Cruise & Ferries > Grandi navi a Venezia, stop al transito nei Canali San Marco e Giudecca

Grandi navi a Venezia, stop al transito nei Canali San Marco e Giudecca

Avv. Matteo Miatto
Studio Legale Miatto-Seppi (
Venezia)

VENEZIA
- Dal 1° giugno 2018 entreranno in vigore nuove misure di mitigazione al transito nei canali lagunari-marittimi di San Marco e della Giudecca delle navi aventi stazza lorda superiore alle 40.000 tonnellate.
 
In data 20.2.2018 la Capitaneria di Porto di Venezia - nelle more dell'individuazione di vie navigabili alternative rispetto al transito delle c.d. "grandi navi" lungo i Canali lagunari-marittimi di San Marco e della Giudecca - ha diramato una bozza di provvedimento ordinativo contenente le seguenti nuove misure per la mitigazione dei rischi connessi a siffatto transito, destinate ad entrare in vigore il 1° giugno 2018:
 
Il passaggio lungo i predetti Canali delle unità navali superiori alle 40.000 GT sarà consentito solo ed esclusivamente ove queste rientrino nei limiti dimensionali espressi dai valori soglia del fattore tecnico-costruttivo denominato "modulo d'armamento" (EN), di seguito specificati: EN ≤ 6.600 per il periodo temporale ricompreso tra il 1°.6.2018 ed il 31.3.2019; EN ≤ 6.300 dal 1°.4.2019 in poi. Il modulo d'armamento (EN) dovrà risultare espressamente dalla documentazione/certificazione tecnico-costruttiva dell'unità.
 
Nell'espletamento del servizio di rimorchio delle navi superiori alle 40.000 GT, il rimorchiatore posizionato a poppavia dell'unità navale dovrà essere prioritariamente individuato tra i mezzi della flotta con potenza di tiro maggiore alle 35 tonnellate;
Il concessionario del servizio di rimorchio dovrà impiegare per i propri mezzi, durante l'attività svolta nei canali lagunari-marittimi, combustibile ad uso marittimo a basso tenore di zolfo;
Le unità adibite a trasporto passeggeri superiori alle 40.000 GT saranno soggette - salvo condizioni meteo avverse - ai seguenti limiti di velocità: 8 nodi, dalle bocche di porto fino al forte di Sant'Andrea (in entrambe le direttrici di marcia); 6 nodi, per la navigazione dal forte di Sant'Andrea fino alla Stazione Marittima (sempre in entrambe le direttrici di marcia);
 
Rimangono invariate, in quanto compatibili, le misure di mitigazione in precedenza adottate dalla Capitaneria, tra cui: obbligo del secondo pilota a bordo per navi passeggeri superiori a 40.000 GT; obbligo del secondo rimorchiatore "con cavo voltato" per navi maggiori di 40.000 GT; distanza tra unità di navigazione nella medesima direzione non inferiore a 0,7 miglia nautiche, ovvero non inferiore a 2,0 miglia nautiche per navi passeggeri superiori a 40.000 GT; intervallo di partenza dagli ormeggi delle navi passeggeri non inferiore a 15 minuti;
 
I portatori di interessi privati hanno facoltà di inoltrare - nei prossimi venti giorni - osservazioni e contributi, che saranno presi in esame dall'apposito gruppo di lavoro costituito dalla Capitaneria di Porto di Venezia con nota n. 9449 del 31.3.2017.
 
 

Post correlati

Porto Livorno 2000, aggiudicata la gara alla ATI: Sinergest, Moby, Ltm e MSC

LIVORNO – Aggiudicazione definitiva per la Porto di Livorno 2000, la società che nel porto toscano gestisce il traffico crocieristico, […]

LA REPLICA / Gruppo Grimaldi: “I nostri marittimi extra-UE imbarcati, meno del 15%”

Napoli – “Nel gruppo partenopeo i marittimi extra-UE rappresentano meno del 15% della forza lavoro” – Lo rende noto con un comunicato […]

Il Tar del Lazio sospende a Moby e CIN la maxi sanzione di 29 milioni

ROMA – Il TAR del Lazio ha sospeso nei confronti di Moby e Compagnia Italiana di Navigazione (CIN)  l’onere di […]


Leggi articolo precedente:
Blue Economy Summit: Opportunità di crescita e sviluppo del territorio, a Genova 9-12 aprile

Blue Economy Summit - Genova, 9-12 aprile - Una grande opportunità di crescita e sviluppo dell'occupazione per il territorio.   GENOVA...

Chiudi