Ports > Authority-Gioia Tauro su verifica concessione a MCT: “La documentazione è incompleta”

Authority-Gioia Tauro su verifica concessione a MCT: "La documentazione è incompleta"

La risposta del terminalista MCT è incompleta. Il commissario Andrea Agostinelli sollecita la trasmissione della documentazione entro ulteriori 15 giorni.
 
GIOIA TAURO - All'inizio del mese di gennaio scorso, il commissario dell'Autorità portuale di Gioia Tauro, Andrea Agostinelli, muoveva richiesta nei confronti della società Terminalista MCT (Medcenter Contanair Terminal) di  "una necessaria e stringente verifica sulla sussistenza dei requisiti per il mantenimento del vigente assetto concessorio ed autorizzativo". Ovvero il commissario chiedeva al terminalista MCT l'invio, entro 30 giorni, dei documenti contabili, piani aziendali e piani mezzi, al fine di valutare la prosecuzione delle concessioni.
 
Oggi l'Ente rende noto che la risposta del terminalista MCT è incompleta, pertanto il commissario Andrea Agostinelli sollecita la trasmissione della documentazione entro ulteriori 15 giorni:
 
"L'Autorità Portuale ha sollecitato la società concessionaria Medcenter Contanair Terminal alla trasmissione completa della documentazione richiesta per poter compiutamente dar corso alla attività di verifica avviata dall'Ente per una valutazione prognostica della capacità societaria di far fronte agli indifferibili - e più volte annunciati - investimenti per il rilancio del terminal, ad oggi mai documentati od altrimenti corroborati da piani di impresa concreti, finalmente coerenti con gli ingentissimi interventi infrastrutturali di questa Autorità Portuale.
 
 
Allo stato, la Società, che pur ha fatto pervenire in data 22.02.2018 una mera comunicazione recante dichiarazioni di intenti su non meglio declinati investimenti, non ha inteso offrire rigoroso riscontro a quanto richiesto dall'Ente in prosieguo di tempo per lo svolgimento della attività di verifica di competenza.
A tal riguardo l'Ente in data 2 u.s., a fronte della citata comunicazione dai contenuti non esaustivi che avrebbe dovuto essere predisposta con maggiore rigore e serietà attesa la drammaticità della reale situazione che sta vivendo lo scalo gioiese con assunzione delle conseguenti delicate responsabilità, ha ritenuto non altrimenti satisfattivo il riscontro fornito ridottosi ad una mera enunciazione da parte della Società concessionaria della volontà di effettuare investimenti, senza la imprescindibile allegazione di quanto richiesto da questa Autorità Portuale, posto che qualsivoglia valutazione di questa Amministrazione potrà essere compiuta solo al ricevimento completo della documentazione richiesta con particolare riferimento al puntuale e provato stato degli investimenti effettuati unitamente alla produzione di un dettagliato cronoprogramma degli investimenti da effettuare in coerenza con le previsioni contabili societarie, corroborato da atti e documenti attestanti in modo incontrovertibile gli impegni assunti dal management societario in tale direzione.
 
Dopo tutti gli sforzi compiuti dalla parte pubblica per garantire nel tempo livelli di assoluta idoneità del porto di Gioia Tauro atti a rendere perfomanti e competitive le prestazioni di tutti gli operatori, implementandone la qualità ed assicurandone sempre più elevati standard di sicurezza, l'Ente non può ritenere esaustivo, per le valutazioni di competenza, un riscontro parziale quale è quello fornito dalla Società Medcenter Contanair Terminal.
 
Al di là del ripetitivo richiamo alla crisi del transhipment che, in quanto tale, non ha investito soltanto la Società MCT, ma gran parte dei terminal che operano nel settore in questione che hanno evidentemente registrato una importante ripresa, grazie a politiche aziendali di investimento per rendere ancor più attrattivi i propri terminal ed i servizi offerti con scelte orientate alla ricerca ed al consolidamento di relazioni commerciali con gli armatori che operano a livello mondiale, l'Autorità Portuale ha chiaramente necessità indefettibile di avere una visione prospettica delle scelte aziendali e degli investimenti, ivi comprese le riconnesse risorse finanziarie funzionali all'uopo, che non possono ridursi a mere lettere di intenti quale è apparsa quella con cui la Società avrebbe fornito le "informazioni richieste", e che soprattutto non sono più in alcun modo differibili a garanzia di un effettivo rilancio del terminal gestito, in un'ottica di reale perseguimento dell'interesse pubblico ad esso sotteso."
                                                                                                                            

Post correlati

Commissione UE: Illegali gli aiuti di Stato concessi al porto di Napoli – 44 mln di euro

NAPOLI – La Commissione europea è giunta a conclusione: sono illegali i 44 milioni di euro accordati dallo Stato italiano all’Autorità […]

Genova cerca le soluzioni viarie per garantire maggiore operatività al porto

GENOVA – E’ stato dato il via alla demolizione del muro spartiacque tra l’area nazionale e quella internazionale nel bacino […]

La Spezia e il Gruppo Contship puntano la prua verso gli USA

Missione congiunta negli USA per l’Autorità di Sistema del Mar Ligure Orientale e il Gruppo Contship Italia,  NEW YORK – […]


Leggi articolo precedente:
Cluster Marittimo europeo
Federazione del Mare: Riunito a Bruxelles il vertice del cluster marittimo europeo

BRUXELLES- Si è riunito nei giorni scorsi a Bruxelles il nuovo Presidium di European Network of Maritime Clusters (ENMC), l’organizzazione...

Chiudi