamente strategica per il Paese e coerente con la strategia di contrasto ai cambiamenti climatici. Il GNL ha un ruolo cardine di accompagnamento della transizione energetica, in quanto permette di avviare subito il processo di decarbonizzazione dei trasporti marittimi e pesanti, dove altri tipi di soluzioni e tecnologie non sono implementabili su larga scala se non nel lungo termine. – dichiara Nicola Monti, amministratore delegato di Edison –. Grazie a questa nuova infrastruttura, alla posizione unica che Edison ricopre in Italia, quale importatore long-term di GNL, e alla disponibilità di una nave metaniera Small Scale, avviamo un nuovo canale di approvvigionamento sicuro e competitivo, che riduce la dipendenza dalle importazioni via autobotte dall’estero, e potrà favorire la diffusione del GNL nei trasporti anche in zone d’Italia dove ad oggi non risultava accessibile o competitivo».

Ravenna GNL

«Siamo molto soddisfatti di aver raggiunto questo ambizioso traguardo nella realizzazione della prima infrastruttura strategica di GNL in Italia e particolarmente nel porto di Ravenna, che è la base storica del nostro Gruppo, e di aver intrapreso questa avventura economica con partner importanti come Edison e Scale Gas Solutions del Gruppo Enagás - commenta Guido Ottolenghi, amministratore delegato PIR –. Il deposito DIG rappresenta il primo passo concreto nella direzione della transizione energetica del Paese».

«La partecipazione di Enagás nell’infrastruttura ravennate è il risultato di anni di collaborazione tra le società energetiche italiane e spagnole, di cui siamo orgogliosi. Questo nuovo terminale, che ha iniziato a rifornirsi dall’infrastruttura GNL di Barcellona, rafforzerà la catena di approvvigionamento del GNL nel Mar Mediterraneo e contribuirà alla promozione e all’uso di questo combustibile alternativo nei trasporti. Questo traguardo strategico è in linea con la strategia di decarbonizzazione di Enagás e consentirà anche di raggiungere gli obiettivi UE di decarbonizzazione dei trasporti», dichiara Marcelino Oreja, amministratore delegato di Enagás.

Depositi Italiani GNL è la società che da oggi prende formalmente in carico la gestione delle attività operative del deposito costiero nel porto di Ravenna. Edison si occuperà dell’approvvigionamento del deposito tramite la Ravenna Knutsen, una delle prime metaniere al mondo di piccola taglia (30.000 metri cubi) e di estrema flessibilità operativa, fatta realizzare dall’armatore norvegese Knutsen OAS Shipping. La capacità stoccata nel deposito sarà venduta a terzi per il 15% da DIG, mentre Edison disporrà dell’85% da destinare agli usi finali, in quanto operatore integrato dall’approvvigionamento del GNL alla sua vendita. In questo modo, Edison completa la prima catena logistica integrata in Italia, garantendo stabilità e competitività delle forniture di GNL del Paese.

La realizzazione del deposito costiero è stata affidata all’ingegneria di Edison che, nonostante la situazione pandemica determinata dal Covid-19, ha consegnato l’impianto nei 28 mesi previsti dalla tabella di marcia del cantiere. Nella fase di costruzione l’impianto ha visto il coinvolgimento di 60 imprese fornitrici locali, oltre 200 operai e 80 ingegneri che hanno disegnato e seguito l’esecuzione di tutti gli elementi del terminale. Per la sua realizzazione sono stati impiegati 30.000 metri cubi di calcestruzzo, 600 tonnellate di acciaio e il terreno è stato consolidato attraverso 2.200 pali in ghiaia e 180 pali in calcestruzzo armato di oltre un metro di diametro e profondi 45 metri. Enagás ha supportato Edison e DIG nella fase di avvio della messa in esercizio del terminal.

Il mercato italiano del GNL per autotrazione è caratterizzato da forti potenzialità di sviluppo e da trend di crescita che saranno accelerati grazie anche alla realizzazione di nuove infrastrutture. In Italia nel 2020 circolavano 2.904 mezzi (2.852 autocarri, 52 autobus) alimentati a GNL, pari a un incremento di circa il 40% rispetto al 2019; inoltre nel 2020 sono stati immatricolati 41 nuovi bus a GNL, confermando il trend di diffusione dei mezzi a GNL anche nel settore del trasporto pubblico locale. Nel primo semestre 2021 le nuove immatricolazioni di camion a GNL sono state 635 (+86,8% dalle 340 immatricolazioni di un anno prima) secondo i dati del ministero dei Trasporti elaborati dall’Anfia, Associazione italiana della filiera automobilistica. Attualmente nel Paese circolano circa 3.500 camion a GNL e si registrano 104 stazioni di rifornimento (erano solo 6 nel 2016).

Per quanto concerne il trasporto marittimo, dal 2010 ad oggi il numero di navi alimentate a GNL è continuamente aumentato, con un ritmo tra il +20% e il +40% all’anno e quelle in ordine ad oggi sono circa 84 unità. Una accelerazione dettata anche dall’introduzione nel 2020 del nuovo regolamento dell’Organizzazione Marittima Internazionale (IMO), che ha imposto di limitare il contenuto di zolfo nel carburante marittimo dal 3,5% dei carburanti tradizionali allo 0,5% per specifiche aree marine definite SECA (Sulphur Emission Controlled Area). In questo senso, un ulteriore contributo a nuovi ordini di navi a GNL è atteso dal settore croceristico che ha nel Mar Mediterraneo il suo secondo mercato al mondo, preceduto solo dai Caraibi.

Post correlati

Università di Pisa e Comune di Livorno partner master: “Sviluppo Sostenibile e Cambiamenti Climatici

Il Comune di Livorno, e in particolare il Settore Ambiente diretto dal dott. Leonardo Gonnelli, è partner del nuovo master […]

Proroga per il 2021 per il Consorzio Nazionale Riduzione GHG

ROMA – Il Consorzio Nazionale Riduzione GHG, prorogato per gli anni successivi al 2020. La proroga è stata deliberata in […]

Transizione energetica, Mattana (EDISON): «Non cercare il miraggio, il GNL in Italia è già garanzia di filiera completa»

Parla Fabrizio Mattana, executive vice president Gas Assets – Edison SpA: «Nell’ottica di 50 anni è giusto studiare più soluzioni […]


Leggi articolo precedente:
Federlogistica Conftrasporto
Federlogistica-Conftrasporto, lanciano il progetto Logistic Digital Community

Nasce la comunità virtuale "Logistic Digital Community" promossa da Federlogistica Conftrasporto-Confcommercio per favorire il processo di digitalizzazione nel mondo del...

Chiudi