CLIA: Il crollo delle crociere costa all’economia USA 32 miliardi e 254mila posti di lavoro

nave crociera

Nel 2019, il contributo dell’industria delle crociere all’economia degli Stati Uniti è stato pari a 55 miliardi di dollari. L’impatto del Covid nel 2020 traccia una perdita devastante, pari a 32 miliardi di dollari. Lo dice il rapporto economico pubblicato dalla CLIA (Cruise Lines International Association) .

“L’impatto della pandemia COVID-19 e la conseguente sospensione delle crociere negli Stati Uniti sta avendo un impatto devastante sull’economia e su tutte quelle persone che dipendono dall’attività crocieristica per il proprio sostentamento“, Lo ha dichiarato Bari Golin-Blaugrund, vicepresidente delle comunicazioni strategiche per CLIA.

Secondo il rapporto CLIA, le crociere hanno contribuito per 55 miliardi di dollari all’economia americana nel 2019, con un aumento del 5,3% rispetto al 2018. Ma nel 2020, la sospensione delle attività crocieristiche negli USA fino alla fine dell’anno, a causa della pandemia COVID-19 in corso, causerà una perdita stimata di  32 miliardi di dollari.

“Da metà marzo fino alla fine di quest’anno, si stima che la sospensione della crociera negli Stati Uniti comporterà una perdita di oltre 32 miliardi di dollari e una perdita di oltre 254 mila posti di lavoro agli americani”, ha detto Golin-Blaugrund, aggiungendo che il numero include l’indotto delle crociere nei diversi settori, “dal trasporto via terra, a quello aereo, ai servizi di ristorazione e forniture di alimentari e bevande, alloggio, produzione, agricoltura, agenzie di viaggio e un vasto indotto di servizi”

L’unica via d’uscita da questa devastazione? Che le crociere ricomincino a navigare.

“Una ripresa della crociera negli Stati Uniti nel 2021, con misure rigorose in atto e con il sostegno delle autorità sanitarie, sarà fondamentale per rimettere le persone al lavoro e alimentare la maggiore ripresa economica dalla pandemia”, ha dichiarato Kelly Craighead presidente e CEO di CLIA in un comunicato stampa.
E l’industria si sta preparando a salpare di nuovo da tempo. Dopo aver esteso la sua sospensione volontaria della navigazione fino alla fine dell’anno, l’industria ha detto che avrebbe preparato e allineato i protocolli del settore allineandoli agli standard sanitari richiesti.

LEGGI TUTTO
Formazione "ITS Commissario di bordo" alla Fondazione Accademia Italiana Marina Mercantile

L’industria ha anche annunciato test anticovid universali su navi in ​​grado di trasportare oltre 250 in tutto il mondo.

Richard Fain, CEO di Royal Caribbean Group, ritiene che l’industria abbia trovato un modo per andare avanti. “Crediamo che sia possibile fare in modo che il passeggero possa essere  più al sicuro su una nave da crociera di quanto non lo sia su ‘Main Street'”

Ma non è chiaro quando riprenderà effettivamente il settore negli Stati Uniti, la cui sospensione scadrebbe il 31 dicembre, tuttavia questo non sta a significa che le navi salperanno immediatamente dopo tale data. In effetti, Carnival Cruise Line ha già cancellato le crociere nelle acque degli Stati Uniti fino alla fine di gennaio e alcune partenze fino a marzo”

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC